Lingua pashtu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Lingua pashtu (پښتو)
Parlato in Afghanistan, Pakistan
Persone 40~60 milioni (2009)[1]
Classifica 29
Scrittura alfabeto arabo
Filogenesi Lingue indoeuropee
 Lingue indoiraniche
  Lingue iraniche
   Lingue iraniche orientali
    Lingue iraniche sudorientali
Statuto ufficiale
Nazioni Afghanistan Afghanistan
Regolato da Accademia delle Scienze dell'Afghanistan
Codici di classificazione
ISO 639-1 ps
ISO 639-2 pus
ISO 639-3 pus  (EN)
SIL pus  (EN)
Iranian tongues.svg
Distribuzione geografica delle varie lingue iraniche

La lingua pashtu (پښتو paʂto; conosciuto anche come afgano, pathan, pakhto, pushto, pashtoe, pashtu, pushtu, pashto پشتو e pukhto پختو ) è una lingua iranica parlata in Afghanistan e Pakistan.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Si reputa che la lingua abbia avuto origine nelle aree di Qandahar/Helmand in Afghanistan. Da quando la capitale fu spostata da Kandahar a Kabul nel Settecento, è più utilizzata ufficialmente la lingua persiana (dari) rispetto l'afgano/pashtu. Il pashtu, insieme al persiano (dari), è una delle due lingue ufficiali dell'Afghanistan. È parlato, secondo fonti della CIA, da circa il 35% della popolazione afgana come lingua madre, sebbene questo dato provenga da una ricerca demografica durata decenni ma non ancora portata a termine. Un grosso gruppo di lingua pashtu è presente in Pakistan, dove costituisce tra il 16% e il 20% della popolazione (inclusi profughi afgani), anche se è difficile completare una statistica accurata a causa della natura tribale e nomade dei pashtun nonché della consuetudine di isolare le donne. Il pashtu utilizza l'alfabeto Pashto, una variante dell'alfabeto arabo.[2][3][4]

Diffusione geografica[modifica | modifica wikitesto]

Il pashtu è lingua ufficiale in Afghanistan, assieme al dari.[5] Secondo l'edizione 2009 di Ethnologue, i locutori delle diverse varietà di pashtu sono come minimo oltre 17 milioni, di cui 9,6 in Pakistan[2] e 8 in Afghanistan.[3]

Tramite flussi migratori la lingua è attestata anche in altri paesi, tra cui Canada,[2] Emirati Arabi Uniti,[2] India,[2] Iran,[3] Regno Unito,[2] Stati Uniti d'America,[2] Tagikistan.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Grammar of Pashto: A Descriptive Study of the Dialect of Kandahar, Afghanistan
  2. ^ a b c d e f g Ethnologue report for Pashto, Northern. URL consultato il 30 novembre 2012.
  3. ^ a b c d Ethnologue report for Pashto, Southern. URL consultato il 30 novembre 2012.
  4. ^ Ethnologue report for Pashto, Central. URL consultato il 30 novembre 2012.
  5. ^ Afghanistan Constitution - Article 16 Languages. URL consultato il 30 novembre 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]