Bacino Orcadiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Estensione del Bacino Orcadiano in base agli affioramenti rocciosi e alle evidenze provenienti dalle esplorazioni di pozzi petroliferi sottomarini.

Il Bacino Orcadiano, o Bacino delle Orcadi, è un bacino sedimentario risalente al Devoniano che si è formato come risultato di una tettonica distensiva nel nordest della Scozia, dopo la fine dell'orogenesi caledoniana.[1]

Per parte della sua storia il bacino ha accolto un lago noto come Lake Orcadie. In quell'ambiente lacustre si è depositata una sequenza di rocce sedimentarie fini derivanti dalla deposizione di fanghi carbonatici (peliti), contenenti pesci fossili ben conservati entro un'alternanza di strati che vanno dalle siltiti grossolane fino alle più fini arenarie.[2] Queste lastre di pietra (lose) si scindono facilmente secondo il piano di deposizione e sono usate da millenni come pietra da costruzione.[3]

I depositi del Bacino Orcadiano fanno parte della formazione nota come Old Red Sandstone (ORS). I termini litostratigrafici di ORS inferiore, medio e superiore non coincidono tuttavia con i sedimenti del Devoniano inferiore, medio e superiore, poiché attualmente viene riconosciuto che la base dell'ORS si situa nel Siluriano mentre il limite superiore si trova nel Carbonifero.[4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ M. Seranne, Devonian extensional tectonics versus Carboniferous inversion in the northern Orcadian basin in Journal of the Geological Society, vol. 149, n. 1, pp. 27–37. URL consultato il 25 febbraio 2010.
  2. ^ D.A. Rogers e T.R. Astin, Ephemeral lakes, mud pellet dunes and wind-blown sand and silt: reinterpretation of Devonian lacustrine cycles in north Scotland in Anadón A., Cabrera L. & Kelts K.R., Lacustrine facies analysis, Special publications of the International Association of Sedimentologists, vol. 13, John Wiley & Sons, 1991, pp. 199–221. ISBN 978-0-632-03149-8.
  3. ^ Neil Oliver, A History of Ancient Britain, Hachette UK, 2011. ISBN 978-0-297-86768-5. URL consultato il 27 febbraio 2012.
  4. ^ W.J. Barclay, 1: Introduction to the Old Red Sandstone of Great Britain in Barclay, W.J., Browne, M.A.E., McMillan, A.A., Pickett, E.A., Stone, P. and Wilby, P.R. (a cura di), The Old Red Sandstone of Great Britain, Geological Conservation Review Series, vol. 31, Joint Nature Conservation Committee. ISBN 1-86107-543-X. URL consultato il 26 febbraio 2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]