Anna Jur'evna Netrebko

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anna Netrebko
Anna Netrebko
Anna Netrebko
Nazionalità Russia Russia
Genere Opera lirica
Periodo di attività 1994 – in attività
Etichetta Deutsche Grammophon
Album pubblicati 17
Sito web

Anna Jur'evna Netrebko, in russo Анна Юрьевна Нетребко (Krasnodar, 18 settembre 1971), è un soprano russo.

Vladimir Putin le conferisce il titolo di "Artista del popolo della Russia" (Teatro Mariinskij, 27 febbraio 2008)

Allieva di Renata Scotto, Anna Netrebko ha voce di soprano lirico.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Anna Netrebko, nata da una famiglia di Cosacchi del Kuban, inizia a lavorare pulendo i pavimenti del Teatro Mariinskij (allora Opera Kirov) di San Pietroburgo per pagarsi gli studi di canto al Conservatorio di San Pietroburgo. Nel 1993 ha vinto il primo premio del Concorso Vocale Glinka a Mosca. La sua carriera iniziò quando venne notata dal direttore Valery Gergiev, che divenne il suo mentore. Sotto la sua guida, fece il suo debutto nel ruolo di Susanna in Le nozze di Figaro nel 1994 al Mariinsky Theater in aprile. In giugno è Regina della notte in Die Zauberflöte a Riga.

Nel 1995 si è diplomata al Conservatorio di San Pietroburgo ed a San Pietroburgo è Ludmilla in Ruslan e Ludmilla di Michail Ivanovič Glinka e Pamina in Die Zauberflöte. In luglio è Rosina ne Il barbiere di Siviglia (Rossini) a Mikkeli. La sua ascesa vera e propria inizia, quando la Compagnia del Teatro fece una tournée al San Francisco Opera nel mese di settembre. La sua interpretazione di Ludmilla in Ruslan e Ludmilla di Glinka diretta da Gergiev, che rappresenta anche il suo debutto americano, ottenne ottime critiche.

Da allora, ha interpretato numerosi ruoli, tra cui Donna Anna nel Don Giovanni di Mozart, Adina ne L'elisir d'amore e Lucia nella Lucia di Lammermoor di Donizetti, Gilda in Rigoletto di Verdi, e cantato nei maggiori teatri del mondo, come il Metropolitan, la Royal Opera House Covent Garden, l'Opéra di Parigi, il Festival di Salisburgo e il Teatro alla Scala di Milano.

Nel 1996 canta musiche di Mussorgsky alla Royal Albert Hall di Londra ed è Micaela in Carmen (opera) al Bunka Kaikan di Tokyo.

Nel 1997 vince il Premio Baltika per giovani cantanti lirici (San Pietroburgo) ed è la seconda Flower Maiden in Parsifal (opera) a San Pietroburgo, Louisa in Betrothal in a Monastery di Sergei Prokofiev a Mikkeli, Xenia in Boris Godunov (opera) a Ravenna e Ninetta ne L'amore delle tre melarance ad Amsterdam.

Nel 1998 è Violetta ne La traviata a San Pietroburgo, canta in un recital musiche di Rachmaninov e Nikolai Rimsky-Korsakov e nel Messiah a San Francisco ed inoltre debutta a Salisburgo come Blumenmädchen in Parsifal con i Wiener Philharmoniker, Plácido Domingo e Waltraud Meier diretta da Gergiev.

Al San Francisco Opera nel 1998 è Susanna ne Le Nozze di Figaro e Louisa in Betrothal in a Monastery di Prokofiev diretta da Gergiev, nel 1999 è Ilia in Idomeneo (opera), nel 2000 è Zerlina in Don Giovanni, Musetta ne La Bohème e debutta il ruolo di Marfa ne La fidanzata dello Zar (opera), nel 2001 debutta il ruolo di Adina ne L'Elisir d'Amore ed è Nannetta in Falstaff (Verdi).

Alla Scala diretta da Gergiev nel 1998 canta La camera dei bambini di Modest Petrovič Musorgskij trasmessa da Retequattro e nel 2000 Natasha Rostova in Vojna i mir (Guerra e pace) di Prokofiev.

Per il Teatro La Fenice di Venezia nel 1998 ha eseguito la Cantata Le campane op. 35 di Sergej Rachmaninov al PalaFenice al Tronchetto.

Nel 1999 debutta al Washington National Opera come Gilda nel Rigoletto di Verdi, è Amina ne La sonnambula a San Pietroburgo, Teresa in Benvenuto Cellini di Berlioz al Concertgebouw di Amsterdam e canta nella Sinfonia n. 2 (Mahler) a Ravenna.

Nel 2000 canta nella Messa in Si minore di Bach al Teatro Comunale di Firenze ed al Teatro dei Rinnovati di Siena.

Nel 2000 al Teatro Mariinsky è Natasha in Guerra e pace di Prokofiev diretta da Gergiev, Lucia di Lammermoor ed Antonia in Les contes d'Hoffmann di Offenbach.

Nello stesso anno debutta al Royal Opera House di Londra con la Contessa Natalya Rostova in War and Peace di Prokofiev diretta da Gergiev. Sempre al Covent Garden nel 2002 è Servilia ne La clemenza di Tito con Barbara Frittoli, nel 2003 è Donna Anna in Don Giovanni e nel 2005 Gilda in Rigoletto.

Nel 2001 è Israelitin in Judas Maccabaeus di Händel al Teatro della Pergola di Firenze.

Nel 2002 debutta al Metropolitan Opera House di New York nel ruolo di Natasha Rostova in War and Peace con Samuel Ramey diretta da Gergiev. Sempre al Met nel 2003 è Zerlina Don Giovanni con Ferruccio Furlanetto e Kurt Moll, nel 2004 Musetta ne La Bohème diretta da Daniel Oren e nel 2005 Gilda in Rigoletto.

Nel 2002 debutta il ruolo di Donna Anna nel Don Giovanni con Magdalena Kozená diretta da Nikolaus Harnoncourt a Salisburgo ed a San Pietroburgo, canta la Sinfonia n. 4 (Mahler) al Festival di Verbier diretta da James Levine ed è Giulietta in Romeo e Giulietta (Gounod) a Filadelfia (Pennsylvania).

Nel 2003 debutta al Wiener Staatsoper come Violetta Valéry ne La traviata. Sempre a Vienna nel 2004 è Donna Anna in Don Giovanni diretta da Seiji Ozawa e nel 2005 è Adina in L'elisir d'amore con Rolando Villazón e Leo Nucci.

Nel 2003 tiene un concerto con Ramón Vargas nel Nationaltheater (Monaco di Baviera), canta lo Stabat Mater (Pergolesi) a Verbier ed il Concerto per Soprano di Coloratura e orchestra di Reinhold Glière.

La stampa e la televisione iniziano a creare l'immagine di "diva" che mancava al mondo della lirica dai tempi di Anna Moffo.[1]

Nel 2003 la Netrebko pubblica il suo primo album di studio, Opera Arias, uno dei maggiori successi commerciali nel settore della musica classica. Il secondo album, Sempre libera, esce nel 2004. Data la sua avvenenza, anche il cinema inizia a corteggiarla.

Nel 2004 a Salisburgo è Natasha Rostova in War and Peace con Dmitri Hvorostovsky diretta da Gergiev e Giulietta ne I Capuleti e i Montecchi e partecipa al film Principe azzurro cercasi.

Nel 2005 interpreta Giulietta in Romeo e Giulietta di Charles Gounod assieme al tenore Villazón a Los Angeles; nello stesso anno, sempre con Villazón, riscuote uno strepitoso successo di pubblico e di critica nel ruolo di Violetta Valéry ne La traviata di Verdi diretta da Carlo Rizzi al Festival di Salisburgo (di cui esiste una registrazione) ed è Marfa ne La fidanzata dello Zar a San Pietroburgo.

Nel 2005 ha ricevuto il Premio di Stato russo – massimo riconoscimento del paese nel campo delle arti e letteratura – dal Presidente Vladimir Putin.

Nel marzo 2006 ha chiesto la cittadinanza austriaca, che le è stata concessa il 25 luglio 2006. Questo le ha attirato varie critiche dalla Russia con accuse anche di "traditrice". Netrebko dichiarò però che in Russia le rigorose procedure di rilascio dei visti per l'espatrio, le rendevano a volte impossibile poter essere presente tempestivamente ai suoi impegni teatrali. Dichiarò comunque di voler mantenere la cittadinanza russa: "Naturalmente sono e rimango una russa".[2] Il 26 luglio è Susanna ne Le Nozze di Figaro a Salisburgo.

Nello stesso anno è uscito il terzo album della cantante, The Russian Album, in cui è accompagnata dall'orchestra del Teatro Mariinskij diretta da Gergiev: in Germania il disco è entrato nella Top 10 della classifica degli album pop più venduti. Ancora nel 2006 canta nel Berlin Concert al Waldbühne di Berlino con Villazón e Domingo per la Finale della Coppa del Mondo di Calcio davanti ad oltre 20.000 spettatori e trasmesso dalla televisione visto da milioni di spettatori in tutto il mondo (di cui esiste un video), è Manon Lescaut in Manon (Massenet) a Los Angeles e Mimì ne La Bohème a San Pietroburgo.

Al Wiener Staatsoper nel 2006 è Giulietta in Romeo e Giulietta con Villazón ed Amina ne La sonnambula, nel 2007 Manon Lescaut in Manon (Massenet) con Roberto Alagna, nel 2009 Lucia in Lucia di Lammermoor, nel 2010 Mimì ne La Bohème, Micaëla in Carmen e nel 2011 Anna Bolena con Elīna Garanča e Ildebrando D'Arcangelo. Fino ad oggi la Netrebko ha preso parte a 51 rappresentazioni viennesi.

Per il Metropolitan nel 2006 è Norina in Don Pasquale con Juan Diego Flórez, Donna Anna in Don Giovanni con Magdalena Kozená al Hyogo Performing Arts Center di Kōbe, al Bunka Kaikan di Tokyo, Mimì ne La Bohème con Villazón ed Elvira ne I puritani, nel 2007 canta nel Anna & Rolando Celebrate the Met e Giulietta in Romeo e Giulietta (Gounod), nel 2009 Lucia in Lucia di Lammermoor con Villazón, Antonia e Stella in Les contes d'Hoffmann, nel 2011 Anna Bolena e nel 2012 Manon ed Adina ne L'Elisir d'Amore diretta da Maurizio Benini. Fino ad oggi la Netrebko è andata in scena in 121 rappresentazioni al Met.

Al Royal Opera House di Londra nel 2007 è Donna Anna in Don Giovanni, nel 2008 Violetta Valéry ne La traviata, nel 2009 Giulietta ne I Capuleti e i Montecchi con Elīna Garanča, nel 2010 Manon Lescaut nella Manon di Massenet con Vittorio Grigolo. Fino ad oggi la Netrebko è andata in scena al Covent Garden in 44 rappresentazioni.

Nel 2007 è Manon Lescaut in Manon (Massenet) con Villazón diretta da Daniel Barenboim allo Staatsoper Unter den Linden (di cui esiste un video), debutta alla Carnegie Hall di New York in concerto con Hvorostovsky e canta ai The Proms di Londra.

Nel marzo 2007 è uscito Duets, assieme a Villazón e la cantante diventa ambasciatrice in Austria di SOS Villaggi dei bambini.

Sempre nel 2007, è entrata a far parte della lista Time 100 diventando così la prima cantante d’opera in assoluto ad essere nominata tra le persone più influenti al mondo.[3]

Nel 2008 ha duettato con Andrea Bocelli, nella trasmissione televisiva della BBC dei Classical BRIT Awards, nel celebre brano della Traviata "Libiamo ne' lieti calici" e canta in concerto con Villazón e Domingo presso il Palazzo di Schönbrunn a Vienna.

Nello stesso anno le è stato conferito dal Presidente russo il titolo di “Artista del Popolo della Russia”.

A novembre ha lanciato il suo quarto album di studio, Souvenirs, una raccolta di arie d'operetta.

All'Opéra National de Paris nel 2008 è Giulietta ne I Capuleti e i Montecchi con Joyce Didonato e nel 2009 Adina ne L'elisir d'amore.

Dopo una pausa di cinque mesi dovuta alla nascita - il 5 settembre 2008 a Vienna - del suo primo figlio, Tiago Aruã, avuto dal marito (Basso-baritono) uruguaiano Erwin Schrott, la Netrebko ha ripreso, nel gennaio del 2009, a calcare i palcoscenici più prestigiosi del mondo trionfando al Metropolitan Opera di New York, alla Staatsoper di Vienna e nel Mariinsky Theatre di San Pietroburgo nella Lucia di Lammermoor.

È protagonista, insieme al suo partner storico Villazón, del film La Bohème, colossal da cinque milioni di dollari diretto dal regista Robert Dornhelm prodotto da "Unitel e MR-Film" in cooproduzione con ZDF, ORF e Classica (rete televisiva).

La stagione 2009-2010 l'ha vista impegnata, oltre che in una serie di concerti, nel ruolo di Violetta nella Traviata alla Staatsoper di Vienna, alla San Francisco Opera e nel suo debutto con la Opernhaus Zürich. Farà ritorno alla Royal Opera House a Londra per Giulietta ne I Capuleti e i Montecchi accanto al mezzosoprano Elīna Garanča, canterà Mimì ne La bohème alla Staatsoper di Monaco di Baviera, Adina ne L'elisir d'amore all'Opèra di Parigi e Antonia ne I racconti di Hoffmann al Metropolitan di New York. Ancora nel 2009 è Iolanda di Pëtr Il'ič Čajkovskij al Festspielhaus Baden-Baden ed al Mariinsky Theatre di San Pietroburgo. Inoltre, tiene un concerto con musiche di Tchaikovsky a Mannheim ed un recital, accompagnata al pianoforte da Barenboim, interamente dedicato alla produzione liederistica di Rimsky-Korsakov e Tchaikovsky, tenutosi nel prestigioso Grosses Festspielhaus nell’ambito del Festival di Salisburgo 2009; dell'evento è disponibile un CD pubblicato dalla Deutsche Grammophon.

Nel 2010 esegue un recital con Marianna Pizzolato diretta da Antonio Pappano alla Festspielhaus di Baden-Baden interpretando di Giovanni Battista Pergolesi lo Stabat Mater e la cantata da camera Nel chiuso centro. Dell'evento nel 2011 la Deutsche Grammophon ha prodotto e distribuito un CD. Nello stesso anno è Giulietta in Romeo e Giulietta con Piotr Beczala al Salzburger Festspiele.

Per diversi anni non si esibita in Italia, per le ragioni che lei stessa ha esposto in un'intervista risalente al 2005: «Ho cantato cinque anni fa alla Scala in Guerra e pace. In Italia ci sono due problemi: mi chiamano troppo tardi e mi offrono ruoli russi. Io sono proiettata verso il belcanto e il repertorio francese.»[4]

Nel 2011 è Iolanta di Čajkovskij al Salzburger Festspiele a fianco del tenore Beczala, con la Wiener Kammerorchester esegue lo Stabat Mater (Rossini) al Wiener Konzerthaus, è Adina ne L'elisir d'amore al Nationaltheater (Monaco di Baviera), canta in concerto con il marito al Philharmonie di Colonia (Germania) ed anche con Jonas Kaufmann nella Königsplatz di Monaco di Baviera, allo Stadthalle di Vienna ed all'Olympiastadion (Berlino). Sempre nel 2011 canta lo Stabat Mater di Rossini con l'Orchestra dell'Accademia nazionale di Santa Cecilia ed il relativo Coro al Festival di Salisburgo. Il 7 dicembre 2011, nella serata inaugurale del Teatro alla Scala di Milano, si esibisce nel ruolo di Donna Anna nella prima rappresentazione di Don Giovanni di Mozart con la Frittoli e Bryn Terfel, diretto da Barenboim per la regia di Robert Carsen.[5]

Nel 2012 è Giulietta ne I Capuleti e i Montecchi nel Nationaltheater (Monaco di Baviera), tiene un concerto con il marito nel Festspielhaus Baden-Baden, a Lucerna, nel Liederhalle Beethovensaal di Stoccarda, nella Schlossplatz di Münster (Renania Settentrionale-Vestfalia), nel Rosengarten Mozartsaal di Mannheim, nel Bowling Green di Wiesbaden, nel DR Koncerthuset di Copenhagen e nel Kuppelsaal di Hannover e diretta da Gergiev nel Mariinsky Theatre di San Pietroburgo e Mimì ne La bohème al Festival di Salisburgo. Nel mese di ottobre 2012 al Teatro alla Scala di Milano, canta ne La Bohème di Giacomo Puccini nel ruolo di Mimì affiancata da Beczala e Matteo Peirone e diretta da Daniele Rustioni. La regia è di Franco Zeffirelli. In novembre è Iolanta di Čajkovskij al Concertgebouw di Amsterdam.

Nel 2013 in gennaio è ancora Iolanta diretta da Gergiev al Gran Teatre del Liceu di Barcellona, in marzo debutta all'Opera di Chicago come Mimì ne La bohème, in aprile è Tatjana in Eugene Onegin con Hvorostovsky al Wiener Staatsoper, in maggio è Donna Anna con Schrott a Baden-Baden ed in giugno canta nel War Requiem di Britten a San Pietroburgo, in concerto con il marito al Palacio de Bellas Artes di Città del Messico e si è esibita con Hvorostovsky sulla Piazza Rossa di Mosca di fronte a un pubblico di 7500 persone guidati dal direttore Constantine Orbelian e con la State Academic Symphony Orchestra della Federazione Russa Evgeny Svetlanov. Il concerto è stato trasmesso in diretta nei cinema del mondo ed il programma ha comprenso arie popolari e duetti tratti da Tosca, Eugene Onegin ed Il trovatore. In agosto debutta il ruolo del titolo della Giovanna d'Arco di Verdi con Placido Domingo e Francesco Meli a Salisburgo.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

In 10 anni di registrazioni per la Deutsche Grammophon ha venduto quasi 4 milioni di dischi fino al mese di agosto 2013.

Album studio[modifica | modifica sorgente]

  • 2003 - Opera Arias, Noseda/Wiener Philharmoniker 2003 (Deutsche Grammophon)
  • 2004 - Sempre libera, Abbado/Mahler Chamber Orchestra, 2004 (Deutsche Grammophon)
  • 2006 - Russian Album, (Deutsche Grammophon) - Sesta posizione in classifica in Austria e disco d'oro in Austria e Germania
  • 2007 - Opera le arie più significative della sua carriera, Villazón/Abbado/Noseda/Rizzi 2003/2006 (Deutsche Grammophon)
  • 2007 - Duets (con Rolando Villazón) (Deutsche Grammophon) - Quarta posizione in classifica in Austria
  • 2008 - Souvenirs (Deutsche Grammophon)
  • 2009 - Anna - The best of Anna Netrebko (Deutsche Grammophon) - Quinta posizione in classifica in Austria
  • 2011 - Die Superstars der Klassik, Anna Netrebko/Jonas Kaufmann/Erwin Schrott (Deutsche Grammophon) - prima posizione in classifica in Austria
  • 2013 - Verdi - Anna Netrebko/Orchestra del Teatro Regio di Torino/Gianandrea Noseda, Deutsche Grammophon - prima posizione per due settimane in Austria, sesta in Germania ed ottava nella Classical Albums
  • 2013 - Britten, War Requiem - Anna Netrebko/Antonio Pappano/Coro Dell'Accademia Nazionale Di Santa Cecilia/Orchestra dell' Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Warner

Opere e concerti[modifica | modifica sorgente]

  • 1997 - Glinka, Ruslan e Ludmilla Gergiev/Ognovenko/Netrebko/Kirov Orch. 1995 (Decca)
  • 2004 - SACD, The Ultimate Audio Experience (Deutsche Grammophon, Decca, Philips)
  • 2005 - Betrothal in a Monastery (Philips)
  • 2005 - Mozart, Great Opera Moments II (Deutsche Grammophon)
  • 2005 - Violetta (Deutsche Grammophon)
  • 2005 - Verdi, La Traviata (Salisburgo 2005) Rizzi/Netrebko/Villazón/Wiener Philharmoniker (Deutsche Grammophon) - ottava posizione in Austria e due dischi di platino
  • 2006 - The Mozart Album (Deutsche Grammophon)
  • 2007 - Mozart, Le nozze di Figaro - Wiener Philharmoniker/Nikolaus Harnoncourt (Deutsche Grammophon)
  • 2007 - The Opera Gala, Live from Baden-Baden (Deutsche Grammophon)
  • 2008 - Puccini, La Bohème De Billy/Netrebko/Villazón 2007 (Deutsche Grammophon)
  • 2009 - Bellini, I Capuleti e i Montecchi (Live, Vienna 2008) Luisi/Netrebko/Garanca/Calleja (Deutsche Grammophon)
  • 2010 - Netrebko, In the still of the night (Live, Salisburgo, agosto 2009) Netrebko/Barenboim Deutsche Grammophon
  • 2011 - Pergolesi, Stabat Mater/Nel chiuso centro Netrebko/Pizzolato/Pappano, Deutsche Grammophon
  • 2011 - Netrebko, Anna Netrebko Live al Metropolitan - Summers/Gergiev/Cambreling, Deutsche Grammophon (nona posizione nella classifica Classical Albums)
  • 2011 - Netrebko, Opera: le arie più significative della sua carriera - Villazón/Abbado/Noseda/Rizzi, 2003/2006 Deutsche Grammophon
  • 2014 - Verdi, Giovanna d'Arco (Live, Salisburgo 2013) - Carignani/Netrebko/Domingo/ Meli/Münchener RSO, Deutsche Grammophon

Videografia DVD & BLU-RAY[modifica | modifica sorgente]

Film[modifica | modifica sorgente]

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • 1996 - Ruslan e Ludmilla Gergiev/Kirov Orch., 1995 Philips
  • 2005 - Matrimonio al convento (Betrothal in a Monastery) Gergiev/Diadkova/Gassiev 1998 Philips
  • 2005 - L'elisir d'amore - (live, Wiener Staatsoper 2005) Eschwé/Netrebko/Villazón/Nucci/D'Arcangelo, Virgin
  • 2006 - La Traviata - (Salisburgo 2005) Rizzi/Netrebko/Villazón Wiener Philharmoniker regia Willy Decker Deutsche Grammophon
  • 2007 - Le nozze di Figaro
  • 2007 - I Puritani - (live, Metropolitan 2007) Summers/Netrebko/Cutler/Relyea, Deutsche Grammophon
  • 2008 - Manon - (+ Documentario) (live, Berlino 2007), Barenboim/Netrebko/Villazón, regia Vincent Paterson Deutsche Grammophon
  • 2009 - Lucia di Lammermoor - Armiliato/Netrebko/Beczala/MET, 2009 Deutsche Grammophon
  • 2011 - Anna Bolena - Pidò/Netrebko/Garanca, 2011 Deutsche Grammophon
  • 2011 - Don Pasquale - Levine/Netrebko/Del Carlo, 2011 Deutsche Grammophon
  • 2012 - Bohème (Festival di Salisburgo, 2012) Gatti/Netrebko/Beczala/Machaidze/Wiener Philharmoniker, regia Damiano Michieletto Deutsche Grammophon

Concerti[modifica | modifica sorgente]

Repertorio[modifica | modifica sorgente]

Repertorio operistico
Ruolo Titolo Autore
Giulietta Capuleti I Capuleti e i Montecchi Bellini
Amina La sonnambula Bellini
Elvira I Puritani Bellini
Micaela Carmen Bizet
Tatiana Evgenij Onegin Čajkovskij
Iolanta Iolanta Čajkovskij
Anna Bolena Anna Bolena Donizetti
Adina L'elisir d'amore Donizetti
Lucia Ashton Lucia di Lammermoor Donizetti
Norina Don Pasquale Donizetti
Ludmilla Ruslan e Ludmilla Glinka
Giulietta Romeo e Giulietta Gounod
Manon Manon Massenet
Ilia Idomeneo Re di Creta Mozart
Susanna Le nozze di Figaro Mozart
Donna Anna
Zerlina
Don Giovanni Mozart
Konigin der Nacht
Pamina
Die Zauberflote Mozart
Servilia La clemenza di Tito Mozart
Ksenja Boris Godunov Musorgskij
Antonia Les Contes d'Hoffmann Offenbach
Louisa Matrimonio al convento Prokof'ev
Natasha Guerra e pace Prokof'ev
Manon Lescaut Manon Lescaut Puccini
Mimì
Musetta
La bohème Puccini
Marfa La fidanzata dello Zar Rimskij-Korsakov
Rosina Il barbiere di Siviglia Rossini
Giovanna d'Arco Giovanna d'Arco Verdi
Lady Macbeth Macbeth Verdi
Gilda Rigoletto Verdi
Leonora Il trovatore Verdi
Violetta Valery La traviata Verdi
Nannetta Falstaff Verdi
Fanciulla fiore Parsifal Wagner

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La diva della lirica: ero una Cenerentola
  2. ^ Netrebko will weiterhin Staatsbürgerschaft auf ORF vom 18. Mai 2006 abgerufen am 25. Juli 2011
  3. ^ http://www.time.com/time/specials/2007/time100/article/0,28804,1595326_1595332_1615983,00.html
  4. ^ La diva della lirica: ero una Cenerentola
  5. ^ Don Giovanni - Teatro alla Scala

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 54358293 LCCN: no/97/65040