Fabio Luisi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fabio Luisi (2009)

Fabio Luisi (Genova, 17 gennaio 1959) è un direttore d'orchestra italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha studiato pianoforte prima con Noemi Chiesa e poi con Memi Schiavina diplomandosi come privatista al Conservatorio Niccolò Paganini di Genova. Dopo il diploma in pianoforte ha seguito corsi di perfezionamento con Aldo Ciccolini, Antonio Bacchelli e Hans Adam Harasiewicz.

Luisi sviluppò interesse alla direzione d'orchestra mentre svolgeva l'attività di pianista accompagnatore. Studiò pertanto direzione d'orchestra al Conservatorio di Graz con Milan Horvat. Diresse poi spesso al Teatro dell'Opera di Graz come maestro accompagnatore e direttore. Il suo debutto in Italia nella veste di direttore avvenne nel 1984. Dal 1990 al 1995 è stato direttore principale della Graz Symphony Orchestra.

Al Wiener Staatsoper debuttò nel 1989 dirigendo Tosca. Nello stesso anno a Vienna diresse La traviata, nel 1990 Madama Butterfly e La Bohème, nel 1991 Cavalleria rusticana e Pagliacci, nel 1992 Don Carlo ed Il barbiere di Siviglia, nel 1993 Aida, nel 1994 Fedora (opera), nel 1995 Un ballo in maschera, nel 1996 Un ballo in maschera, nel 1997 Die Fledermaus, nel 1998 Mefistofele (opera) e Guglielmo Tell (opera), nel 1999 I vespri siciliani, nel 2000 Der fliegende Holländer e Lohengrin (opera), nel 2001 Jérusalem e Nabucco, nel 2002 Turandot e Die Zauberflöte, nel 2003 La Favorite e Falstaff (Verdi), nel 2004 Simon Boccanegra, nel 2006 Zauberflöte für Kinder e nel 2010 un concerto.

Nel 1989 dirige la prima rappresentazione nel cortile del Palazzo Ducale di Martina Franca di "La favorita" di Gaetano Donizetti.

Nel 1993 dirige la prima rappresentazione radiofonica nella Bayerischer Rundfunk di Monaco di Baviera di "I puritani" di Vincenzo Bellini.

Nel 1994 dirige la prima rappresentazione nel Festspielhaus di Bregenz di Francesca da Rimini (Zandonai) e la ripresa nel Teatro Comunale di Firenze di "Simon Boccanegra" di Giuseppe Verdi.

Al Grand Théâtre di Ginevra nel 1995 ha diretto Nabucco e nel 2001 Tosca (opera).

Dal 1995 al 2000 è stato direttore artistico e direttore principale della Tonkünstlerorchester di Vienna. Nel 1996 divenne uno dei tre direttori principali della Sinfonieorchester di Lipsia assieme a Marcello Viotti e Manfred Honeck dove rimase fino al 1999. Dal 1997 al 2002 è stato direttore principale dell'Orchestre de la Suisse Romande e direttore principale della Wiener Symphoniker dal 2005 al 2010.

All'Opéra National de Paris nel 1997 dirige Turandot, nel 1998 Norma (opera) e nel 2002 Il barbiere di Siviglia (Rossini).

All'Opera di Chicago nel 2000 ha diretto Rigoletto.

Nel 2002 il governo austriaco lo ha insignito della croce al merito artistico e culturale.

Nel gennaio 2004, Luisi è stato designato quale direttore principale della Staatskapelle Dresden e della Semperoper di Dresda, a far data dal settembre 2007.

Luisi ha fatto il suo debutto al Metropolitan Opera House nel marzo 2005, dirigendo Don Carlo di Giuseppe Verdi.[1] Nel 2007 sempre al Met ha diretto Simon Boccanegra, Elena egizia e Turandot, nel 2009 Le nozze di Figaro, Elettra (Strauss) ed Hänsel e Gretel (opera), nel 2010 Tosca e Lulu (opera), nel 2011 Das Rheingold, Rigoletto, Ariadne auf Naxos, La bohème, Don Giovanni (opera) e Sigfrido (opera). È stato nominato direttore principale del medesimo teatro newyorchese nel settembre 2011.[2] Nel 2012 al Metropolitan dirige Il crepuscolo degli dei, Manon (Massenet), La traviata, Die Walküre, Un ballo in maschera, Aida e Les Troyens e nel 2014 La Cenerentola con Joyce DiDonato, Pietro Spagnoli ed Alessandro Corbelli, Madama Butterfly con Hui He e Macbeth (opera) con Anna Netrebko e Joseph Calleja. Fino ad oggi Luisi ha diretto al Met in 162 occasioni.

Al Nationaltheater (Monaco di Baviera) nel 2005 ha diretto due concerti, La forza del destino e la première di Königskinder di Engelbert Humperdinck.

Dal 2005 al 2013 dirige l'Orchestra Sinfonica di Vienna.

Al Teatro alla Scala di Milano nel 2008 Luisi ha diretto in un concerto la Staatskapelle Dresden e nel 2012 un concerto con la Filarmonica della Scala e Rafał Blechacz e Manon (Massenet).

Al Gran Teatre del Liceu nel 2010 ha diretto Falstaff (Verdi).

Nel 2011 al Royal Opera House di Londra ha diretto Aida ed al Teatro dell'Opera di Roma Elettra (Strauss).

Nel 2012 ha diretto Il trovatore al Sächsische Staatsoper di Dresda e Roméo et Juliette (Gounod) al Teatro Carlo Felice di Genova.

All'Opernhaus Zürich nel 2012 dirige Jenůfa di Leoš Janáček e Tosca e nel 2013 Rigoletto.

Nel 2013 ha diretto La Traviata al Teatro Carlo Felice di Genova sua città natale.

Luisi ha diretto diverse registrazioni discografiche di opere liriche di Giuseppe Verdi come Aroldo, Jérusalem e Alzira[3] e di Gioachino Rossini come Guglielmo Tell[4].

Alla cinquantacinquestima cerimonia dei Grammy Awards, svoltasi a Los Angeles il 10 febbraio 2013 e trasmessa in mondovisione, L'Anello del Nibelungo (uscito per la Deutsche Grammophon in DVD & Blue Ray) ha vinto il “Best Opera Recording”, con la direzione di James Levine e Fabio Luisi e con i solisti Stephanie Blythe, Mojca Erdmann, Jonas Kaufmann, Hans-Peter König, Jay Hunter Morris, Eric Owens, Gerhard Siegel, Bryn Terfel, Deborah Voigt e Eva-Maria Westbroek e con il coro e l'orchestra del Met.

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

  • Bellini, Capuleti e i Montecchi (Live, Vienna 2008) - Luisi/Netrebko/Garanca/Calleja - Deutsche Grammophon
  • Bruckner, Symphony No. 9 - Fabio Luisi & Staatskapelle Dresden, 2007 SONY BMG
  • Gounod, Romeo e Giulietta - Luisi/Bocelli/Alberola/Orch. del Teatro Carlo Felice di Genova, 2012 Decca
  • R. Strauss, Don Juan & Aus Italien - Fabio Luisi & Staatskapelle Dresden, 2004 Sony
  • Verdi, Alzira - Choeur Du Grand Theatre De Geneve/Fabio Luisi/L'Orchestre de la Suisse Romande/Marina Mescheriakova/Paolo Gavanelli/Ramón Vargas, 2001 Philips
  • Verdi, Jérusalem - Choeur Du Grand Theatre De Geneve/Fabio Luisi/L'Orchestre de la Suisse Romande/Marcello Giordani/Marina Mescheriakova/Roberto Scandiuzzi, 2000 Philips/Decca
  • Garanca, Aria Cantilena - Elīna Garanča/Fabio Luisi/Staatskapelle Dresden, 2006 Deutsche Grammophon

DVD & BLU-RAY parziale[modifica | modifica wikitesto]

  • Wagner, Anello del Nibelungo + Documentario 'Wagner's Dream' sulla produzione - Levine/Luisi/Kaufmann/ Terfel/Voigt/MET - regia Robert Lepage 2012 Deutsche Grammophon
  • Wagner, Wagner's Dream. Documentario sulla produzione dell'Anello del Nibelungo al Metropolitan - Terfel/Lepage/Levine/Luisi/Gelb - regia Robert Lepage 2012 Deutsche Grammophon

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Anthony Tommasini, Can't Make Up His Mind, Just Like That Other Prince, New York Times, 5 marzo 2005. URL consultato l'8 settembre 2007.
  2. ^ Alessandra Farkas, Un italiano a New York nel mito di Toscanini, Corriere della Sera, 6 ottobre 2011. URL consultato il 19 ottobre 2011.
  3. ^ Tim Ashley, A brave new world, The Guardian, 17 agosto 2001. URL consultato l'8 settembre 2007.
  4. ^ Tim Ashley, Rossini: Guillaume Tell, Gustafson/ Kotoski/ Ungureanu/ Sabbatini/ Hampson/ Vienna Staatsoper Orchestra and Chorus/ Luisi, The Guardian, 15 luglio 2005. URL consultato l'8 settembre 2007.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autorità VIAF: 2670283 LCCN: n89645081

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica