Marcello Viotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Marcello Viotti (Vallorbe, 29 giugno 1954Monaco di Baviera, 16 febbraio 2005) è stato un direttore d'orchestra svizzero, noto soprattutto per la direzione di opere liriche.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Viotti nacque nella Svizzera Romanda. Egli studiò violoncello, pianoforte e canto al Conservatorio di Losanna. Il direttore Wolfgang Sawallisch fu il suo mentore e lo incoraggiò ad iniziare la sua carriera nel teatro d'opera.[1] Da giovane direttore, Viotti affinò la sua arte alla guida dell'Orchestra Internazionale della Gioventù Musicale basata nella città di Fermo, oltre che con un complesso di fiati.[2] La sua interpretazione della 4ª sinfonia di Schumann gli valse la vittoria nel 1982 del Premio Gino Marinuzzi.[3]

Nel corso degli ottanta e novanta, Viotti fu direttore principale in molti dei più importanti Teatri d'opera europei. Egli diresse per tre anni lo Stadttheater di Lucerna, Vienna e il Teatro Regio di Torino[2], e quindi dal 1990 al 1993 fu Generalmusikdirector al Teatro dell'Opera di Brema. Fu direttore ospite alla Wiener Staatsoper, alla Deutsche Oper Berlin e alla Bavarian State Opera di Monaco di Baviera.[4]

Viotti fu direttore principale alla Saarland Radio Symphony Orchestra (Saarbrücken) dal 1991 al 1995 e fu uno dei tre direttori principali alla MDR Symphony Orchestra di Lipsia dal 1996 al 1999.[4] Fu anche direttore principale alla Münchner Rundfunkorchester dal 1998 al 2004, quando si dimise dall'incarico in segno di protesta per la riduzione dei fondi che mettevano in dubbio l'estenza dell'orchestra.[1]. Venne poi nominato direttore dell'Orchestra del Teatro La Fenice di Venezia nel gennaio 2002.

Viotti fu colpito da un ictus cerebrale durante le prove di orchestra a Monaco di Baviera nel gennaio 2005. Sottoposto ad intervento chirurgico per la rimozione dell'embolo rimase in coma e non riacquistò più la conoscenza fino alla sua morte avvenuta il 16 febbraio 2005.[5]

Viotti era sposato ed aveva quattro figli.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Anne Midgette, Marcello Viotti, Conductor, Dies at 50 in New York Times, 17 febbraio 2005. URL consultato il 5 gennaio 2008.
  2. ^ a b Alan Blyth, Marcello Viotti in The Guardian, 18 febbraio 2005. URL consultato il 5 gennaio 2008.
  3. ^ Ben Mattison, Conductor Marcello Viotti in Coma After Collapsing in Playbill Arts, 16 -02-2005. URL consultato il 5 gennaio 2008.
  4. ^ a b Martin Anderson, Obituary: Marcello Viotti in The Independent, 18 -02-2005. URL consultato il 5 gennaio 2008.
  5. ^ Ben Mattison, Conductor Marcello Viotti Dies at 50 in Playbill Arts, 17 febbraio 2005. URL consultato il 5 gennaio 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 117250582 LCCN: n79027494