Ordine della Stella della Solidarietà Italiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ordine della Stella della Solidarietà Italiana
Flag of Italy.svg
Repubblica Italiana
Tipologia Ordine cavalleresco statale
Status cessato
Istituzione Roma, 27 gennaio 1947
Primo capo Enrico De Nicola
Cessazione Roma, 3 febbraio 2011
Ultimo capo Giorgio Napolitano
Confluito in Ordine della Stella d'Italia
Gradi Grand'Ufficiale
Commendatore
Cavaliere
Precedenza
Ordine più alto Ordine militare d'Italia
Ordine più basso Ordine al Merito del Lavoro
OSSIbis3.png (1947-2001)

Cavaliere OSSI medal BAR.svg (2001-2011)
Nastri dell'ordine

L'Ordine della Stella della Solidarietà Italiana è stata un'onorificenza della Repubblica Italiana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'Ordine è stato istituito con decreto n. 703 del 27 gennaio 1947 dal Capo provvisorio dello Stato e riformato col decreto legislativo n. 812 del 9 marzo 1948, come «particolare attestato a favore di tutti coloro, italiani all'estero o stranieri, che abbiano specialmente contribuito alla ricostruzione dell'Italia».

Il presidente della Repubblica è presidente dell'Ordine, retto da un consiglio di quattro membri, presieduto dal ministro degli Affari Esteri.

Destinatari sono italiani all'estero e stranieri.

Con la L. 3 febbraio 2011, n. 13, l'ordine è stato riformato e trasformato in Ordine della Stella d'Italia.

Le onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

L'Ordine della Stella della Solidarietà Italiana prevede tre classi:

Ord.StellaSolidarietàItaliana-1°decreto.PNG
Nastri
OSSIbis3.png
Cavaliere
OSSIbis2.png
Commendatore
OSSIbis1.png
Grand'Ufficiale
Divisa-Stelladellasolitdarietà.png
Nastri
Cavaliere OSSI medal BAR.svg
Cavaliere
Commendatore OSSI medal BAR.svg
Commendatore
Grande ufficiale OSSI medal BAR.svg
Grand'Ufficiale

L'onorificenza può essere ottenuta tramite decreto del presidente della Repubblica, su proposta del ministro degli Affari Esteri.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]