Ordine della Besa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ordine della Besa
Urdhëri i Bëse
Flag of Albania (1934-1939).svg
Regno d'Albania
Tipologia Ordine cavalleresco statale
Status cessato
Istituzione Tirana, 22 dicembre 1926
Primo capo Ahmed Ben Zogu (poi Zog I di Albania)
Cessazione Roma, 3 giugno 1939
Ultimo capo Zog I di Albania
Gradi Cavaliere di Gran Croce
Grand'Ufficiale
Commendatore
Cavaliere
Precedenza
Ordine più alto Collare d'Onore dell'Albania
Ordine più basso Ordine di Skanderbeg
Orde de la Besa - 05.png
Nastro dell'ordine
Ordine della Besa (Albania italiana)
Flag of Italy (1861-1946).svg
Regno d'Italia
Tipologia Ordine cavalleresco coloniale
Status attivo in altra forma
Istituzione Roma, 3 giugno 1939
Primo capo Vittorio Emanuele III d'Italia
Cessazione Roma, 9 settembre 1943
Ultimo capo Vittorio Emanuele III d'Italia
Gradi Cavaliere di Gran Croce
Grand'Ufficiale
Commendatore
Ufficiale
Cavaliere
Precedenza
Ordine più alto Ordine di Skanderbeg
Ordine più basso Ordine dell'Aquila Romana
Orde de la Besa - 05.png
Nastro dell'ordine

L'Ordine della Besa, conosciuto anche come Ordine della Fedeltà, è stato un ordine cavalleresco del Regno d'Albania e successivamente entrò a far parte del patrimonio del Regno d'Italia quando l'Albania divenne colonia. Dopo il 1943 è diventato un ordine dinastico del Casato di Zogu.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'Ordine venne fondato il 22 dicembre 1926 dall'allora presidente della repubblica albanese Ahmed Ben Zogu[1]. A seguito della proclamazione del regno d'Albania avvenuta nel 1928 ad opera dello stesso presidente della repubblica che si proclamò sovrano dello stato col nome di Zog I, l'ordine entrò a far parte del sistema delle onorificenze del nuovo regno d'Albania.

Successivamente, dopo l'unione della corona di Albania con quella d'Italia, entrarono a far parte del patrimonio degli ordini cavallereschi di Casa Savoia anche quelli del regno balcanico, di cui il più importante era indubbiamente quello della Besa, che in albanese significa "fedeltà", caratteristica da tributare al Sovrano ed alla Patria.

L'ordine veniva concesso ai benemeriti del Regno d'Albania ed agli italiani che avessero contribuito alla gloria del regno albanese come colonia italiana.

l'Ordine era suddiviso in cinque classi:

  • Cavaliere di Gran Croce con Placca
  • Grande Ufficiale
  • Commendatore
  • Ufficiale
  • Cavaliere

Insegne italiane[modifica | modifica sorgente]

  • La medaglia dell'Ordine presentano un'aquila bicefala dorata, smaltata di nero. Al centro dell'aquila era presente uno scudo rosso raffigurante l'elmo di Giorgio Castriota Scanderbeg dorato. Le insegne erano state stabilite dal Regno d'Albania e, una volta divenute italiane d'adozione, aggiunsero solo i fasci littori, ai lati dello scudetto rosso, e una coronetta circolare formata da nodi di Savoia alternati a rosette d'oro, con all'interno il motto FERT.

I Cavalieri Ufficiali ed i Grandi Ufficiali disponevano per insegna di un'aquila d'argento a spilla da portare sul petto in forma di placca.[2]

Insegne[modifica | modifica sorgente]

Divisa.Ord.Besa.RegnoItalia.png
Nastri
Orde de la Besa - 05.png
Cavaliere
Ordine della Besa - ufficiale.png
Ufficiale
Ordine della Besa - commendatore.png
Commendatore
Ordine della Besa - grand'ufficiale.png
Grand'Ufficiale
Ordine della Besa - gran croce.png
Gran Croce

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ The House of Zogu-Orders & Decorations
  2. ^ insegne dell'Ordine

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Casa Savoia Portale Casa Savoia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Casa Savoia