Patata del Fucino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Patata del Fucino
Patate della piana del Fucino.jpg
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioneAbruzzo
Zona di produzioneFucino (AQ)
Dettagli
Categoriaortofrutticolo
RiconoscimentoI.G.P.
SettoreProdotti vegetali allo stato naturale o trasformati
 

La patata del Fucino, è una varietà di patata tipica della piana del Fucino, in Abruzzo, e facente parte dei prodotti agroalimentari tradizionali (PAT) con il nome di Patata degli Altipiani d'Abruzzo.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Nota fino ai primi anni duemila con il nome di "patata di Avezzano" viene coltivata nell'altopiano del Fucino in Abruzzo, in un territorio contiguo al parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise e al parco regionale naturale del Sirente-Velino tra i 650 e i 680 m s.l.m.. Su un'area di circa 12 000 ettari, oltre 4 000 vengono impiegati nella coltivazione di questo tubero per una produzione complessiva media di circa 1 milione 700 000 quintali[1].

Di forma tondo-ovale, regolare, le patate presentano un colore della pasta da giallo chiaro a giallo ed una buccia il cui colore, dal giallo al rosso, varia in relazione alla varietà.

Le varietà coltivate nel Fucino sono: Agata, Agria, Labella, Laura, Majestic, Sirco, Tonda di Berlino e Universa. In prevalenza è utilizzata l'Agria a buccia gialla, dato che si è dimostrata particolarmente adatta alle caratteristiche del terreno della zona, assicurando elevate produzioni.

Zona di produzione[modifica | modifica wikitesto]

La zona di produzione della Patata del Fucino comprende il territorio dell'altopiano e i suoi comuni: Aielli, Avezzano e frazioni, Celano e frazioni, Cerchio, Luco dei Marsi, Ortucchio, Pescina e frazioni, San Benedetto dei Marsi e Trasacco tutti in provincia dell'Aquila, in Abruzzo[2].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

  • forma = rotondeggiante - ovale, regolare
  • buccia = colore chiaro o rosso chiaro[3]
  • polpa = colore gialla o giallo-chiaro (a seconda della varietà: a pasta farinosa o soda e compatta)[3]

Utilizzi[modifica | modifica wikitesto]

  • Bollite, pelate e schiacciate per gnocchi, purea, sugo ecc.
  • Cottura in forno
  • Fritture
  • Impasti
  • Pane di patate
  • Preparazione di tortini e umidi
  • Zuppe e insalate

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il prodotto ha ottenuto i marchi PAT[4][5] e IGP[6][7][8].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Incontro Igp Patata del Fucino, Abruzzo.Coldiretti.it.
  2. ^ Patata del Fucino IGP, Slow Food Abruzzo - Molise. URL consultato il 19 dicembre 2017.
  3. ^ a b Patata abruzzese, Abruzzo Promozione Turismo. URL consultato il 20 maggio 2017.
  4. ^ Elenco nazionale dei prodotti agroalimentari tradizionali (PDF), Mipaaf. URL consultato il 19 dicembre 2017.
  5. ^ Con la denominazione Patate degli altipiani d'Abruzzo
  6. ^ Patata del Fucino IGP, CCPB Controllo e Certificazione.
  7. ^ La patata del Fucino ottiene l'IGP, Ansa.
  8. ^ Agricoltura: Patata del Fucino diventa Igp, 282 le Dop italiane, Agi, 29 aprile 2016. URL consultato il 19 dicembre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]