Chiesa di San Rocco (Avezzano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di San Rocco
Chiesa di San Rocco Avezzano 24 ottobre 2014.jpg
La facciata della chiesa
StatoItalia Italia
RegioneAbruzzo
LocalitàAvezzano
ReligioneCattolica
TitolareSan Rocco, Sacro Cuore di Gesù
Diocesi Avezzano
Inizio costruzioneXV secolo
CompletamentoXV secolo
Sito web

Coordinate: 42°02′17.3″N 13°25′53.8″E / 42.038139°N 13.431611°E42.038139; 13.431611

La chiesa di San Rocco è un luogo di culto cattolico situato nel centro urbano di Avezzano, in Abruzzo. Completamente distrutta dal terremoto del 1915 la chiesa è stata ricostruita delocalizzando la parrocchia dedicata al Sacro Cuore in un'area prossima al centro della nuova città.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa prima del sisma del 1915
Interno della chiesa ricostruita

L'edificio originario risalente al tardo medioevo si trovava lungo la via Marsicana (la contemporanea via XX Settembre) all'angolo con via Sernaglia[1] oltre la cinta muraria della vecchia Avezzano[2], per questo motivo si trattava probabilmente di una chiesa rurale[3]. La facciata dalle caratteristiche architettoniche romaniche sarebbe databile intorno ai primi anni del 1400, periodo in cui nella Marsica tale stile ha continuato a persistere. Influenzata da alcuni elementi gotici la facciata era caratterizzata da un portale unico sormontato da un arco a tutto sesto e una lunetta. Sulla parte superiore della facciata si apriva centralmente il rosone, mentre su quella inferiore due finestre laterali di forma rettangolare dotate di grate in ferro battuto.

Ad unica navata presentava internamente alcuni dipinti raffiguranti la Madonna delle Grazie, san Rocco e sant'Emidio. Il soffitto era costituito da cassettoni in legno con cornici dorate. Dall'altare maggiore si poteva accedere agli ingressi della sagrestia dove si trovavano due dipinti settecenteschi, uno raffigurante sant'Antonio l'altro san Bartolomeo. Due altari di dimensioni più piccole, dedicati a san Rocco e san Sebastiano, erano posti uno di fronte all'altro al centro della chiesa. Due vicine nicchie invece ospitavano le statue di san Franco da Assergi e san Francesco di Paola. Le statue di san Rocco e della Madonna Addolorata erano conservate in due nicchie all'interno della sagrestia. Nella chiesa si trovava anche un antico organo. Lavori di restauro nel 1908 si resero necessari per realizzare la volta a botte sul soffitto e modificare il palco con l'organo e la disposizione delle statue. Pochi anni dopo fu elevato il campanile.

Con il terremoto del 1915 della chiesa non restò quasi nulla ad eccezione della statua della Madonna Adolorata, la bara dorata del Cristo morto e il gonfalone. Due delle tre campane furono recuperate e si trovano nella moderna chiesa di San Simeo[4]. Nel primo dopoguerra ripresero le celebrazioni prima in una casetta post terremoto, successivamente nel 1938 nella chiesa dedicata al Sacro Cuore progettata dall'ingegner Augusto Ciciarelli[5]. La nuova chiesa di San Rocco invece fu edificata accanto a quella del Sacro Cuore, successivamente chiusa al culto, elevata a parrocchia prese la denominazione di "Parrocchia del Sacro Cuore in San Rocco"[6]. Situata in via Aquila nei pressi del centro della città fu progettata dall'architetto Giuseppe Zander ed inaugurata dall'impresa Laudazi nel 1958 alla presenza dell'ex ministro dei lavori pubblici, Giuseppe Spataro[7]. La nuova struttura internamente si presenta con un'ampia navata unica, un altare maggiore e due altari laterali. I dipinti dei dieci comandamenti sono stati realizzati da alcuni artisti contemporanei come Pasquale Di Fabio, Marcello Ercole, Cesare Paris, Dante Simone ed Ermanno Toccotelli coordinati dal poeta Ugo Buzzelli[8]. Esternamente la parte superiore della facciata è decorata con ceramiche di colore giallo e verde ed è affiancata dal campanile[9][10].

La confraternita di San Rocco è tra le più antiche di Avezzano, la sua costituzione risale con ogni probabilità al 1580[11][12].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mastroddi, 1998, p. 44.
  2. ^ Lustri, 1990, p. 54.
  3. ^ Pagani, 1966, vol. 1, p. 268.
  4. ^ Pagani, 1966, vol. 1, p. 272.
  5. ^ Chiesa di San Rocco, GeoPlan. URL consultato il 25-6-2016.
  6. ^ Pagani, 1966, vol. 1, p. 273.
  7. ^ Pagani, 1966, vol. 1, p. 274.
  8. ^ Arte sacra contemporanea ad Avezzano, Parrocchiadisanrocco.it. URL consultato il 26-6-2016.
  9. ^ Pagani, 1966, vol. 1, p. 275.
  10. ^ Chiesa di San Rocco (Avezzano), BeWeB. URL consultato il 25-6-2016.
  11. ^ Palmieri, 2006, p. 36.
  12. ^ San Rocco, TerreMarsicane. URL consultato il 25-6-2016 (archiviato dall'url originale il 2 giugno 2016).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bernardino Jatosti, La Storia di Avezzano, Avezzano, Tipografia Marsicana-Magagnini, 1876, SBN IT\ICCU\SBL\0393455.
  • Stefano Lustri, La Marsica nelle cartoline, Roma, Stabilimento tipografico Ladir, 1990, SBN IT\ICCU\AQ1\0056133.
  • Maurizia Mastroddi, L'altra Avezzano, Avezzano, Di Censo editore, 1998, SBN IT\ICCU\AQ1\0038036.
  • Giovanni Pagani, Avezzano e la sua storia, Casamari, Tipografia dell'Abbazia, 1966, SBN IT\ICCU\SBL\0393481.
  • Ugo Maria Palanza, Avezzano: guida alla storia e alla città moderna, Avezzano, Amministrazione comunale, 1990, SBN IT\ICCU\AQ1\0060998.
  • Eliseo Palmieri, Avezzano, un secolo di immagini, Pescara, Paolo de Siena editore, 2006, SBN IT\ICCU\TER\0011256.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]