Palazzo Vescovile (Avezzano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Palazzo Vescovile di Avezzano
Avezzano palazzo Vescovi dei Marsi10.jpg
Facciata del palazzo vescovile
Ubicazione
StatoItalia Italia
RegioneAbruzzo Abruzzo
LocalitàAvezzano
IndirizzoCorso della Libertà
Coordinate42°02′12.8″N 13°25′34.5″E / 42.036889°N 13.42625°E42.036889; 13.42625Coordinate: 42°02′12.8″N 13°25′34.5″E / 42.036889°N 13.42625°E42.036889; 13.42625
Informazioni
CondizioniIn uso
Costruzione1919
Inaugurazione1928
Realizzazione
ArchitettoSebastiano Bultrini
CostruttorePaolo Ciocci
ProprietarioDiocesi di Avezzano

Il Palazzo Vescovile di Avezzano si trova nel centro urbano della città abruzzese. L'edificio costruito dopo lo spostamento della diocesi dei Marsi ad Avezzano ospita l'episcopio, posteriormente ad esso si trova la sede del seminario vescovile.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La sede del seminario

Tra il 1918 e il 1919 l'ingegnere Sebastiano Bultrini autore del piano regolatore del 1916 finalizzato alla ricostruzione di Avezzano dopo il terremoto del 1915 realizza il progetto della scuola agricola abruzzese e dei suoi alloggi finanziata l'anno prima dalla banca regionale di Roma. Durante la fase della costruzione nel 1924 la banca romana vende l'edificio alla diocesi dei Marsi, anno in cui la sede diocesana con tutte le sue pertinenze venne ufficialmente trasferita da Pescina ad Avezzano[1][2][3]. Nello stesso anno Sebastiano Bultirni presentò il progetto per la realizzazione del vescovado, la ditta Paolo Ciocci realizzò il palazzo che venne collaudato dal Genio Civile ed inaugurato nel 1928[4][5].

Palazzo vescovile ed episcopio subirono gravi danni dai bombardamenti aerei anglo-americani che 1944 durante la seconda guerra mondiale causarono distruzioni pari al 70% nella cittadina di Avezzano appena ricostruita dopo la distruzione del sisma del 1915. Il 20 aprile del 1949 un incendio causato da un corto circuito causò danni ingenti alla struttura, le parti dell'edificio gravemente compromesse vennero ben presto ricostruite mentre il vescovo Domenico Valerii favorì un allargamento dell'ala orientale dove venne collocata la cappella diocesana[6].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'episcopio è situato nel centro urbano lungo corso della Libertà, la facciata frontale è costituita da tre piani ed è affiancata da due porzioni laterali entrambe formate da due livelli. Il seminario caratterizzato da una forma ad H è costituito da due piani. In una porzione centrale disposta verso il cortile interno svetta un'altana, nella cui parte inferiore si apre l'ingresso principale dell'edificio, mentre in quella superiore è disposto l'orologio. La terrazza superiore della torre ospita una piccola campana sormontata da una croce[7].

Una lapide posta su un'ala dell'episcopio ricorda il trasferimento della diocesi ad Avezzano e la figura del vescovo carmelitano Pio Marcello Bagnoli che volle fortemente la ricostruzione della cattedrale di Avezzano e la realizzazione del seminario e del vescovado[8][9].

All'interno del corpo dell'episcopio è stato trasferito l'archivio diocesano dei Marsi, creato intorno al X secolo e intitolato a Muzio Febonio[10], in cui tra l'altro sono custoditi l'Exsultet commissionato nel 1056 dal vescovo dei Marsi, Pandolfo[11] e una delle tre ristampe de Le opere di Galileo di Galileo Galilei[12].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ciranna, Montuori, 2015, p. 156
  2. ^ Cattedrale di San Bartolomeo, BeWeB. URL consultato il 9-7-2016.
  3. ^ La roccaforte della rinascita di Avezzano, tesoridabruzzo.com (Leonello Farinacci). URL consultato il 9-7-2016.
  4. ^ Ciranna, Montuori, 2015, p. 157
  5. ^ Episcopio, Il Centro. URL consultato il 9-7-2016.
  6. ^ Pagani, 1966, p. 771
  7. ^ Ciranna, Montuori, 2015, p. 154
  8. ^ Fisionomia geo-pastorale, diocesidiavezzano.it. URL consultato il 9-7-2016.
  9. ^ Un Vescovo da studiare (PDF), Site.it. URL consultato il 9-7-2016.
  10. ^ Diocesi di Avezzano. Archivio diocesano dei Marsi, Sistema Archivistico Nazionale.
  11. ^ Tarquinio, 2009, p. 252
  12. ^ La diocesi di Avezzano espone rarissimo libro scritto da Galileo, Il Tirreno. URL consultato l'11-6-2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Simonetta Ciranna, Patrizia Montuori, Tempo, spazio e architetture. Avezzano, cento anni o poco più, Roma, Artemide, 2015, SBN IT\ICCU\IEI\0408772.
  • Giovanni Pagani, Avezzano e la sua storia, Casamari, Tipografia dell'Abbazia, 1966, SBN IT\ICCU\SBL\0393481.
  • Gianluca Tarquinio, La musica sacra nella provincia dell'Aquila. La Marsica, Pescara, Ianieri, 2009, SBN IT\ICCU\MO1\0021238.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]