Padiglione Torlonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Padiglione Torlonia
Casina di Caccia Torlonia.jpg
Veduta esterna del padiglione
Ubicazione
Stato Italia Italia
Regione Abruzzo
Località Avezzano
Indirizzo villa Torlonia
Coordinate 42°01′54.3″N 13°25′20.7″E / 42.03175°N 13.422417°E42.03175; 13.422417Coordinate: 42°01′54.3″N 13°25′20.7″E / 42.03175°N 13.422417°E42.03175; 13.422417
Informazioni
Condizioni in uso
Costruzione 1891
Inaugurazione 1891
Stile liberty
Uso museo
Altezza 13 m
Realizzazione
Costruttore Frosini e Boccaccini
Proprietario Comune di Avezzano
Proprietario storico Alessandro Raffaele Torlonia

« L'agricoltura povera, ignorante e retrograda simile a sé gli abitator produce »

(Alessandro Torlonia[1])

Il Padiglione Torlonia è una struttura in legno situata all'interno della villa Torlonia di Avezzano, in Abruzzo, nota anche con il nome di Chalet dei Torlonia o Casino di Caccia. Al suo interno è collocato il museo di arte contadina e pastorale di Avezzano[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La volta decorata

Il padiglione Torlonia, impropriamente detto "casino di caccia" o "chalet", è una struttura in legno pregiato di pino marittimo, castagno e larice, a pianta ottagonale, con tetti spioventi che coprono vestigia assai ben conservate. Il portico, impreziosito da intrecci di rami, è incorniciato da selci. L'area centrale è alta circa 13 metri ed è circondata da vetrate che le conferiscono luminosità. Realizzato in stile liberty dai falegnami romani della ditta Frosini e Boccaccini nel 1891[3], il padiglione fu acquistato da Alessandro Torlonia per abbellire la sua villa. All'interno egli decise di esporre i numerosi reperti archeologici emersi durante il prosciugamento del lago Fucino, per questo motivo la struttura rappresenta uno dei primi musei archeologici del territorio abruzzese. All'interno furono conservate anche le armi, come spade, pugnali e i fucili di casa Torlonia, i quali ne determinarono l'accezione di "casino di caccia". L'amministrazione Torlonia affidò la conservazione dei beni ad Antonio Pietrantoni. Oltre ai reperti e alle armi c'erano sulle finestre delle tende in lino realizzate da ornatori romani, trafugate al termine della seconda guerra mondiale[4].

Il progetto dell'opera fu presentato all'esposizione universale Weltausstellung di Vienna nel 1873 insieme a quelli relativi al prosciugamento del lago Fucino e ai primi prodotti agricoli della Marsica. Costruita a Roma fu trasportata a Palermo dove venne presentata nel 1891 all'esposizione nazionale italiana, ideata ed organizzata da Ernesto Basile. Rappresentò il primo padiglione alimentare dell'Abruzzo dove vennero presentati i prodotti agroalimentari del Fucino, soprattutto i cereali ed il grano[5]. La struttura tornò ad Avezzano sul finire del 1892 e venne dotata del porticato con l'obiettivo di tutelarla dalle intemperie e dal vento. Non ci sono invece certezze sulla partecipazione all'esposizione universale di Parigi del 1900[6]. Avrebbe resistito all'urto violentissimo del sisma del 1915 anche grazie alla sua pianta ottagonale, rappresentando una delle poche strutture di Avezzano rimaste in piedi dopo il terremoto.

Il padiglione fu restaurato negli anni ottanta dall'artista marsicano Pasquale Di Fabio che realizzò le pitture della volta insieme ad una più ampia ristrutturazione di tutti i componenti lignei. Altri restauri sono stati eseguiti negli anni novanta. Nel 2016 è stato effettuato un nuovo restauro promosso dall'associazione nazionale costruttori edili della provincia dell'Aquila sotto la supervisione della Soprintendenza belle arti e paesaggio dell'Abruzzo[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Uno degli otto motti conservati all'interno del casino di caccia, MarsicaLive.
  2. ^ Ciranna, Montuori, 2015, pp. 104-105
  3. ^ Altobelli, 2006, p. 95
  4. ^ Ciranna, Montuori, 2015, pp. 103-104
  5. ^ Rinasce chalet dei Torlonia ad Avezzano, Ansa. URL consultato il 18 aprile 2016.
  6. ^ Altobelli, 2003, p. 20
  7. ^ Inaugurazione "Casino di Caccia", Comune di Avezzano. URL consultato il 16 aprile 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gabriele Altobelli, Il Parco Torlonia, una storia nel verde, Avezzano, ARSSA, 2003, SBN IT\ICCU\AQ1\0072564.
  • Simonetta Ciranna, Patrizia Montuori, Tempo, spazio e architetture. Avezzano, cento anni o poco più, Roma, Artemide, 2015, SBN IT\ICCU\IEI\0408772.
  • Eliseo Palmieri, Avezzano, un secolo di immagini, Pescara, Paolo de Siena editore, 2006, SBN IT\ICCU\TER\0011256.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]