Villa Torlonia (Avezzano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Villa Torlonia
Palazzo nuovo di Villa Torlonia.jpg
L'ingresso della villa
Ubicazione
Stato Italia Italia
Località Avezzano
Indirizzo via XXIV Maggio
Caratteristiche
Tipo Villa, parco storico
Superficie 3 ettari
Inaugurazione XIX secolo
Gestore Comune di Avezzano
Ingressi piazza Torlonia, via Roma
Mappa di localizzazione

Coordinate: 42°01′52.3″N 13°25′22.6″E / 42.031194°N 13.422944°E42.031194; 13.422944

Villa Torlonia è un parco presente al centro del contesto urbano della città di Avezzano, in Abruzzo che, insieme all'adiacente parco di piazza Torlonia, costituisce una vasta area verde di circa cinque ettari. Nella sua area sono presenti il giardino romantico, il museo della civiltà contadina e pastorale di Avezzano, il padiglione Torlonia, il palazzo Torlonia e la sezione di Archivio di Stato di Avezzano[1].

Il parco[modifica | modifica wikitesto]

Frammenti della statua originaria della Madonna dell'Incile e trattori Landini sullo sfondo
Ingresso della neviera

Nel parco della villa, esteso per oltre tre ettari, è possibile ammirare il giardino romantico con alberi e piante secolari di varie specie: abete, acacia, acero, agrifoglio, alloro, betulla, bosso, cedro del Libano, forsizia, frassino, ginkgo, mahonia, paulownia, platano, quercia, sambuco, tasso e tiglio. Alcuni frammenti di capitelli in pietra e della statua originaria della Madonna dell'Incile edificata nel 1876 e distrutta dal terremoto del 1915 sono esposti lungo i viali del parco[2].

Voluta da Alessandro Torlonia insieme al palazzo omonimo, la villa è stata impostata al recupero di alcuni valori paesaggistici che hanno attinto al modello del giardino all'italiana ma soprattutto all'aspetto pittoresco e suggestivo del giardino romantico. Aspetti questi che hanno trovato maggiore risalto all'inizio del XX secolo quando Benedetto Croce nel 1912 favorì l'estensione della legge 364, primo dispositivo a tutela dei beni culturali[3], ai parchi e ai giardini italiani[4].

Il padiglione Torlonia

Insieme a piazza Torlonia, giardino pubblico adiacente esteso per circa altri due ettari, rappresenta uno dei polmoni verdi della città. I grandi edifici all'interno del parco, originariamente utilizzati come magazzini e granai vengono attualmente impiegati per mostre, fiere e varie attività culturali. Nel giardino è esposta la raccolta dei mezzi agricoli utilizzati dai primi contadini del Fucino per dissodare ed arare il terreno e per trebbiare il grano e il granturco. Un laghetto artificiale si trova dinanzi all'Immacolata Concezione, scultura in ghisa realizzata da un laboratorio napoletano. La ghiacciaia, detta anche neviera, è stata fatta costruire da Torlonia alla fine dell'Ottocento per la conservazione di alcuni alimenti.

Con delibera del 27 gennaio 2015 l'ente Regione Abruzzo ha di fatto conferito la gestione di villa Torlonia e di tutte le pertinenze al comune di Avezzano[5][6]. Fu il bisnipote del prosciugatore del lago, il principe Alessandro Torlonia, a concedere il parco e il palazzo di famiglia al comune di Avezzano nel 1950 e, per motivi personali nel 1978, prima all'ente Fucino e infine alla Regione Abruzzo.

Il padiglione Torlonia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Padiglione Torlonia.

Il padiglione Torlonia, impropriamente detto "casino di caccia" o "chalet", è una struttura in legno a pianta ottagonale realizzata in stile liberty dai falegnami romani Frosini e Boccaccini nel 1891[7]. Fu acquistato da Alessandro Torlonia per abbellire la sua villa. All'interno furono collocati i numerosi reperti archeologici emersi durante il prosciugamento del lago Fucino. Dopo alcuni anni dal terremoto della Marsica del 1915 fu allestito al suo interno il museo della civiltà contadina e pastorale[8].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Masterpaln: c'è anche villa Torlonia, Abruzzoweb.it. URL consultato il 16 giugno 2016.
  2. ^ Altobelli, pag.28
  3. ^ Legge 20 giugno 1909, n. 364 (PDF), Archeologia.beniculturali.it. URL consultato il 16 giugno 2016.
  4. ^ Tutela del paesaggio dai singoli Stati italiani alla legge Croce sul patrimonio artistico e paesaggistico, Instoria.it. URL consultato il 16 giugno 2016.
  5. ^ Sindaco Avezzano, dopo 100 anni parco Torlonia alla città, Ansa. URL consultato il 18 aprile 2016.
  6. ^ Siglato contratto tra Regione Abruzzo e Comune di Avezzano, Ansa.
  7. ^ Palmieri, pag.95
  8. ^ Museo della civiltà contadina e pastorale, Conoscere.AbruzzoTurismo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gabriele Altobelli, Il Parco Torlonia, una storia nel verde, ARSSA, Avezzano, 2003.
  • Simonetta Ciranna, Patrizia Montuori, Tempo, spazio e architetture. Avezzano, cento anni o poco più, Roma, Artemide, 2015, SBN IT\ICCU\IEI\0408772.
  • Eliseo Palmieri, Avezzano, un secolo di immagini, Paolo de Siena editore, Pescara, 2006.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN293671722