Carota dell'altopiano del Fucino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carota dell'altopiano del Fucino
Carota dell'altopiano del Fucino 2016.jpg
Origini
Luogo d'origine Italia Italia
Regione Abruzzo
Zona di produzione Fucino (AQ)
Dettagli
Categoria ortofrutticolo
Riconoscimento I.G.P.
Settore Prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati
 

La carota dell'altopiano del Fucino è una varietà di carota prodotta nella piana del Fucino tra i 650 e i 680 metri slm in Abruzzo. Si fregia del riconoscimento europeo IGP[1].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La coltivazione della carota in questa area contigua al parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise ha avuto inizio verso la fine degli anni cinquanta. Vengono impiegati nella coltivazione, in regime di rotazione colturale classica della zona, circa 2.300 ettari sui 12.000 coltivabili della piana fucense. La produzione media annua è di oltre 1 milione 600 mila quintali di prodotto, che corrisponde all'incirca al 30% della produzione italiana di questo ortaggio.

La quantità molto ampia e la realizzazione di impianti di trasformazione della carota permettono la lavorazione dell'ortaggio anche in cubetti e succhi.

La forma dell'ortaggio è per lo più cilindrica a punta arrotondata. Non presenta peli radicali o cicatrici profonde nei punti di emissione del capillizio. L'epidermide è liscia e di colore arancio intenso su tutta la radice compreso il colletto. La polpa è estremamente croccante dal sapore dolce e corposo. Presenta la caratteristica della rottura vitrea.

L'IGP "Carota dell'Altopiano del Fucino" stabilisce le carote della specie Daucus carota (Linneo, 1753), prodotte nella zona del Fucino, e derivanti da diverse varietà: Maestro (Vilmorin), Presto (Vilmorin), Concerto (Vilmorin), Napoli (Bejo), Nandor (Clause) e Dordogne (SG)[2][3].

Zona di produzione[modifica | modifica wikitesto]

La zona di produzione della carota dell'altopiano del Fucino comprende il territorio della piana del Fucino e i suoi comuni: Aielli, Avezzano e frazioni, Celano e frazioni, Cerchio, Collarmele, Gioia dei Marsi e frazioni, Lecce nei Marsi e frazioni, Luco dei Marsi, Ortucchio, Pescina e frazioni, San Benedetto dei Marsi e Trasacco tutti in provincia dell'Aquila, in Abruzzo.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

  • forma: cilindrica a punta arrotondata
  • buccia: arancio intenso
  • polpa: arancio intenso

Utilizzi[modifica | modifica wikitesto]

Cucina[modifica | modifica wikitesto]

  • Cruda
  • Bollita
  • Essiccata
  • Panatura
  • In soffritti, per insaporire sughi, pesci, carni e verdure
  • Al latte, in minestre o creme di verdure
  • Salse o bruschette
  • Grattugiata in insalata
  • Succhi e bevande
  • Zuppe
  • Farina
  • Dolci
  • Cioccolata di carote
  • Prodotti per celiaci

Altri utilizzi[modifica | modifica wikitesto]

  • Creme cosmetiche che favoriscono l'abbronzatura
  • Olio di carota
  • Vaschette biologiche e biodegradabili
  • Alimentazione impianti per la conversione di energia elettro-termica tramite biogas con i sottoprodotti della carota (parti non commestibili)

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il prodotto ha ottenuto il marchio europeo IGP[4][5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]