Comunità montana Montagna Marsicana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Comunità montana Montagna Marsicana
comunità montana
Comunità montana Montagna Marsicana – Veduta
Comunità montana Montagna Marsicana – Veduta
La sede della comunità montana ad Avezzano
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Abruzzo-Stemma.svg Abruzzo
ProvinciaProvincia dell'Aquila-Stemma.svg L'Aquila
Amministrazione
CapoluogoAvezzano
Data di istituzione27 giugno 2008
Data di soppressione25 novembre 2022
Territorio
Coordinate
del capoluogo
42°02′12.98″N 13°25′53″E / 42.036939°N 13.431389°E42.036939; 13.431389 (Comunità montana Montagna Marsicana)
Abitanti84 487[1] (1-1-2021)
Altre informazioni
Cod. postale67051
Prefisso0863
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Sito istituzionale

La Comunità montana Montagna Marsicana era una comunità montana abruzzese comprendente 34 comuni della Marsica (AQ). Soppressa nel 2013 insieme a tutte le altre comunità montane abruzzesi, ha operato in regime di deroga del commissariamento fino al 25 novembre 2022[2]. Patrimonio e competenze sono state trasferite nell'Unione dei comuni Montagna Marsicana[3][4][5].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Mappa delle Unione di comuni in provincia dell'Aquila

Il suo territorio era situato nel settore occidentale della regione Abruzzo, al confine con le province laziali di Rieti (a nord) e Frosinone (a sud) e con l'area della città metropolitana di Roma Capitale (ad ovest). Includeva 33 comuni delle comunità montane abruzzesi soppresse nel 2008 con la legge regionale numero 10 del 27 giugno[6]: la comunità montana Marsica 1, la comunità montana Valle del Giovenco e la comunità montana Valle Roveto. Per i soli servizi sociali includeva anche il comune di Ovindoli (comunità montana Sirentina). Soppressa nel 2013 insieme a tutte le comunità montane abruzzesi ha operato in regime di deroga del commissariamento fino all'emissione del decreto di estinzione dell'ente, con il termine fissato entro il 31 dicembre 2022[3], ciò per consentire la continuità dei servizi sociali e catastali e, al contempo, favorire la costituzione dell'Unione di comuni[7].

Con decreto della Regione Abruzzo numero 50 del 4 ottobre 2022 l'ente territoriale è stato ufficialmente dichiarato estinto; dal 25 novembre 2022 le competenze sono state trasferite nella costituita Unione dei comuni Montagna Marsicana, a cui hanno aderito la totalità dei comuni inclusi nella ex comunità montana[2][4][5].

Comuni[modifica | modifica wikitesto]

Era costituita da 34 comuni della Marsica in provincia dell'Aquila, escluso il comune di Avezzano con una popolazione superiore ai 20.000 abitanti[1] :

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Comuni, su montagnamarsicana.it, Comunità montana Montagna Marsicana. URL consultato il 2 marzo 2022.
  2. ^ a b Trasformazione Comunità montana in Unione dei Comuni, su montagnamarsicana.it, Unione dei comuni Montagna Marsicana, 25 novembre 2022. URL consultato il 5 dicembre 2022.
  3. ^ a b Approvato Milleproroghe, ecco i temi, su ansa.it, Ansa, 27 dicembre 2019. URL consultato il 26 gennaio 2020.
  4. ^ a b Decreto n. 50 del 4.10.2022, su regione.abruzzo.it, Regione Abruzzo. URL consultato il 18 novembre 2022.
  5. ^ a b Eleonora Berardinetti, Alleanza tra 34 sindaci, arriva l’Unione marsicana dei Comuni, su ilcentro.it, Il Centro, 31 marzo 2022. URL consultato il 2 aprile 2022.
  6. ^ Comunità montane - (Legge Regionale 27 giugno 2008, n. 10), su regione.abruzzo.it, Regione Abruzzo. URL consultato il 26 gennaio 2020.
  7. ^ Eleonora Berardinetti, Servizi sociali, unione di 34 paesi, su ilcentro.it, Il Centro, 23 novembre 2019. URL consultato il 26 gennaio 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Sito ufficiale, su montagnamarsicana.it, Comunità montana Montagna Marsicana. URL consultato il 26 gennaio 2020.
  Portale Abruzzo: accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'Abruzzo