Paint It Black

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paint It Black
ArtistaThe Rolling Stones
Tipo albumSingolo
Pubblicazione7 maggio 1966
Durata3:19 (mono single mix)
Album di provenienzaAftermath (US version)
GenereRock psichedelico
Raga rock
Hard rock
EtichettaDecca Records
London Records
ProduttoreAndrew Loog Oldham
Formativinile 7"
Noten. 1 Stati Uniti
n. 1 Gran Bretagna
Certificazioni originali
Dischi d'oroGermania Germania[1]
(vendite: 250 000+)
Dischi di platinoRegno Unito Regno Unito[2]
(vendite: 600 000+)
Certificazioni FIMI (dal 2009)
Dischi di platinoItalia Italia[3]
(vendite: 50 000+)
The Rolling Stones - cronologia
Singolo precedente
(1965)
Singolo successivo
(1966)

Paint It Black (originariamente pubblicata come Paint It, Black) è un singolo del gruppo musicale britannico The Rolling Stones pubblicato il 7 maggio 1966 negli Stati Uniti d'America. Nello stesso anno, la canzone compare come traccia d'apertura nella versione statunitense dell'album Aftermath. È accreditata al duo compositivo costituito da Mick Jagger e Keith Richards.[4]

Il singolo raggiunse il primo posto in classifica sia nel Regno Unito sia negli Stati Uniti d'America. La canzone divenne il terzo numero 1 in classifica dei Rolling Stones in America, e il sesto in Gran Bretagna.[5][6] Sin dalla sua uscita, il brano venne ritenuto di notevole pregio ed importanza quale primo successo da primo posto in classifica ad includere il suono del sitar, particolarmente in Gran Bretagna, dove entrò in classifica in altre due occasioni, ed è stato oggetto di numerose reinterpretazioni, e incluso in varie compilation e colonne sonore di film.

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

La canzone fu scritta da Mick Jagger, Keith Richards e Brian Jones che ha contribuito alla creazione del riff, ma è ufficialmente accreditata al solo binomio artistico Jagger/Richards. Nel suo libro, Bill Wyman definisce questa canzone come il risultato di uno sforzo collettivo di tutta la band nonostante sia normalmente accreditata alla sola accoppiata Jagger/Richards.[7] Si tratta di un brano pop rock che unisce la semplicità di una grande melodia pop a un sound trascinante con influenze orientaleggianti.

Il singolo raggiunse la prima posizione nelle classifiche statunitensi per due settimane, britanniche, in Canada ed in Olanda per quattro settimane e la seconda in Germania, Austria e Norvegia nel 1966. Nel 1990 ritorna in prima posizione in Olanda per cinque settimane. Nel 2004, la canzone ha guadagnato la posizione numero 174 nella lista delle migliori 500 canzoni di sempre redatta dalla rivista Rolling Stone.

Nella prima edizione del singolo, il titolo della canzone era indicato come Paint It, Black, una variante che è stata successivamente soppressa, ma che rimane ancora di uso comune. Secondo Keith Richards, la virgola nel titolo era stata scorrettamente aggiunta dalla casa discografica dando al brano un connotato razzista non voluto.[8]

Storia e composizione[modifica | modifica wikitesto]

Brian Jones nel 1965
Un sitar, strumento tradizionale di musica classica indiana impiegato nella canzone

La canzone nacque mentre Bill Wyman suonava l'organo Hammond durante una sessione di registrazione. Charlie Watts cominciò ad accompagnare l'organo con la batteria creando quella che sarebbe diventata la base della canzone finale. Brian Jones aggiunse il giro di Sitar (che aveva pensato di suonare dopo una visita di George Harrison) e Richards la chitarra acustica. Jagger aggiunse il testo probabilmente incentrato sul dolore di un uomo che ha visto morire la propria donna. La chitarra elettrica solista è suonata da Richards mentre il pianoforte è suonato da Jack Nitzsche. Il basso è stato poi aggiunto in sovraincisione da Wyman usando la pedaliera di un organo Hammond B3:

«Cominciai ad armeggiare con l'Hammond. Charlie afferrò subito il ritmo e Brian suonò la linea melodica sul sitar. Io suonavo il basso normale nel disco; poi, riascoltandolo, suggerii l'impiego dell'organo a pedali Hammond. Ero steso per terra sotto l'organo e suonavo un secondo riff basso sui pedali con i pugni, pestando a un tempo più veloce del doppio. Stranamente, chissà perché, quella composizione non fu mai accreditata a Nanker Phelge

(Bill Wyman, dichiarazioni alla stampa.[7])

Il testo della canzone è, per la maggior parte, stato scritto per descrivere stati d'animo come la depressione e il dolore attraverso l'uso del colore come metafora. Inizialmente, Paint It Black era stata composta con un arrangiamento pop, e scherzosamente paragonata da Mick Jagger alle "canzoni che si suonano durante i matrimoni ebraici".[9] Il brano descrive l'estrema sofferenza patita da una persona sbalordita dalla perdita improvvisa e inaspettata di una moglie, amante o partner. Si afferma spesso che Jagger prese ispirazione dal romanzo del 1922 Ulisse dello scrittore James Joyce, prendendo l'estratto «I have to turn my head until my darkness goes», riferendosi al tema del romanzo di una visione globale della disperazione e della desolazione.[10] La canzone stessa venne compiutamente realizzata quando Brian Jones si interessò alla musica marocchina. Fu la loro prima canzone a presentare una parte di sitar.

Paint It Black giunse in un momento di capitale importanza nella carriera dei Rolling Stones, un periodo che vide il binomio artistico-compositivo Jagger/Richards affermarsi come principale autore del materiale della band. Questo è evidente dalle sessioni di registrazione dell'album Aftermath, dove per la prima volta il duo compose tutte le canzoni incluse nel disco.[11] In aggiunta, Jones, messo in ombra da Jagger e Richards, stufo di cercare di scrivere canzoni originali, preferì dedicarsi allo studio e alla sperimentazione di nuovi strumenti musicali.[12] Per alleviare la noia, Jones sperimentò l'utilizzo di strumenti orientali, dedicandosi in particolare al sitar, arricchendo così la struttura musicale e la complessità del gruppo. Polistrumentista, Jones era in grado di imparare a suonare strumenti insoliti in breve tempo, e conosceva già parzialmente lo strumento grazie ai suoi studi passati con Harihar Rao, musicista di musica classica indiana.[13]

Registrazione[modifica | modifica wikitesto]

«Per Paint It Black, usai una terza abbassata di tono. Il suono che si ottiene da un sitar è una specie di blues basico, e il mio risultava dall'abbassamento di tono degli accordi di terza e di settima.»
— Brian Jones, giugno 1966[7]

Il nastro master di Paint It Black venne inciso l'8 marzo 1966, presso gli RCA Studios di Los Angeles, con il produttore discografico e manager Andrew Loog Oldham presente durante il processo di registrazione.[14] La maggior parte dei primi arrangiamenti provati per il brano, si ispiravano alla versione degli Animals del tradizionale The House of the Rising Sun, ma i Rolling Stones erano insoddisfatti, e presero in considerazione l'idea di scartare la canzone. Tuttavia, mentre armeggiava con un organo Hammond, Bill Wyman provò a rafforzare una particolare linea di basso, usando il pedale dello strumento. Quanto provato da Wyman piacque agli altri, e ispirò la melodia pentatonica orientale del pezzo. Secondo tutti i resoconti, il sitar fu aggiunto al missaggio dopo che il musicista indiano Harihar Rao, discepolo di Ravi Shankar, si era presentato in studio con lo strumento in mano.[9]

Nel suo libro Brian Jones: The Making of the Rolling Stones, Paul Trynka ha fatto notare che l'influenza del sitar suonato da George Harrison dei Beatles nel brano Norwegian Wood (This Bird Has Flown) presente nell'album Rubber Soul, possa aver ispirato Jones ad utilizzarlo in Paint It Black.[15] In risposta all'accusa di star semplicemente copiando quanto fatto dai Beatles, tuttavia, Jones disse: «Che scemenza totale! Allora si potrebbe dire che copiamo tutti gli altri gruppi che suonano il sitar. Non bisogna per forza ricavare quello strano sound indiano dal sitar».[16] La sua parte di sitar divenne immediatamente influente nello sviluppo di un intero sottogenere di musica psichedelica. Abbinato allo straordinario motivo strumentale, il suono del sitar è completato dal cantato minaccioso e leggermente nasale di Jagger.[10] In aggiunta, Paint It Black è illuminata dal pesante basso di Wyman, dal drumming di Charlie Watts, e dall'introduzione alla chitarra acustica suonata da Richards.

Pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

«Una gloriosa intemperanza a base di raga rock che rispedirà gli Stones al primo posto nelle classifiche di mezzo mondo e rappresenterà probabilmente il più colossale pugno allo stomaco al pop da quando Peter Sellers conobbe Sophia Loren
Melody Maker, 14 maggio 1966[7]

Paint It Black fu pubblicata su singolo negli Stati Uniti d'America il 7 maggio 1966, raggiungendo il primo posto nella classifica Billboard Hot 100 durante una permanenza totale di undici settimane. In Gran Bretagna, il 45 giri uscì il 13 maggio 1966 e conquistò la vetta della UK Singles Chart restando in classifica per dieci settimane.[5][6] Alla sua prima pubblicazione, il titolo del brano era Paint It, Black, con una virgola posta tra le parole Paint it e Black. Si trattò di un probabile errore di stampa della Decca Records come riportato dagli stessi membri dei Rolling Stones, ma, nondimeno, fece sorgere polemiche circa eventuali interpretazioni razziste.[17] Dipingilo, nero, effettivamente, poteva suonare un po' sinistro, specie in quegli anni di forti tensioni razziali. E così nelle successive ristampe del singolo, il titolo venne modificato definitivamente in Paint It Black (senza virgola).

Nel Regno Unito il singolo entrò altre due volte in classifica nel corso degli anni, nel 1990 e nel 2007, raggiungendo le posizioni 61 e 70 rispettivamente.[6]

Paint It Black, brano tra i più celebri della discografia del gruppo, è stato inserito in numerose raccolte greatest hits degli Stones, incluse Hot Rocks 1964-1971 (1971), 30 Greatest Hits (1977), Singles Collection: The London Years (1989), Forty Licks (2002), e GRRR! (2012). Esecuzioni dal vivo sono presenti negli album live Flashpoint (1991), Live Licks (2004), Shine a Light (2008), Hyde Park Live (2013), e Havana Moon (2016).

Tracce singolo US[modifica | modifica wikitesto]

London Records
  1. Paint It, Black (Jagger/Richards) - 3:19
  2. Stupid Girl (Jagger/Richards) - 2:55

Tracce singolo UK[modifica | modifica wikitesto]

Decca records
  1. Paint It, Black (Jagger/Richards) - 3:19
  2. Long Long While (Jagger/Richards) - 3:01

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

The Rolling Stones
Musicisti aggiuntivi

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1966) Posizione
migliore
Dutch Top 40[18] 1
Irish Singles Chart[19] 2
Official Singles Chart 1
US Billboard Hot 100 1
Classifica (1990) Posizione
migliore
Dutch Top 40[20] 1

Riferimenti nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

A causa della sua apparizione nei titoli di coda del film Full Metal Jacket, questa canzone è spesso associata alla guerra del Vietnam. Questo è dimostrato anche dall'utilizzo della canzone in programmi televisivi riguardanti il Vietnam come la puntata speciale sul Vietnam di Top Gear o in un episodio della serie statunitense American Dreams in cui uno dei personaggi principali è disperso in Vietnam.

La canzone compare inoltre nel film Gioco d'amore e in L'avvocato del diavolo oltre che nella puntata pilota della serie televisiva Nip/Tuck.

Citazioni[modifica | modifica wikitesto]

Paint It Black è stata spesso citata in film, libri e altre canzoni fra cui:

Nei videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

La canzone appare come colonna sonora nelle sequenze iniziali di Conflict: Vietnam e sia nel menu iniziale che nei crediti di Twisted Metal: Black. È stata inserita inoltre, nei tre videogiochi musicali SingStar, Guitar Hero III: Legends of Rock (nel quale è presente in una versione con finale più lungo) e Guitar Hero Live.

Paint It Black è presente inoltre nella mod Eve of Destruction per Battlefield 1942, Battlefield 2 e Battlefield Vietnam e nella pubblicità televisiva del videogioco Vietcong.

È inoltre presente come sottofondo del trailer ufficiale di Call of Duty: Black Ops III.

È presente come traccia passata dalle stazioni radio ascoltabili sulle automobili di Mafia III

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1966 Caterina Caselli pubblicò una cover in italiano di Paint It Black intitolata Tutto nero
  • Il brano è stato eseguito da molti altri artisti fra cui la cantante francese Marie Laforêt la cui versione compare nella serie televisiva I Soprano. Molti altri artisti hanno eseguito cover di questa canzone, fra cui:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) The Rolling Stones - Paint It Black – Gold-/Platin-Datenbank, su musikindustrie.de, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 15 maggio 2018.
  2. ^ (EN) Paint It, su bpi.co.uk, British Phonographic Industry. URL consultato il 2 novembre 2018.
  3. ^ Paint It Black (certificazione), su fimi.it, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 23 settembre 2019.
  4. ^ Richie Unterberger, Aftermath – Review, in allmusic.com. URL consultato il giugno 2015.
  5. ^ a b Rolling Stones – Hot 100, in billboard.com. URL consultato il 3 giugno 2015.
  6. ^ a b c Official Charts – Rolling Stones, in officialcharts.com. URL consultato il 3 giugno 2015.
  7. ^ a b c d Wyman, Bill. Rolling with the Stones, Mondadori, Milano, 2002, pag. 234, ISBN 88-04-50950-3
  8. ^ Interview
  9. ^ a b Janovitz, Bill, Rocks Off: 50 Tracks That Tell the Story of the Rolling Stones, New York, NY, St. Martin's Press, 2013, pp. 92–95, ISBN 978-1-250-02631-6.
  10. ^ a b Visconti, Tony, 1,001 Songs You Must Hear Before You Die, 4th, New York, NY, Universe Publishing, 2014, p. 175, ISBN 978-0-7893-2089-6.
  11. ^ Aftermath (UK), su rollingstones.com. URL consultato il 1º giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 29 novembre 2014).
  12. ^ Wawzenek, Bryan, Top 10 Brian Jones Rolling Stones Multi-Instrumentalist Songs, su Ultimate Classic Rock. URL consultato il 1º giugno 2015.
  13. ^ Brend, Mark, Strange Sounds: Offbeat Instruments and Sonic Experiments in Pop, 1st, San Francisco, CA, Backbeat Books, 2005, pp. 151–52, ISBN 978-0-87930-855-1.
  14. ^ Sullivan, Steve, Encyclopedia of Great Popular Song Recordings, Volume 2, 1st, Plymouth, GB, Scrarecrow Press Inc., 2013, ISBN 978-0-8108-8296-6. URL consultato il 2 giugno 2015.
  15. ^ Trynka, Paul, Brian Jones: The Making of the Rolling Stones, 1st, New York, New York, Viking Penguin, 2014, ISBN 978-1-101-61472-3.
  16. ^ Wyman, Bill. Rolling with the Stones, Mondadori, Milano, 2002, pag. 235, ISBN 88-04-50950-3
  17. ^ Robert Greenfield, The Rolling Stone Interviews, St. Martin's Press/Rolling Stone Press, 1981, p. 172, ISBN 0-312-68955-1.
  18. ^ Nederlandse Top 40, week 24, 1966 (Dutch), su top40.nl. URL consultato il 13 dicembre 2010.
  19. ^ irishcharts.ie. URL consultato il 16 novembre 2008.
  20. ^ Nederlandse Top 40, week 21, 1990 (Dutch), su top40.nl. URL consultato il 13 dicembre 2010.
  21. ^ 3 Steps Ahead – Paint It Black, su discogs.com. URL consultato il 4 ottobre 2013.
  22. ^ 7 Shot Screamers, su maxilyrics.com. URL consultato il 4 ottobre 2013.
  23. ^ The Accused, su spirit-of-metal.com. URL consultato il 4 ottobre 2013.
  24. ^ PAINT IT BLACK LYRICS - THE AGONY SCENE, su sing365.com. URL consultato il 5 ottobre 2013.
  25. ^ Paint It Black Lyrics Marc Almond, su maxilyrics.com. URL consultato il 5 ottobre 2013.
  26. ^ Paint It Black Lyrics Angel Blake, su lyricsmode.com. URL consultato il 5 ottobre 2013.
  27. ^ Paint It Black Lyrics The Animals, su metrolyrics.com. URL consultato il 5 ottobre 2013.
  28. ^ Paint It Black Lyrics Anti-Nowhere League, su lastfm.it. URL consultato il 5 ottobre 2013.
  29. ^ Paint It Black Lyrics Anvil, su metrolyrics.com. URL consultato il 5 ottobre 2013.
  30. ^ Paint It Black Lyrics Astrovamps, su lyricsfreak.com. URL consultato il 5 ottobre 2013.
  31. ^ Paint It Black Lyrics The Avengers, su songlyrics.com. URL consultato il 5 ottobre 2013.
  32. ^ Paint It Black Lyrics Band of Susans, su maxilyrics.com. URL consultato il 5 ottobre 2013.
  33. ^ Paint It Black Lyrics The Black Dahlia Murder, su sing365.com. URL consultato il 5 ottobre 2013.
  34. ^ Tutto nero Lyrics Caterina caselli, su maxilyrics.com. URL consultato il 5 ottobre 2013.
  35. ^ Paint it Black Lyrics Vanessa Carlton, su azlyrics.com. URL consultato il 5 ottobre 2013.
  36. ^ Paint it Black Darkseed, su lyricsmode.com. URL consultato il 5 ottobre 2013.
  37. ^ Paint it Black Deep Purple, su lyricsfreak.com. URL consultato il 5 ottobre 2013.
  38. ^ Paint it Black Deranged, su maxilyrics.com. URL consultato il 5 ottobre 2013.
  39. ^ Paint it Black Earth Crisis, su sing365.com. URL consultato il 5 ottobre 2013.
  40. ^ Paint it Black Echo & the Bunnymen, su sing365.com. URL consultato il 5 ottobre 2013.
  41. ^ Paint it Exemple, su lyricsmania.com. URL consultato il 5 ottobre 2013.
  42. ^ Paint it Black Chris Farlowe Lyrics, su maxilyrics.com. URL consultato il 5 ottobre 2013.
  43. ^ Paint it The Feelies :: Paint It Black Lyrics, su aquariumdrunkard.com. URL consultato il 5 ottobre 2013.
  44. ^ Paint it Black Firewater Lyrics, su metrolyrics.com. URL consultato il 5 ottobre 2013.
  45. ^ Paint it Black Gob Lyrics, su plyrics.com. URL consultato il 5 ottobre 2013.
  46. ^ Glen Tipton Paint it Black, su metal-archives.com. URL consultato il 1º novembre 2013.
  47. ^ Grip INC. Paint it Black, su metal-archives.com. URL consultato il 1º novembre 2013.
  48. ^ Artist Biography, su allmusic.com. URL consultato il 1º novembre 2013.
  49. ^ Hayseed Dixie Paint it black, su rockol.it. URL consultato il 1º novembre 2013.
  50. ^ Various – Painted Black, su discogs.com. URL consultato il 1º novembre 2013.
  51. ^ PAINT IT BLACK LYRICS - INKUBUS SUKKUBUS, su sing365.com. URL consultato il 1º novembre 2013.
  52. ^ Top 10 bizarre turbo-folk covers of rock and pop hits, su bturn.com. URL consultato il 1º novembre 2013.
  53. ^ Discocraphy - The Krewmen, su thekrewmen.de. URL consultato il 1º novembre 2013 (archiviato dall'url originale l'8 dicembre 2013).
  54. ^ Marie Laforet Marie Douceur, Marie Colère (Paint It Black) Lyrics, su 6lyrics.com. URL consultato il 1º novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 2 novembre 2013).
  55. ^ Paint It Black Lyrics by Jonny Lang, su stlyrics.com. URL consultato il 1º novembre 2013.
  56. ^ Paint It Black Lyrics Tracy Lawrence, su maxilyrics.com. URL consultato il 1º novembre 2013.
  57. ^ Paint It Black-Symphonic Of The Rolling Stones CD, su cduniverse.com. URL consultato il 1º novembre 2013.
  58. ^ Paint It Black Lyrics Marduk, su maxilyrics.com. URL consultato il 1º novembre 2013.
  59. ^ Painted Black Lyrics Mephisto Walz, su maxilyrics.com. URL consultato il 1º novembre 2013.
  60. ^ Mind Garage – Paint It Black, su songmeanings.com. URL consultato il 1º novembre 2013.
  61. ^ The Meteors – Paint It Black, su maxilyrics.com. URL consultato il 1º novembre 2013.
  62. ^ The Mighty Lemon Drops – Paint It Black, su songmeanings.com. URL consultato il 1º novembre 2013.
  63. ^ Mo-Dettes – Paint It Black, su discogs.com. URL consultato il 1º novembre 2013.
  64. ^ Azúcar Moreno - Paint it Black, su whosdatedwho.com. URL consultato il 1º novembre 2013.
  65. ^ Nicotine lyrics Paint It Black, su lyricsmania.com. URL consultato il 1º novembre 2013.
  66. ^ Panzer X lyrics Paint It Black [collegamento interrotto], su lyricsvip.com. URL consultato il 1º novembre 2013.
  67. ^ Plan B (uk) – Paint it blacker, su songmeanings.com. URL consultato il 2 novembre 2013.
  68. ^ The Quackes – Paint it blacker, su maxilyrics.com. URL consultato il 2 novembre 2013.
  69. ^ Rage – Paint it blacker, su metrolyrics.com. URL consultato il 2 novembre 2013.
  70. ^ The Resident – Paint it blacker, su lyrics.lucywho.com. URL consultato il 2 novembre 2013.
  71. ^ Sixth Finger – Paint it blacker, su justsomelyrics.com. URL consultato il 2 novembre 2013.
  72. ^ Skrewdriver – Paint it blacker, su lyrics59.com. URL consultato il 2 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 3 novembre 2013).
  73. ^ Smack – Paint it blacker, su lyrics85.com. URL consultato il 2 novembre 2013.
  74. ^ The standells – Paint it blacker, su lyrics.wikia.com. URL consultato il 2 novembre 2013.
  75. ^ Statemachine – Paint it blacker, su maxilyrics.com. URL consultato il 2 novembre 2013.
  76. ^ The tea party – Paint it blacker, su sing365.com. URL consultato il 2 novembre 2013.
  77. ^ U2 – Paint it blacker, su sing365.com. URL consultato il 2 novembre 2013.
  78. ^ The Unseen – Paint it blacker, su sing365.com. URL consultato il 2 novembre 2013.
  79. ^ Vicious Rumors – Paint it blacker, su maxilyrics.com. URL consultato il 2 novembre 2013.
  80. ^ The Vines – Paint it blacker, su lyricstime.com. URL consultato il 2 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 4 novembre 2013).
  81. ^ W.A.S.P. – Paint it blacker, su lyricsplanet.com. URL consultato il 2 novembre 2013.
  82. ^ Witchfynde – Paint it blacker, su whosdatedwho.com. URL consultato il 2 novembre 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock