Angie (The Rolling Stones)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« ...Oh, Angie, don't you weep, all your kisses still taste sweet. I hate that sadness in your eyes »
(Jagger/Richards, Goats Head Soup)
Angie/Silver Train
Artista The Rolling Stones
Tipo album Singolo
Pubblicazione 17 agosto 1973
Durata 4 min : 33 s
Album di provenienza Goats Head Soup
Genere Ballata
Power ballad
Etichetta Rolling Stones Records / Virgin Records
Produttore Jimmy Miller
Formati 45 giri
Note n. 1 Stati Uniti
n. 5 Gran Bretagna
n. 1 Australia
The Rolling Stones - cronologia
Singolo precedente
(1972)

Angie è un brano musicale del gruppo rock britannico The Rolling Stones, incluso nell'album Goats Head Soup, pubblicato nel 1973.

Nel documentario Protagonist, l'ex terrorista tedesco Hans-Joachim Klein spiegò di aver adottato, durante la sua militanza politica negli anni settanta, lo pseudonimo "Angie" proprio in riferimento alla canzone dei The Rolling Stones.[1]

Nel 2005 il Partito Democratico tedesco CDU utilizzò la canzone nella campagna elettorale di Angela Merkel, anche senza i premessi dei Rolling Stones .[2]

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

Registrata tra novembre e dicembre 1972, Angie fu scritta principalmente da Keith Richards, anche se di solito accreditata al tandem Jagger/Richards. La canzone è una ballata, aperta da un assolo di chitarra acustica, che racconta la fine di un amore e il dolore che ne consegue. Mick Jagger ne dà un'accorata interpretazione, accompagnato dalle note di Nicky Hopkins al pianoforte. L'arrangiamento degli archi è di Nicky Harrison.

Pubblicata su singolo nell'agosto 1973 (B-side Silver Train), Angie andò ai vertici della Billboard Hot 100 statunitense, in Canada per cinque settimane, nei Paesi Bassi ed in Norvegia per due settimane ed in Svizzera ed Australia, il secondo posto in Germania, il quarto in Danimarca, raggiunse il quinto posto nelle classifiche del Regno Unito e l'ottavo in Austria.

La canzone è molto popolare nei concerti degli Stones: spesso eseguita dal vivo, è diventata un loro cavallo di battaglia e figura in tutti i tour tenuti dal gruppo fin da quello statunitense del 1981. Ne sono scaturite registrazioni dal vivo per gli album Stripped e Live Licks.

Una leggenda alquanto dura a morire vuole che la canzone fosse dedicata alla prima moglie di David Bowie, Angela, oppure all'attrice Angie Dickinson. Altre fonti sostengono invece che la canzone parlasse della figlia di Richards, Dandelion Angela.[3]Lo stesso Keith Richards nella sua autobiografia[4] non attribuisce significati o dediche particolari a riguardo, anzi, afferma che il nome "Angie" era semplicemente un nome e, rispetto alla relazione con la sua secondogenita, smentisce poichè, non essendo ancora nata al momento della composizione del testo, non era a conoscenza del sesso del nascituro.

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Protagonist, 2007
  2. ^ Stones' "Angie" in German poll row – 22 August 2005, BBC.co.uk. URL consultato il 14 gennaio 2012.
  3. ^ Ian McPherson, Track Talk: Angie. URL consultato il 15 febbraio 2009 (archiviato il 9 febbraio 2009).
  4. ^ Keith Richards, Life, Feltrinelli, 2010.
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock