Happy (The Rolling Stones)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Happy/All Down the Line
ArtistaThe Rolling Stones
Tipo albumSingolo
Pubblicazione15 luglio 1972(USA)
Durata3:05
Album di provenienzaExile on Main St.
Dischi1
Tracce2
GenereRock and roll
Rock
EtichettaRolling Stones Records, Atlantic Records
ProduttoreJimmy Miller
Registrazioneluglio-novembre 1971
Noten. 22 Stati Uniti
The Rolling Stones - cronologia
Singolo successivo

Happy è un brano musicale della rock band dei Rolling Stones; opera di Mick Jagger e Keith Richards, contenuto nell'album Exile on Main St. del 1972. La canzone venne pubblicata negli Stati Uniti come secondo singolo estratto dal disco (B-side: All Down the Line) e raggiunse la posizione numero 22 in classifica.[1]

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

Keith Richards

Anche se accreditata alla coppia compositiva Jagger/Richards, Happy fu scritta principalmente dal solo Keith Richards nell'estate del 1971, a villa Nellcôte nel Sud della Francia. La traccia base fu registrata nella cantina di Nellcôte, utilizzando lo studio di registrazione mobile dei Rolling Stones, con Richards al basso, alla chitarra e al canto; il produttore/musicista Jimmy Miller alla batteria; e il sassofonista Bobby Keys alle maracas.[2] Il pianoforte di Nicky Hopkins venne aggiunto dopo, come anche la tromba di Jim Price, il sax di Keys, la chitarra di Mick Taylor e i cori in sottofondo ad opera di Mick Jagger.[3]

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

La genesi della canzone ebbe luogo durante un pomeriggio in cui a registrare erano presenti solo Keith Richards, il sassofonista Bobby Keys, e il produttore Jimmy Miller, che per l'occasione suonò la batteria. Il cantato è di Richards, che non essendoci Jagger, si occupò di cantare questo estemporaneo brano inciso da una formazione così inusuale. Contento del risultato ottenuto, Richards la intitolò appunto "Happy" ("felice").[4]

Dal 1972 ad oggi, Richards ha spesso eseguito Happy in concerto e il brano è diventato uno dei suoi "marchi di fabbrica" con gli Stones.[2] Versioni dal vivo della canzone sono reperibili negli album live Love You Live e Live Licks; la versione in studio è stata inclusa nelle compilation Made in the Shade e Forty Licks.[5]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Martin Elliott, The Rolling Stones: Complete Recording Sessions 1962-2002, Cherry Red Books, 2002, p. 189, ISBN 1-901447-04-9.
  2. ^ a b Steve Appleford, The Rolling Stones: Rip This Joint: The Story Behind Every Song, Thunder's Mouth Press, 2000, p. 119, ISBN 1-56025-281-2.
  3. ^ Ian McPherson, Track Talk: Happy, su timeisonourside.com. URL consultato il 5 marzo 2008.
  4. ^ Janovitz, Bill. Exile on Main St. - Il capolavoro riscoperto dei Rolling Stones, Il Saggiatore, 2010, pag. 144, ISBN 978-884281465-8
  5. ^ Nico Zentgraf, The Complete Works of the Rolling Stones 1962-2008, su nzentgraf.de. URL consultato il 23 febbraio 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Testo (ENG), su rollingstones.com. (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2009).
  • (EN) Happy, su MusicBrainz, MetaBrainz Foundation. Modifica su Wikidata
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock