Some Girls

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Some Girls
ArtistaThe Rolling Stones
Tipo albumStudio
Pubblicazione9 giugno 1978
Durata40:44
Dischi1
Tracce10
GenerePop rock
Dance rock
Hard rock
Rock
EtichettaRolling Stones Records, EMI
ProduttoreThe Glimmer Twins
Registrazione10 ottobre – 21 dicembre 1977, 5 gennaio – 2 marzo 1978, Pathé Marconi Studios, Parigi
Noten. 1 Stati Uniti
n. 2 Gran Bretagna
Certificazioni
Dischi d'oroPaesi Bassi Paesi Bassi[1]
(vendite: 50 000+)
Francia Francia[2]
(vendite: 361 100+)
Regno Unito Regno Unito[3]
(vendite: 100 000+)
Dischi di platinoStati Uniti Stati Uniti (6)[4]
(vendite: 6 000 000+)

Nuova Zelanda Nuova Zelanda[5]
(vendite: 15 000+)

The Rolling Stones - cronologia
Album precedente
(1977)
Album successivo
(1980)
Singoli
  1. Miss You/Far Away Eyes
    Pubblicato: 10 maggio 1978 (US)
  2. Beast of Burden/When the Whip Comes Down
    Pubblicato: 9 settembre 1978 (US)
  3. Respectable/When the Whip Comes Down
    Pubblicato: 15 settembre 1978 (UK)
  4. Shattered/Everything Is Turning to Gold
    Pubblicato: 29 novembre 1978 (US)

Some Girls è un album discografico del gruppo rock britannico Rolling Stones pubblicato nel 1978.

Pubblicato in piena era punk rock, è la simbolica risposta musicale di Mick Jagger & co. a chi li aveva definiti ormai sorpassati e dinosauri del rock. Fu il primo album dei Rolling Stones a vedere in formazione Ronnie Wood come membro ufficiale della band, aggiungendosi ai membri fondatori Mick Jagger (voce), Keith Richards (chitarra), Bill Wyman (basso) e Charlie Watts (batteria). Wood aveva contribuito ad alcune tracce dei precedenti due dischi degli Stones, It's Only Rock 'n' Roll del 1974 e Black and Blue del 1976, e si era unito al gruppo in pianta stabile a partire dal 1976. Con una formazione fissa per la prima volta in svariati anni, l'album segnò un ritorno alle radici per i Rolling Stones.

Riguadagnando credito dopo il relativo insuccesso di critica del precedente Black and Blue, Some Girls raggiunse il primo posto nella classifica statunitense Billboard 200. Il disco fu inoltre elogiato dai critici musicali, che lo definirono il miglior album del gruppo fin dai tempi di Exile on Main St. (1972), un "vero ritorno in piena forma".[6]

Trainato dal singolo Miss You, è l'album di studio dei Rolling Stones che ha venduto di più negli U.S.A., con 6 milioni di copie.

Nel 2003 la rivista Rolling Stone l'ha inserito al 269º posto della sua lista dei 500 migliori album di sempre.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Con l'avvento del punk rock, i Rolling Stones, insieme a molti altri musicisti loro contemporanei, furono etichettati dalla stampa di settore più oltranzista e dai fan come dei "dinosauri culturali", vecchi artisti spremuti che non avevano più nulla da offrire e irrimediabilmente compromessi con le logiche di mercato. Mick Jagger si sentì ispirato dalle provocazioni e decise di rispondere alle critiche con dei fatti.

Jagger viene generalmente riconosciuto come la forza creativa predominante dietro Some Girls, dato che Keith Richards era nel pieno del suo periodo di tossicodipendenza da eroina (Richards presenziò comunque a tutte le sessioni), e per questo aveva parecchie grane con la giustizia. Nonostante la presenza di molti brani rock duri e tirati come When the Whip Comes Down, Lies, Respectable, gran parte del successo dell'album si deve comunque a un brano di ispirazione "disco" intitolato Miss You che venne composto a partire da una idea di Jagger, che all'epoca era un assiduo frequentatore dello Studio 54, famosa discoteca di New York City. In aggiunta alla carica aggressiva del punk, un'altra influenza fondamentale nell'album è proprio la musica disco.[7]

Registrazione[modifica | modifica wikitesto]

Per la prima volta dai tempi di Beggars Banquet (1968), i musicisti principali a suonare sul disco furono i membri della band stessa (all'epoca formata da Mick Jagger, Keith Richards, Charlie Watts, Ronnie Wood e Bill Wyman), con pochissime aggiunte di turnisti. Ian McLagan, ex compagno di Wood nei The Faces, suonò le tastiere, l'armonicista Sugar Blue contribuì suonando in diversi brani, come anche il sassofonista Mel Collins e Simon Kirke, che suonò le percussioni. Ian Stewart fu assente durante la maggior parte delle sedute di registrazione a causa di divergenze musicali con il gruppo.

Le sessioni di registrazione in studio per Some Girls ebbero inizio nell'ottobre 1977, e terminarono nel marzo del 1978. Grazie al nuovo contratto discografico appena firmato dalla band con la EMI, gli Stones poterono registrare l'album ai Pathé Marconi Studios di Parigi, di proprietà della casa discografica. Il gruppo incise circa una cinquantina di brani, molti dei quali finiranno su loro dischi successivi come Emotional Rescue e Tattoo You. I ritocchi finali al missaggio dei brani e le varie sovraincisioni furono effettuati a New York.

La title track dell'album, la canzone Some Girls, fu al centro di roventi polemiche a causa del testo, considerato razzista e offensivo verso le donne. In particolare la frase «Black girls just wanna get fucked all night» ("Le ragazze nere vogliono solo essere scopate tutta la notte") fu accusata di razzismo dal Reverendo Jesse Jackson, che chiese di boicottare l'album e scatenò violenti proteste da parte di vari gruppi e associazioni femministe.

Copertina[modifica | modifica wikitesto]

Altre polemiche furono suscitate dalla copertina originale dell'album, opera dell'artista Peter Corriston, che avrebbe poi disegnato le copertine dei seguenti tre dischi degli Stones. Si trattava di un'elaborata illustrazione multicolore che raffigurava le facce dei membri del gruppo truccati da donne, mischiate a volti femminili noti. Alcune delle attrici raffigurate in copertina, come Lucille Ball, Farrah Fawcett, Liza Minnelli (in rappresentanza della madre Judy Garland), Raquel Welch, e gli eredi di Marilyn Monroe, intentarono tutti causa agli Stones perché non avevano chiesto l'autorizzazione a utilizzare la loro immagine. Il tribunale diede ragione alle attrici coinvolte o ai loro eredi, e la copertina dovette essere rimossa e modificata.

La versione "censurata" della copertina vedeva eliminati tutti i volti delle celebrità, rimpiazzati da altre foto degli Stones o, in una seconda versione distribuita anch'essa ma più rara, da immagini di volti femminili disegnati, presi da un catalogo di acconciature per signora.

Pubblicazione e accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic 5/5 stelle[8]
The A.V. Club A[9]
Blender 5/5 stelle[10]
Christgau's Record Guide A[11]
The Great Rock Discography 7/10 stelle[12]
MusicHound Rock 4/5 stelle[13]
NME 9/10 stelle[14]
Record Collector 4/5 stelle[14]
The Rolling Stone Album Guide 5/5 stelle[15]
Uncut 5/5 stelle[16]

Nel maggio 1978 fu pubblicato il primo singolo estratto dall'album, Miss You, un pezzo ballabile influenzato dalla disco music costruito su un ritmo da discoteca e armonie pop blueseggianti, che ebbe un ottimo riscontro commerciale, garantendo ai Rolling Stones il primo posto in classifica negli Stati Uniti e la terza posizione nel Regno Unito. Some Girls uscì nei negozi in giugno riscuotendo una grande accoglienza da parte del pubblico, conquistando la vetta della classifica in Nord America e la seconda posizione in Gran Bretagna. Beast of Burden, fu pubblicato come secondo singolo negli Stati Uniti dove raggiunse l'ottava posizione della Billboard Hot 100. Respectable (GB) e Shattered (USA) furono i singoli seguenti; entrambi entrarono nella Top 40.

Recensendo Some Girls per The Village Voice nel 1978, Robert Christgau scrisse: "Il miglior album degli Stones sin da Exile on Main St. è anche il loro più facile dai tempi di Let It Bleed o prima ancora. Non hanno optato per un classico uptempo rock, tipo Brown Sugar o Jumping Jack Flash — solo rock and roll senza fronzoli e senza la presenza di alcuna sezione fiati o di Billy Preston. Persino Jagger adotta un approccio relativamente diretto, e se per voi ha conservato credibilità dopo sei anni di cazzeggio in giro, non ci dovrebbe essere niente di male se vi piace questo disco, in definitiva senza melodie memorabili. Dal punto di vista del contenuto testuale, ci sono alcuni brutti momenti, specialmente nella title track, che è troppo fottutamente indiretta per piacermi, ma in generale l'abrasività sembra personale, sincera, e la vulnerabilità più genuina che mai. Inoltre, la band è veramente buona. Molto buona".[17]

Il 10 giugno 1978 gli Stones partirono per il loro "US Tour 1978" in supporto al disco appena uscito, che per la prima volta vide anche esibizioni in piccoli locali, talvolta effettuate sotto pseudonimo. Questo fu un tour più breve e meno ambizioso rispetto ai precedenti, con soli 26 spettacoli nel corso di un mese e mezzo, tutti negli Stati Uniti. Nondimeno, Some Girls divenne il terzo album meglio rappresentato nei concerti dopo Let It Bleed ed Exile on Main Street.[18] Tutte le sue dieci tracce furono eseguite dal vivo – caratteristica che condivide solo con Let It Bleed e Sticky Fingers – anche se la title track[19] non fu suonata dal vivo fino al 1999.[20]

Nel 2000 il disco è stato votato alla posizione numero 300 nella lista All Time Top 1000 Albums redatta da Colin Larkin.[21]

Nel 2003 Some Girls si è classificato alla posizione numero 269 nella lista dei migliori 500 album di sempre redatta dalla rivista Rolling Stone, scendendo alla 270ª nella revisione del 2012.[22]

Nel 1986, la prima ristampa dell'album in formato compact disc fu pubblicata dalla Columbia Records, con numero di catalogo CK-40449 Rolling Stones/Columbia. Nel 1994, con l'acquisizione della Rolling Stones Records da parte della Virgin Records, Some Girls venne rimasterizzato e ristampato nuovamente. Nel 2009, l'album è stato rimasterizzato in digitale e ristampato dalla Universal Music.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Lato A

Testi e musiche di Mick Jagger & Keith Richards, eccetto dove indicato.

  1. Miss You – 4:52
  2. When the Whip Comes Down – 4:25
  3. Just My Imagination (Running Away with Me) – 4:44 (Whitfield/Strong)
  4. Some Girls – 4:42
  5. Lies – 3:16
Lato B
  1. Far Away Eyes – 4:29
  2. Respectable – 3:13
  3. Before They Make Me Run – 3:28
  4. Beast of Burden – 4:29
  5. Shattered – 3:52

Ristampa Deluxe Edition 2011[modifica | modifica wikitesto]

Some Girls è stato ristampato il 21 novembre 2011 in versione deluxe a 2 CD, con inclusi sul secondo disco dodici brani inediti registrati durante le sessioni dell'epoca per l'album (ad eccezione di So Young). Le tracce base strumentali risalgono alle registrazioni effettuate a Parigi tra l'ottobre 1977 e il marzo 1978, mentre per la maggior parte le tracce vocali sono state reincise da Mick Jagger nel 2010 e 2011. In questa versione ampliata l'album è rientrato in classifica alle posizioni numero 58 in Gran Bretagna e 46 negli Stati Uniti.[23] No Spare Parts è stata pubblicata come singolo il 13 novembre 2011, raggiungendo il secondo posto della classifica di Billboard Hot Singles Sales.

Tracce extra ristampa 2011[modifica | modifica wikitesto]

  1. Claudine – 3:42
  2. So Young – 3:18
  3. Do You Think I Really Care? – 4:22
  4. When You're Gone – 3:51 (Jagger, Richards, Ronnie Wood)
  5. No Spare Parts – 4:30
  6. Don't Be a Stranger – 4:06
  7. We Had It All – 2:54 (Troy Seals, Donnie Fritts)
  8. Tallahassee Lassie – 2:37 (Bob Crewe, Frank C. Slay Jr., Frederick A. Picariello)
  9. I Love You Too Much – 3:10
  10. Keep Up Blues – 4:20
  11. You Win Again – 3:00 (Hank Williams)
  12. Petrol Blues – 1:35

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

The Rolling Stones
Altri musicisti
  • Sugar Blue - armonica su Miss You e Some Girls, armonica su Don't Be a Stranger e We Had It All
  • Ian McLagan - pianoforte elettrico su Miss You; organo su Just My Imagination
  • Mel Collins - sassofono su Miss You

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Gold Platinum Database - Rolling Stones, Music Canada. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  2. ^ (EN) Gold Platinum Database - Aerosmith, Music Canada. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  3. ^ (EN) Gold Platinum Database - Rolling Stones, Music Canada. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  4. ^ (EN) Gold Platinum Database - Rolling Stones, Music Canada. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  5. ^ (EN) Gold Platinum Database - Rolling Stones, Music Canada. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  6. ^ Paul Paul Nelson, Some Girls – The Rolling Stones, su Rolling Stone Magazine, 9 giugno 1978.
  7. ^ Wenner, Jan. Rolling Stone. Jagger Remembers 14 December 1995.
  8. ^ link
  9. ^ Review: The Rolling Stones: Some Girls · Music Review · The A.V. Club, in avclub.com.
  10. ^ Maxim, in blender.com. URL consultato il 19 dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 13 marzo 2015).
  11. ^ Robert Christgau, Consumer Guide '70s: R, in Christgau's Record Guide: Rock Albums of the Seventies, Ticknor & Fields, 1981, ISBN 0-89919-026-X. URL consultato il 9 marzo 2019. Ospitato su robertchristgau.com.
  12. ^ The Rolling Stones Some Girls, Acclaimed Music. URL consultato il 15 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 27 novembre 2014).
  13. ^ Gary Graff e Daniel (eds) Durchholz, MusicHound Rock: The Essential Album Guide, Farmington Hills, MI, Visible Ink Press, 1999, p. 952, ISBN 1-57859-061-2.
  14. ^ a b The Rolling Stones – Some Girls CD, CD Universe/Muze. URL consultato il 15 novembre 2014.
  15. ^ "The Rolling Stones: Album Guide". rollingstone.com.
  16. ^ link Archiviato il 5 dicembre 2010 in Internet Archive.
  17. ^ Robert Christgau, Christgau's Consumer Guide, in The Village Voice, New York, 26 giugno 1978. URL consultato il 19 settembre 2015.
  18. ^ setlist.fm; The Rolling Stones Albums total
  19. ^ setlist.fm; ‘Some Girls’ by the Rolling Stones
  20. ^ Live debuts of each Rolling Stones song (to 25.11.06)
  21. ^ Colin Larkin, All Time Top 1000 Albums, 3rd, Virgin Books, 2000, p. 125, ISBN 0-7535-0493-6.
  22. ^ 500 Greatest Albums of All Time Rolling Stone’s definitive list of the 500 greatest albums of all time, in Rolling Stone, 2012. URL consultato il 10 settembre 2019.
  23. ^ UK albums chart, 28 novembre 2011. URL consultato il 28 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 28 agosto 2012).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock