Lucille Ball

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lucille Ball nel 1950

Lucille Désirée Ball (Jamestown, 6 agosto 1911Beverly Hills, 26 aprile 1989) è stata un'attrice, comica, cantante modella e produttrice televisiva statunitense Affascinante e spigliata, dotata di verve comica e di mimica non comuni,[1] è nota in Italia soprattutto per la sitcom Lucy ed io (I Love Lucy).

Lucy signature cropped.svg

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La Ball con John Wayne nel 1955 in Lucy ed io

Lucille Ball mosse i primi passi nel mondo dello spettacolo posando come modella per una rivista, e nel 1933 riuscì ad interpretare un ruolo per la casa cinematografica MGM, nel film Il museo degli scandali (1933); dopo questa sua prima interpretazione ne seguirono altre in piccoli ruoli per la Columbia e la RKO.

Dopo una serie di ruoli brillanti, anche se di contorno, tra cui quello dell'attricetta senza lavoro in Palcoscenico (1937), e della partner dei frenetici fratelli Marx in Servizio in camera (1938), nel 1942 fu impegnata in una parte drammatica nel film Dedizione (1942), con Henry Fonda. Per tutti gli anni quaranta, sarebbe stata ancora impegnata nel cinema, soprattutto in commedie e musical.

Nel 1940 sposò il direttore d'orchestra di origini cubane Desi Arnaz, con il quale interpretò dal 1951 al 1957 la famosa serie televisiva Lucy ed io (I Love Lucy), in cui mise in evidenza tutte le sue spumeggianti doti di attrice comica, nel ruolo di una affettuosa e un po' svagata madre di famiglia le cui velleità artistiche le procurano spassosi guai. Il matrimonio con Arnaz - da cui nacquero due figli, Desi jr. e Lucie - terminò nel 1960 con il divorzio (che provocò anche la cancellazione della sitcom The Lucy-Desi Comedy Hour, che vedeva i due attori protagonisti nel ruolo di marito e moglie) e l'anno successivo l'attrice si risposò con Gary Morton.

Nel 1957 la coppia Ball-Arnaz aveva rilevato, per conto della propria casa di produzione televisiva, chiamata "Desilu", gli studi della RKO, dove in seguito sarebbero state girate importanti produzioni televisive, come Star Trek (la prima serie) e Missione Impossibile[2]. Nel 1962 ottenne nuovo successo come protagonista della sitcom The Lucy Show, al fianco dell'attore e amico Gale Gordon, sua fedele spalla. Lucille Ball continuò a riscuotere grande successo per più stagioni: la serie proseguì fino al 1968. Interpretò poi un'altra sitcom, Here's Lucy, che impegnò l'attrice fino al 1974, dandole anche l'occasione di recitare accanto ai suoi due figli.

Nel 1965 il pilot originale per la serie classica di Star Trek venne rifiutato dalla NBC perché ritenuto "troppo cerebrale". Lucille Ball usò la sua considerevole influenza televisiva per spingere la NBC a dare un'altra chance al produttore Gene Roddenberry. Il successivo pilot intitolato Where No Man Has Gone Before fu accettato e Star Trek venne alla luce rendendola "madrina" della serie.

Per quanto l'attività televisiva la tenesse straordinariamente impegnata, l'attrice non abbandonò comunque il cinema. Nel 1954 aveva interpretato una commedia diretta da Vincente Minnelli, dal titolo Dodici metri d'amore, al fianco di Desi Arnaz, e dopo due film al fianco del comico Bob Hope nei primi anni sessanta, Lucille Ball avrebbe preso parte alla commedia familiare, Appuntamento sotto il letto (1968) di Melville Shavelson, insieme ad Henry Fonda. La sua ultima esperienza sullo schermo fu come protagonista della trasposizione cinematografica di un musical, Mame (1974) di Gene Saks, ma la sua interpretazione non convinse né il pubblico né la critica, e il grave insuccesso della pellicola spinse l'attrice ad abbandonare il cinema.

Dopo diversi anni di assenza dalla televisione, se non come ospite di revival e talk-show, nel 1986 tornò ad essere interprete di una sitcom, dal titolo Life With Lucy, che però non riscosse il successo sperato. La serie venne interrotta dopo solo otto puntate.

Lucille Ball morì a causa di un aneurisma all'aorta. Da diversi anni soffriva di artrite reumatoide.

Il 6 luglio 1989 le è stata concessa (postuma) la medaglia presidenziale della libertà dal Presidente degli Stati Uniti George Bush.[3]

L'ultima apparizione pubblica dell'attrice ai Premi Oscar 1989 con il marito Gary Morton (foto di Alan Light)

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia Presidenziale della Libertà - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia Presidenziale della Libertà
— 7 luglio 1989
Kennedy Center Honors - nastrino per uniforme ordinaria Kennedy Center Honors
— 1986

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN34646030 · ISNI (EN0000 0003 6851 5409 · LCCN (ENn80043347 · GND (DE11928622X · BNF (FRcb139299575 (data)