Encyclopaedia Metallum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Encyclopaedia Metallum:
The Metal Archives
Logo
Metal-archives.jpg
URL
Commerciale no
Tipo di sito Enciclopedia musicale, recensioni musicali
Registrazione opzionale
Proprietario Morrigan, Hellblazer
Creato da HellBlazer, Morrigan
Lancio 2002
Stato attuale aperto

Encyclopaedia Metallum: The Metal Archives (comunemente conosciuto come Metal Archives o solamente MA per via dell'URL) è un sito web che elenca gruppi heavy metal di varie forme e stili musicali[1]. L'Encyclopaedia Metallum fu descritta da Matt Sullivan del Nashville Scene come "il database centrale di internet per tutti che sono "veri" (tr00) nel mondo del metal"[2]. La rivista Terrorizer descrisse il sito come "una lista pienamente esaustiva praticamente di ogni tipo di gruppi metal, con discografie complete, un forum partecipato ed un'interconnessione di utenti che mettono in mostra l'incestuosa bellezza della scena metal[3]. Tuttavia, ci sono eccezioni per i gruppi musicali che rientrano nei generi controversi e non accettati dal sito web.

Encyclopaedia Metallum aggiunge anche ulteriori informazioni per ogni band, come la discografia, il logo, l'immagine del gruppo, i testi, la formazione del gruppo, la biografia, curiosità varie e recensioni degli utenti. Il sito propone inoltre un sistema per aggiungere gruppi all'archivio. Il sito è privo di pubblicità e viene gestito in modo completamente indipendente.

Storia di Metal Archives[modifica | modifica wikitesto]

Il sito è stato inaugurato ufficialmente il 17 luglio 2002 da due canadesi che usavano gli pseudonimi HellBlazer e Morrigan. Già un Un paio di anni prima, HellBlazer aveva avuto l'idea di un'enciclopedia di Heavy Metal, cercando di scrivere la pagina di ciascuna banda in HTML. Vista la mole di lavoro e rinunciando a questa via, HellBlazer mise in moto un sito completamente automatizzato e basato sui contributi degli utenti[4]. Anche se il sito fu inaugurato ufficialmente il 17 luglio 2002, Metal Archives fu attivato nei giorni precedenti, e la prima band ad essere inserita fu quella dei finlandese Amorphis il 7 luglio[5], e già dopo un solo anno il database comprendeva più di 10.000 gruppi[6]. Ancora oggi vengono inserite 500 band ogni mese[6].

Il 13 novembre 2014 il database comprendeva una lista di 100.000 gruppi musicali Heavy Metal[7].

Criteri di inclusione ed esclusione dei gruppi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jeff Miers, Club Chatter, su The Buffalo News, 13 giugno 2008. URL consultato il 5 maggio 2009 (archiviato dall'url originale il 16 aprile 2009).
  2. ^ Matt Sullivan, The indie-fication of metal, 2009, in Nashville Scene, City Press LLC, 22 dicembre 2009. URL consultato il 31 dicembre 2009.
  3. ^ "A Decade in Downloading", Terrorizer's Secret History of... the Decade, December 2009
  4. ^ Encyclopaedia Metallum - Miasma Interview, su metal-archives.com. URL consultato il 21 aprile 2016.
  5. ^ Amorphis, su metal-archives.com. URL consultato il 21 aprile 2016.
  6. ^ a b Band archives - By created date, su Encyclopaedia Metallum. URL consultato il 24 settembre 2015.
  7. ^ 100,000 bands, su metal-archives.com. URL consultato il 21 aprile 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]