Opel Astra J

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Opel Astra J
Opel Astra (J) – Frontansicht, 21. Juni 2011, Heiligenhaus.jpg
Descrizione generale
Costruttore Germania  Opel
Tipo principale berlina
Altre versioni Station wagon
Produzione dal 2009
Sostituisce la Opel Astra H
Sostituita da Opel Astra K
Euro NCAP (2009[1]) 5 stelle
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4420
4700 (SW)
4466 (GTC) mm
Larghezza 1810
1840 (GTC) mm
Altezza 1510
1540 (SW)
1482 (GTC) mm
Passo 2685
2695 (GTC) mm
Massa da 1298 a 1538 kg
Altro
Assemblaggio Gliwice (PL)
Ellesmere Port (GB)
Russelsheim (D)
San Pietroburgo (RUS)
Stile Mark Adams
Stessa famiglia Opel Cascada
Buick Verano
Chevrolet Cruze
Opel Cascada
Opel Zafira Tourer
Auto simili Citroën C4 II
Fiat Bravo
Ford Focus
Hyundai i30
Kia Cee'd
Peugeot 308
Renault Mégane (2008)
Seat Leon (2005)
Volkswagen Golf VII
Opel Astra J rear 20100327.jpg

L'espressione Astra J indica la quarta generazione dell'Opel Astra, un'autovettura del segmento C prodotta a partire dalla fine del 2009 dalla Casa automobilistica tedesca Opel. Dal 2015, sono rimaste in listino solo la versione coupé, denominata semplicemente GTC, e la berlina a 3 volumi.

Profilo e caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Debutto[modifica | modifica wikitesto]

Presentata al Salone dell'automobile di Francoforte nell'autunno del 2009, l'Astra J viene posta in listino a dicembre del 2009. Inizialmente, in fase di progetto, doveva chiamarsi Astra I, così da proseguire coerentemente le denominazioni delle serie contrassegnate dalle lettere progressive dell'alfabeto. Ma in seguito ci si accorse che la lettera I poteva essere scambiata per il numero 1 scritto in carattere romano, per cui si preferì usare la lettera immediatamente successiva nell'alfabeto inglese, ossia la J, appunto.

L'Astra J sostituisce, com'è naturale aspettarsi, l'Astra H: inizialmente viene proposta come berlina a due volumi e a 5 porte. Le altre versioni vengono sostituite in momenti successivi e nei primi mesi rimarranno in listino quelle della precedente serie.

Già la berlina a 5 porte denota un deciso passo evolutivo in avanti, sia sul piano stilistico ed estetico, sia su quello dei contenuti tecnici.

Design ed interni[modifica | modifica wikitesto]

Plancia e console centrale della versione CosmoS

Stilisticamente, l'Astra J trasferisce nel segmento C tutti quegli elementi stilistici che hanno decretato il successo della più grande Opel Insignia, alcuni dei quali vengono anzi maggiormente evoluti e perfezionati. È il caso dei fari anteriori dal disegno assai gradevole e dotati di luci diurne a led. La forma di questi fari viene tra l'altro ripresa anche dai gruppi ottici posteriori, che propongono un'impronta simile. Dall'Insignia, poi, viene ripreso uno dei più evidenti segni distintivi, ossia la scalfatura laterale, che va a conferire dinamismo alla fiancata. Nel complesso, l'Astra J appare assai più grintosa rispetto all'Astra H, grazie alle sue linee muscolose, il parabrezza inclinato, le carreggiate notevolmente più larghe, ed il corpo vettura arrotondato. Tali caratteristiche vanno inoltre a camuffare le dimensioni della vettura, sensibilmente aumentate. Basti pensare che in lunghezza si è avuto un aumento di 17 cm.

Ciò è andato principalmente a vantaggio dell'abitabilità dei passeggeri anteriori e della capacità del bagagliaio, peraltro molto regolare come forma, ma i passeggeri posteriori non godono di maggior spazio rispetto alla precedente Astra. Sempre per quanto riguarda l'interno dell'abitacolo, un'altra nota di lode va alla plancia ed al posto guida, dal design a mezzaluna molto gradevole, con una ricca strumentazione concentrata specialmente nella console centrale dalla caratteristica forma "a goccia". Anche l'abitacolo ha quindi beneficiato di una profonda evoluzione stilistica, anche per quanto riguarda le finiture, la qualità dell'assemblaggio e degli accostamenti ed i materiali utilizzati.

Meccanica[modifica | modifica wikitesto]

Il motore 1.6 Turbo dell'Opel Astra J

Meccanicamente, l'Astra J nasce su un telaio pianale specifico, caratterizzato da un passo maggiorato di 71 mm rispetto a quello dell'Astra H. L'avantreno è un MacPherson dotato di barra antirollio cava e di bracci e supporti in lega di alluminio per ridurre la massa. Il retrotreno rappresenta invece una novità, poiché propone una struttura ad assale torcente con parallelogramma di Watt. Tale struttura permette di assorbire meglio i carichi laterali, migliorando le doti di handling della vettura. Una delle più saporite innovazioni montate sull'Astra J sono le sospensioni attive FlexRide, consistenti nella possibilità per il conducente di regolare la rigidità degli ammortizzatori, e di ottenere così risposte diverse: più reattive o più dolci e confortevoli. Le sospensioni possono essere regolate su tre possibili livelli: standard, Sport o Tour. L'impianto frenante è a dischi anteriori autoventilanti e dischi pieni al retrotreno.

Motorizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

La gamma motoristica iniziale prevede due varianti di 1.4: una da 1364 cm³ ed una da 1398, entrambe appartenenti alla famiglia di motori Family 0. Il 1.8 16v, presente nelle precedenti generazioni dell'Astra, ora è sostituito da un 1.4 Turbo, già ordinabile al momento del debutto, ma che sarebbe entrato regolarmente in listino solo a partire dalla metà del 2010. Presenti anche un 1.6 aspirato ed uno sovralimentato, impiegati anche nell'Astra H post-restyling. Tra i diesel vi sono il consueto 1.7 di origine Isuzu (da 110 e 125 CV), ulteriormente raffinato ed evoluto per ridurre le emissioni, ed i common rail di origine Fiat da 1.3 litri (95 CV) e 2 litri (da 160 CV). Durante il 2011, il motore 1.7 CDTI viene offerto in un ulteriore livello di potenza (130CV) mentre il 2.0 CDTI passa da 160 a 165CV.

La gamma dell'Astra J prevede un cambio manuale a 5 marce per le versioni aspirate a benzina, e per il 1.3 CDTI. Le altre versioni montano invece di serie un cambio a 6 marce, sempre manuale. In opzione è possibile avere un cambio automatico a 6 rapporti, ma solo per le due motorizzazioni 1.6 a benzina e per il 2 litri turbodiesel.

Dotazione e sicurezza[modifica | modifica wikitesto]

Disponibile inizialmente in tre allestimenti (il base Elective, l'intermedio Cosmo e il più ricco Cosmo S, quest'ultimo disponibile solo sul 1.6 benzina e il 2.0 CDTI). La dotazione di serie prevede sei airbag, climatizzatore, ESP, controllo di trazione, cruise control, impianto hi-fi con comandi al volante, sedile guida regolabile in altezza e specchietti retrovisori esterni riscaldabili, volante a tre razze regolabile in altezza, sensore pioggia e cerchi da 16". Tra gli optional a pagamento vi è il tetto apribile elettrico, i fari bixeno AFL III, il navigatore con cartografia su SD card e riconoscimento vocale, il computer di bordo, il volante in pelle, i sedili in pelle e riscaldabili, i fendinebbia, il sistema di controllo dinamico dell'assetto denominato FlexRide, il climatizzatore automatico bizona, cerchi in lega sino a 19", il freno di stazionamento elettronico e il sistema Opel Eye, introdotto sull'Insignia, che visualizza i segnali che indicano il limite di velocità nel tratto di strada che si percorre.

A partire dal 2012, l'allestimento Cosmo S della berlina 5 porte e Sports Tourer viene sostituito dal Cosmo.

Sotto il punto di vista della sicurezza automobilistica, è stata sottoposta ai crash test dell'EuroNCAP, totalizzando il punteggio di 5 stelle.

Evoluzione[modifica | modifica wikitesto]

Vista laterale di un'Astra J

Al momento del lancio dell'Astra berlina a 5 porte, sono state diffuse le prime immagini relative alle versioni giardinetta e coupé, i cui avvii di produzione avverranno però solo in momenti successivi.

Anche la nuova serie dell'Astra viene commercializzata nel Regno Unito con il marchio Vauxhall. Nel mercato cinese, invece, viene proposta con il marchio Buick e con la denominazione Excelle XT.

Per oltre un anno e mezzo la produzione prosegue senza grosse novità nella gamma, fatta eccezione per la versione Sports Tourer, introdotta nel novembre 2010 e per la quale sono state previste le medesime motorizzazioni della berlina. Nella seconda metà del 2011, invece, il lancio della versione GTC al Salone di Francoforte è stata l'occasione per rivisitare l'intera gamma, specialmente sul fronte diesel, dove debuttano il 1.7 CDTI da 130 CV ed il 2 litri CDTI da 165 CV.

Restyling 2012[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio del 2012 arriva la versione bi-fuel, in questo caso alimentata a GPL: spinta dal già noto 1.4 sovralimentato, la Astra 1.4 Turbo GPL eroga anche in questo caso fino a 140 CV di potenza massima. La versione a GPL monta un impianto Renzo Landi, e ha punterie idrauliche autoregistranti (nessuna registrazione del gioco valvole necessaria). Alla fine dell'estate si ha un leggerissimo restyling, appena visibile nel nuovo stile della griglia anteriore, dei paraurti e dei fendinebbia, più consistente invece sia nei motori che nella dotazione di sicurezza.

Opel Astra restyling 2012

Per quanto riguarda gli esterni, adesso la mascherina anteriore ha una forma più allargata, percorsa da una barra cromata con due baffi più sottile e snella; l'alloggiamento dei fendinebbia ha adesso una forma più arcuata ed è percorso da una piccola cromatura, e gli stessi fari fendinebbia hanno adesso dimensioni più piccole. Il posteriore si differenzia solo per la forma dell'alloggiamento della targa mentre sono nuovi i disegni dei cerchi in lega. Per gli interni vengono utilizzati rivestimenti di plancia e consolle diversi e più gradevoli al tatto. Per quanto riguarda i motori, la versioni 5 porte e Sports Tourer subiscono aggiornamenti. In particolare, esce di produzione il 1.6 a benzina aspirato, il 1.3 CDTI e il 1.7 CDTI da 125 CV. Mentre l'unità a benzina viene rimpiazzata dal 1.4 Turbo benzina nella versione da 120 CV, già utilizzato su altri modelli della casa quali Corsa e Meriva, il 1.7 CDTI viene sostituito definitivamente dalla versione da 131 CV, già in listino da un anno. Quanto al 1.3 CDTI, esso non viene sostituito da nessun altra unità motrice. Infine, anche la dotazione di sicurezza e la lista degli optional viene aggiornata, con l'introduzione del nuovo allestimento base Ecotec, il quale offre di serie solo il climatizzatore manuale, sei airbag, vetri elettrici anteriori ed ESP. Questo è disponibile solo per i motori 1.4 100 CV e 1.7 CDTI da 110 CV. Optional di nuova introduzione sono la nuova telecamera Opel Eye di seconda generazione che integra le nuovi funzioni di allarme sonoro superamento accidentale della corsia di marcia, indicatore distanza di sicurezza e radar con allarme pre-collisione. Nuova anche la telecamera posteriore con assistenza al parcheggio. Di serie per tutte le versioni con allestimento Cosmo i fari anteriori diurni a led, prima abbinati solo con i fari bixeno autoadattivi AFL.

Posteriore di un Astra restyling 2012

Contemporaneamente, la gamma si arricchisce con l'arrivo di una quarta variante di carrozzeria, la berlina a tre volumi, tradizionalmente riservata ai mercati dell'Europa dell'Est, ma che in questo caso viene proposta anche in Italia. Le motorizzazioni previste comprendono il 1.4 aspirato da 101 CV, quello sovralimentato da 140 CV ed il 1.7 turbodiesel nelle varianti da 110 e 131 CV. Disponibile anche il 1.4 Turbo a GPL. Già presentata il 29 agosto 2012 al Salone di Mosca, l'Astra Sedan viene commercializzata anche in Cina e negli USA, ma con marchio Buick. Sempre in contemporanea con questi ultimi eventi, la Opel ha dichiarato apertamente che non vi sarà una nuova Astra cabriolet o TwinTop, e che il suo posto verrà preso dalla nuova Opel Cascada, le cui foto sono state svelate nel settembre 2012 e la cui commercializzazione è stata avviata l'anno seguente.

Astra Biturbo

Alla fine dell'estate del 2013 il 1.6 Turbo viene sostituito da un nuovo motore, sempre sovralimentato e di cilindrata analoga, vale a dire il 1.6 SIDI da 170 CV, ossia 10 CV in meno rispetto al precedente motore, ma 30 Nm di coppia motrice in più. Contemporaneamente viene introdotto il nuovo 2 litri biturbodiesel da 195 CV.

Si arriva così al mese di marzo del 2014, quando l'Astra beneficia dell'arrivo del nuovo 1.6 CDTI da 136 CV, un motore destinato a sostituire il vecchio 1.7 di origine Isuzu da 131 CV, ma che inizialmente si limita ad affiancarlo. Tale motore va ad equipaggiare contemporaneamente anche le altre varianti di carrozzeria della gamma, tranne la GTC, dove il 1.6 CDTI non è previsto. Ma neppure due mesi dopo il 1.6 CDTI viene proposto anche con potenza di 110 CV, andando così ad allargare la gamma delle versioni diesel.

Nel corso dell'anno successivo sono state svelate le prime immagini della nuova generazione dell'Astra, il che ha comportato l'uscita di listino della berlina a 5 porte durante il mese di agosto del 2015. Le altre varianti della gamma Astra J sono invece rimaste temporaneamente in listino in attesa dell'arrivo delle corrispondenti varianti basate sul nuovo modello.

La Sports Tourer[modifica | modifica wikitesto]

Una Opel Astra J Sports Tourer 1.4 Turbo del 2011

Introdotta nel novembre 2010 dopo la presentazione al Salone di Parigi, è la versione station wagon dell'Astra J. Tale versione abbandona quindi la classica sigla SW, in favore di un'altra che evoca grinta e sportività (sempre relativamente ad una giardinetta), e che è già stata a suo tempo utilizzata per le versioni giardinetta della più grande Insignia. Lunga 4.698 m, arriva a pesare mediamente solo una ventina di kg in più rispetto alla corrispondente versione berlina a 5 porte. Anch'essa è votata alla praticità, senza tuttavia sminuirne l'impatto estetico, visto che condivide le soluzioni stilistiche delle berlina, ma con in più una coda dall'andamento dinamico. Tra le varie "chicche" votate alla praticità presenti nell'Astra Sports Tourer va segnalato il cosiddetto FlexFold: in pratica le sezioni asimmetriche dello schienale posteriore (ribaltabile nelle proporzioni 60-40) sono abbattibili separatamente automaticamente premendo uno dei due tasti situati ai due lati del bagagliaio, rendendo più facile il passaggio da 500 a 1.550 litri di bagagliaio. Oltre a ciò, il divano è anche completamente rimovibile, il che consente di ottenere un piano di carico pressoché perfettamente piatto. La volontà di avere delle linee più grintose è all'origine di una capacità di carico comunque non al top, dal momento che alcune vetture concorrenti vantano fino a 90 litri in più di capienza massima. In ogni caso, l'Astra J Sports Tourer è caratterizzata da una grande praticità e da un'ottima abitabilità. Sempre presenti altri dispositivi tecnologici già visti sulla berlina, come per esempio l'Opel Eye ed il sistema FlexRide di sospensioni attive regolabili dal conducente.

Vista posteriore di una Sports Tourer del 2011

Le motorizzazioni sono le stesse di quelle previste per la berlina, a fronte di un prezzo superiore di soli 1.150 Euro. L'unica differenza significativa sta nel fatto che il 1.3 CDTI è dotato anche del dispositivo Start&Stop, che spegne il motore durante le fermate temporanee (per esempio ad un semaforo rosso o in coda), in modo da ridurre emissioni e consumi.

In seguito, la gamma della Sports Tourer seguirà le stesse tappe evolutive della berlina a due volumi, comprese le versioni turbodiesel da 131 e 165 CV e l'aggiornamento del 2012, da cui riprenderà anche le stesse variazioni nella gamma motoristica. Anche in seguito, l'Astra SW seguirà le stesse evoluzioni della versione a 5 porte, fino all'estate del 2015, quando rimarrà a listino mentre la berlina a 5 porte esce di scena per far spazio al nuovo modello. Ma anche per quanto riguarda la versione station wagon vi sono stati dei significativi aggiornamenti contestualmente a tale evento e consistenti nell'uscita dai listini dei motori 2 litri turbodiesel e biturbodiesel. Sono gli ultimissimi aggiornamenti per la station tedesca, che alla fine del 2015 verrà sostituita dalla nuova Astra K SW[2].

La GTC[modifica | modifica wikitesto]

L'Astra GTC del 2011 alla sua presentazione a Francoforte

Come già anticipato, al Salone di Parigi del 2010, la casa di Rüsselsheim ha presentato la concept GTC Paris, una vettura che prefigurava in maniera quasi del tutto definitiva la futura sportiva su base Astra J, una vettura destinata a sostituire nei listini Opel la precedente Astra GTC.

La nuova GTC degli anni 10 del XXI secolo, presentata in maniera definitiva durante il Salone di Francoforte del 2011, tradisce chiaramente la sua parentela con le versioni berlina e Sports Tourer, specialmente nel frontale, dove dominano la scena i gruppi ottici e la calandra dal disegno simile agli altri due modelli. Anche il paraurti anteriore è simile in molti elementi stilistici, pur cambiando leggermente anch'esso e divenendo più grintoso, come si conviene ad una vettura dal piglio più sportivo. Lateralmente si ritrova il leitmotiv della nervatura lungo la parte inferiore della fiancata, ma si nota anche il diverso taglio del padiglione, efficacemente raccordato con la coda ed in particolare con il lunotto. Grintosa è anche la vista posteriore, dove risulta evidente lo sforzo dell'équipe di designers del Centro Stile Opel, sforzo teso a dare una connotazione sportiva alla vettura senza tuttavia stravolgere il family-feeling che deve accomunare la nuova generazione della GTC con gli altri modelli della gamma Astra J. In ogni caso, la quasi totalità dei lamierati e dei componenti esterni è del tutto nuova e ridisegnata.

Confronto posteriore della Astra 5 porte (a sinistra) e della 3 porte GTC (a destra)

Le dimensioni della carrozzeria rispetto alla berlina 5 porte sono diverse: 447, 184, 148 cm (rispettivamente più lunga, larga e bassa). La vettura è inoltre caratterizzata da un assetto più basso, sospensioni più rigide, carreggiate più larghe e passo più lungo: ne deriva una tenuta di strada ulteriormente migliorata.

La prevendita dell'Astra GTC è cominciata il 7 giugno 2011, quando il modello ha cominciato ad apparire nei listini europei, mentre le prime consegne sono iniziate a dicembre. Gli allestimenti previsti sono tre: il base Elective, l'intermedio Cosmo e il più ricco Cosmo S (riservato solo al 1.6 Turbo benzina e al 2.0 CDTI) il quale prevede di serie il Flexride.

I motori disponibili al momento sono tre a benzina (due 1.4 rispettivamente da 120 CV e 140 CV e un 1.6 da 180 CV, entrambi dotati di turbocompressore) e un 2.0 diesel da 165 CV. Il cambio previsto per tutti i modelli è un manuale a 6 marce (optional il cambio automatico solo per il 1.4 140 CV e il 2.0 CDTI). Ma vi sono altre caratteristiche meccaniche del tutto particolari, che rendono differente la Astra GTC dalle versioni berlina e Sports Tourer. Per esempio, a livello di sospensioni, la coupé tedesca monta un avantreno del tipo HyperStrut, lo stesso montato dall'Insignia OPC, in maniera tale da conferire alla compatta sportiva un comportamento su strada molto più entusiasmante.

A partire dal febbraio 2012 viene introdotto anche il motore 1.7 CDTI in versione da 110 CV e 130 CV. Con l'aggiornamento della seconda metà del 2012, le motorizzazioni della GTC rimangono invariate.

Una Astra GTC OPC, versione di punta dell'intera gamma dell'Astra J

In occasione del salone dell'auto di Ginevra del 2012, Opel presenta ufficialmente la versione sportiva OPC, dotata di un motore 2.0 Turbo benzina da 280 CV e 400 nm di coppia. Di serie i cerchi in lega da 19" (i 20" sono optional). La velocità massima è autolimitata a 250 km/h mentre l'accelerazione da 0 a 100 km/h è di 6,0 secondi. Le vendite della OPC iniziano dal luglio dello stesso anno. Per questo tipo di vettura, la Opel ha realizzato per il 2013 un campionato monomarca su circuito, denominato Astra OPC Cup, con le vetture preparate secondo i regolamenti VLN[3].

Vista posteriore di una Astra OPC del 2012

Impiegando come base la GTC, la Vauxhall ha prodotto una propria versione ad alte prestazioni della Astra, la VXR. È equipaggiata con un propulsore turbo ad iniezione diretta 2.0 da 280 CV e coppia di 440 Nm che la spinge ad una velocità massima di 255 m/h. Per migliorare la tenuta in curva è stata dotata di un nuovo sistema denominato LSD derivato dal HiPerStrut della GTC. L'impianto franante è stato fornito dalla Brembo mentre il telaio e le nuove appendici aerodinamiche sono state ridisegnate con la collaborazione del pilota Smokin "Jo" Winkelhock. Queste ultime comprendono un nuovo impianto di scarico a doppio terminale, un nuovo body kit e un nuovo spoiler posteriore.[4]

Alla fine dell'estate 2013 anche per la GTC si ha l'arrivo del 1.6 SIDI da 170 CV e in autunno è la volta del 2 litri biturbodiesel da 195 CV. Nel 2014, anche la GTC vede l'arrivo del 1.6 CDTI da 110 CV e 136 CV, sebbene leggermente più tardi rispetto alle altre varianti di carrozzeria. Queste ultime rimarranno le uniche motorizzazioni a gasolio anche per la GTC a partire dall'estate 2015, quando entrerà in produzione la nuova generazione dell'Astra a 5 porte.

Nel 2015, quando venne introdotta la nuova generazione dell'Astra, la versione GTC rimase in listino ancora per diverso tempo, in maniera tale da proporre una variante coupé, che nella gamma della nuova generazione non venne prevista. Il solo aspetto curioso è stato quello relativo alla denominazione, che perse il nome di Astra per chiamarsi semplicemente GTC.

L'Astra Sedan[modifica | modifica wikitesto]

Vista posteriore di un'Astra Sedan del 2013

Nell'autunno del 2012 viene introdotta l'Astra Sedan, la versione a tre volumi dell'Astra J. Questo genere di modelli, fino a quel momento riservati ai mercati dell'Est europeo e ad alcuni mercati in via di sviluppo, è stato in questo caso esteso anche ad altri mercati europei, come ad esempio quello italiano. La vettura, lunga 4.66 m, cioè ben 24 cm in più rispetto alla berlina a 2 volumi da cui deriva, va quindi ad inserirsi tra l'Astra J a due volumi e la ben più imponente Insignia, colmando così il gap venutosi a creare tra questi due modelli, ed è caratterizzata da un bagagliaio assai capiente, poiché forte di una capienza di 1.010 litri, non molti in meno rispetto ai 1.140 della 2 volumi. La coda, che è la parte esteticamente più caratterizzante, riprende nel disegno dei fari ed in quello dei paraurti il family feeling delle altre versioni. Presenti anche in questo caso i temi stilistici ricorrenti nella gamma, come ad esempio la nervatura che percorre la zona sottoporta.

La gamma motori prevede due unità a benzina e due a gasolio, vale a dire il 1.4 turbo da 101 e 140 CV, più il 1.7 CDTI da 110 e 131 CV. Altre differenze rispetto alla versione hatchback stanno nella dotazione, che non prevede optional come il FlexFloor, il sistema portabici ed i vetri laterali posteriori ed il lunotto oscurati.

Nel 2014 si ha l'arrivo della versione a GPL, spinta da un 1.4 Turbo da 140 CV a doppia alimentazione. Nel 2015, con l'arrivo della nuova generazione dell'Astra, la berlina a tre volumi è rimasta comunque in listino assieme alla versione coupé.

Riepilogo caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Ecco le motorizzazioni con cui la Astra J è stata offerta nel mercato italiano:

Opel Astra berlina e Sports Tourer
Modello Anni di produzione Cilindrata
cm³
Potenza
CV
Coppia Massima
Nm
Velocità Massima
km/h
Accelerazione
0–100 km/h
Versioni a benzina
Astra 1.4 16V 2009-15 1398 100
a 6000 giri/min
130
a 4000 giri/min
178 (175) 14.2" (14.5")
Astra 1.4 16V Turbo 120CV 2012-2014 (2012-14) 1364 120
a 4900 giri/min
1750
a 1850-4900 giri/min
192 (190) 11.0" (11.2")
Astra 1.4 16V Turbo 140CV 2009-15 1364 140
a 4900 giri/min
200
a 1850-4900 giri/min
205 (200) 9.7" (10.5")
Astra 1.6 16V 2009-12 (2010-12) 1598 115
a 6000 giri/min
155
a 4000 giri/min
188 (185) 11.7" (12.3")
Astra 1.6 16V Turbo 2009-13 (2010-13) 1598 180
a 5500 giri/min
230
a 2200-5400 giri/min
221 (220) 8.5" (8.8")
Astra 1.6 Turbo SIDI 2013-2015 1598 170
a 6000 giri/min
260
a 1650-3200 giri/min
220 8.7" (8.8")
Versioni a gasolio
Astra 1.3 16V CDTI 2009-2012 (2010-12) 1248 95
a 4000 giri/min
230
a 1750 giri/min
175 (174) 14.7" (14.9")
Astra 1.6 CDTI 110CV 2014-15 1598 110
a 4000 giri/min
300
a 1750 giri/min
186 (186) 12.0" (12.0")
Astra 1.6 CDTI 136CV 2014-15 1598 136
a 4000 giri/min
320
a 2000 giri/min
200 (200) 10.3" (10.3")
Astra 1.7 16V CDTI 110CV 2009-14 (2010-14) 1686 110
a 3800 giri/min
260
a 1700-2550 giri/min
186 (184) 12.6" (13.0")
Astra 1.7 16V CDTI 125CV 2009-12 (2010-12) 1686 125
a 4000 giri/min
280
a 2000-2700 giri/min
195 (192) 11.5" (11.7")
Astra 1.7 16v CDTI 130CV 2011-14 1686 131
a 4000 giri/min
300
a 2000-2500 giri/min
198 10.9"
Astra 2.0 16V CDTI 160CV 2009-11 (2010-11) 1956 160
a 4000 giri/min
350 [380 con overboost]
a 1750-2500 giri/min
215 (212) 9.0" (9.5")
Astra 2.0 16V CDTI 165CV 2011-15 (2011-15) 1956 165
a 3800 giri/min
350 [380 con overboost]
a 1750-2500 giri/min
215 9.0"
Astra 2.0 16v CDTI Biturbo 2013-15 1956 195
a 4000 giri/min
400/
1750-2500
226 (224) 8.4" (8.9")
Versioni a GPL
Astra 1.4 16V Turbo GPL 2012-15 (dal 2012) 1364 136/
4900-6000
200/
1850-4900
200 (198) 10.8" (11.1")

N.B. I dati tra parentesi tonde () si riferiscono alla versione Sports Tourer.

I modelli in grassetto sono quelli tuttora in produzione.

Opel Astra GTC
Modello Anni di produzione Cilindrata
cm³
Potenza
CV
Coppia Massima
Nm
Velocità Massima
km/h
Accelerazione
0–100 km/h
Versioni a benzina: tutte EURO 5
Astra GTC 1.4 16V Turbo 120CV 2011-15 1364 120
a 4800 giri/min
175
a 1750-4800 giri/min
192 10.9"
Astra GTC 1.4 16V Turbo 140CV dal 2011 1364 140
a 4900 giri/min
200
a 1850-4900 giri/min
201 9.9"
Astra GTC 1.6 16V Turbo 2011-2013 1598 180
a 5500 giri/min
230
a 2200-5400 giri/min
220 8.3"
Astra GTC 1.6 Turbo SIDI dal 2013 1598 170
a 6000 giri/min
260
a 1650-3200 giri/min
219 8.6"
Astra GTC OPC dal 2012 1998 280
a 5500 giri/min
400
a 2500-4500 giri/min
250 6.0"
Versioni a gasolio: tutte EURO 5
Astra GTC 1.6 CDTI 110CV dal 2014 1598 110
a 3500-4000 giri/min
300
a 1750-2500 giri/min
182 12.1"
Astra GTC 1.7 16V CDTI 110CV 2011-2014 1686 110
a 3800 giri/min
260
a 1700-2550 giri/min
180 12.7"
Astra GTC 1.6 CDTI 136CV dal 2014 1598 136
a 3500-4000 giri/min
320
a 2000 giri/min
198 10.2"
Astra GTC 1.7 16v CDTI 130CV 2011-2014 1686 130
a 4000 giri/min
300
a 2000-2500 giri/min
198 10.9"
Astra GTC 2.0 CDTI 2011-15 1956 165
a 4000 giri/min
350
a 1750-2500 giri/min
210 8.9"
Astra GTC 2.0 16v CDTI Biturbo 2013-15 1956 195
a 4000 giri/min
400/
1750-2500
225 8.3"

I modelli in grassetto sono quelli tuttora in produzione.Il motore 1.6CDTI in entrambe le configurazioni di potenza è conforme alla direttiva EURO 6.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili