Opel Admiral (1937)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Opel Admiral
Opel Admiral11.JPG
Descrizione generale
Costruttore Germania  Opel
Tipo principale berlina
Altre versioni cabriolet
Produzione dal 1937 al 1939
Sostituisce la Opel 3,7 L
Sostituita da Opel Admiral
Esemplari prodotti 6.404[senza fonte]
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 5270 mm
Larghezza 1800 mm
Altezza 1630 mm
Passo 3155 mm
Massa 1605 kg
Altro
Altre antenate Opel 4,2 L
Altre eredi Opel Diplomat
Auto simili Audi 920
BMW 335
Horch 830
Mercedes-Benz 320 W142
Stoewer Arkona
Opel Admiral AD 38 4-Door Cabriolet 1938.jpg
Una Admiral cabriolet

La Admiral era un'autovettura di lusso prodotta dalla Casa automobilistica tedesca Opel dal 1937 al 1939.

Profilo e storia[modifica | modifica wikitesto]

Con la Admiral, la Casa di Rüsselsheim riprese il filone delle auto di lusso, lasciato in sospeso già dal 1929, anno in cui le ultime due vetture di tale fascia, la 3,7 L e la 4,2 L furono tolte di produzione.
La Admiral fu appunto il modello destinato a riprendere il cammino della Opel in tale fascia: rispetto ai due modelli precedenti, la Admiral era molto più moderna, sebbene alcune soluzioni adottate cominciassero ad essere non più al passo con i tempi.
La Admiral era quindi un insieme di moderno e di tradizionale. Tra le soluzioni più tradizionali vi era l'uso del telaio separato dalla carrozzeria e non a scocca portante. Un'altra soluzione non più moderna, specie per una vettura della classe della Admiral, era il cambio a sole tre marce.
Gli elementi moderni, invece, si potevano ritrovare innanzitutto nella linea, assai gradevole ed arrotondata, come usava all'epoca, e caratterizzata dal massiccio frontale dotato di fari ovali. Altri elementi che all'epoca potevano essere definiti moderni erano invece da ricercare sotto pelle, in particolare nel motore, un 6 cilindri in linea da 3623 cm³ con distribuzione a valvole in testa. Tale motore erogava 75 CV a 3200 giri/min, con una punta di coppia massima di 210 N·m a 1700 giri/min.
Un'altra soluzione tecnica che all'epoca poteva essere considerata moderna stava nell'avantreno a ruote indipendenti, con molle elicoidali ed ammortizzatori idraulici. Il retrotreno era invece a ponte rigido, con balestre semiellittiche e nuovamente ammortizzatori idraulici.
La Admiral poteva raggiungere una velocità massima di 132 km/h e fu prodotta fino al 1939 in 6.404 esemplari ed in due varianti di carrozzeria: berlina e cabriolet. Nonostante ciò, il fatto di avere il telaio separato, stimolò la fantasia di alcuni carrozzieri e della prima Admiral furono realizzati anche alcuni esemplari fuoriserie con carrozzerie limousine o come roadster.
Lo scoppio della Seconda guerra mondiale interruppe la produzione della Admiral, il cui nome verrà però ripreso 25 anni dopo dalla nuova generazione di questa ammiraglia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili