Opel Diplomat

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Opel Diplomat
Opel Diplomat.JPG
Opel Diplomat A Coupé
Descrizione generale
Costruttore Germania  Opel
Tipo principale Berlina
Altre versioni Coupé
Produzione dal 1964 al 1977
Sostituita da Opel Senator
Esemplari prodotti 27.537[senza fonte]
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza da 4920 a 4948 mm
Larghezza da 1852 a 1902 mm
Altezza da 1432 a 1454 mm
Passo 2845 mm
Massa da 1520 a 1690 kg
Altro
Auto simili BMW E3
Fiat 130
Jaguar XJ
Mercedes-Benz W108/W109 e W116
Opel Diplomat V8 ca 1975 5354cc in profile.JPG
Opel Diplomat B

La Diplomat è un'autovettura prodotta dalla Opel tra il 1964 ed il 1977 e facente parte del gruppo cosiddetto KAD (Kapitän, Admiral, Diplomat) che costituivano le ammiraglie della casa.

La Diplomat A[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio degli anni sessanta tutto ciò che proveniva dagli Stati Uniti d'America era, di per sé, "alla moda" e a questa tendenza non sfuggivano, naturalmente, neppure le automobili. Le luccicanti auto d'oltreoceano rappresentavano, per molti, un sogno. Da queste considerazioni partirono i vertici della Opel (filiale europea della General Motors), quando decisero di mettere sul mercato un'ammiraglia che portasse in Europa Occidentale il gusto delle Cadillac.

La linea di chiara ispirazione americana ed il motore V8 "made in USA" (lo stesso della Corvette) erano gli atout principali della nuova berlina Opel di grandi dimensioni: la Diplomat.

Grazie ai 190cv sviluppati dal possente V8 monoalbero laterale di 4630cm³, alimentato da un grosso carburatore Holley quadricorpo, la Diplomat aveva una souplesse di marcia notevole: la velocità massima raggiungeva i 200 km/h e la vettura scattava da 0 a 100 km/h in 9"5.
Tra le altre caratteristiche dell'ammiraglia Opel si segnalavano il retrotreno DeDion con freni a disco "entrobordo", la trazione posteriore e il cambio manuale a 4 marce con comando al volante (ma c'era, ovviamente, anche automatico a 2 rapporti).

Nel 1965 la gamma venne completata dalla versione coupé (con padiglione ribassato, due sole porte e assenza del montante centrale e delle cornici ai finestrini), equipaggiata da un possente V8 da 5354 cm³ in grado di erogare ben 230 CV a 4700 giri/min, nonché ben 435 N·m a 3100 giri/min, permettendo alla grossa coupé (equipaggiata unicamente con un cambio automatico Powerglide a due rapporti) di raggiungere una velocità massima di 206 km/h, con accelerazione da 0 a 100 km/h in 8"4. Contemporaneamente al coupé vi fu un altro aggiornamento nella gamma Diplomat, consistente nell'arrivo della berlina equipaggiata con il 6 cilindri in linea "made in Germany" di 2784 cm³ da 145cv. Il coupé era solo V8.

La Diplomat B[modifica | modifica wikitesto]

Una Opel Diplomat Cabriolet Karmann-Fissore del 1971

Nonostante il poco successo della prima serie la Casa tedesca ci riprovò nel 1968, lanciando la Diplomat B, rinnovata esteticamente e che si distaccava dalle "sorelle minori", la Admiral e la Kapitän, principalmente per il frontale, con calandra e fari ridisegnati e ancora più yankee nello stile.
Carrozzeria e interni erano quindi completamente nuovi, ma sempre d'ispirazione americana.

Non venne riproposta la coupé, ma per conferire un'immagine di prestigio della "B", la Opel realizzò una lussuosa versione cabriolet di rappresentanza, con carrozzeria modificata e rinforzata dalla "Fissore" e capote pieghevole studiata dalla "Karmann".

Dal punto di vista tecnico non vi furono grosse novità: la Diplomat B era disponibile con il noto 2.8 litri o in alternativa con il grosso V8 da 5.4 litri: l'unica novità riguardava l'adozione dell'alimentazione a iniezione meccanica sul 6 cilindri in linea (con conseguente aumento di potenza da 145 a 160cv) e il ponte posteriore tipo De Dion. In molti mercati, la Diplomat è stata però proposta anche con il 2.8 a carburatore. Invariato, invece, il V8.

La Diplomat B uscì di scena nel 1977, rimpiazzata dalla Senator.

La Diplomat nei media[modifica | modifica wikitesto]

Una Opel Diplomat B V8 è utilizzata dall'ispettore Mick Brisgau (Henning Baum) nella serie televisiva tedesca Last Cop - L'ultimo sbirro.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili