Opel Insignia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Opel Insignia
Opel Insignia 1.6 Edition front 20100912.jpg
Descrizione generale
Costruttore Germania  Opel
Tipo principale Berlina
Altre versioni station wagon
Produzione dal 2008
Sostituisce la Opel Vectra
Euro NCAP (2008[1]) 5 stelle
Premio Auto dell'anno nel 2009
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4.842-4.920 mm
Larghezza 1.856 mm
Altezza 1.498 mm
Passo 2.737 mm
Massa da 1.513 a 1.865 kg
Altro
Assemblaggio Rüsselsheim
Stile Mark Adams
Altre antenate Opel Signum
Stessa famiglia Buick Regal
Auto simili Audi A4
BMW Serie 3
Ford Mondeo
Alfa Romeo Giulia
Peugeot 508
Volkswagen Passat
Mercedes-Benz Classe C
Jaguar XE
Renault Talisman
Škoda Superb
Mazda 6
Volvo V60
Opel Insignia 1.6 Edition rear 20100912.jpg

La Opel Insignia è un'autovettura di fascia medio-alta appartenente al segmento D prodotta a partire dal 2008 dalla casa automobilistica tedesca Opel. Si tratta della vettura di punta o ammiraglia della casa.

Storia e caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Genesi del modello[modifica | modifica wikitesto]

Le prime avvisaglie di ciò che sarebbe stata la futura Opel Insignia si videro già alla fine del 2003 al Salone dell'automobile di Francoforte, quando venne presentato il prototipo Insignia Concept, le cui soluzioni stilistiche avrebbero caratterizzato l'intera produzione della Casa di Rüsselsheim avviata cinque anni più tardi. Questo prototipo è stato lanciato un anno e mezzo dopo l'avvio della commercializzazione della terza serie della Opel Vectra, perciò ebbe il tempo di essere aggiornato in tempo per la sua produzione in serie. All'inizio del 2008 la Insignia venne ripresentata in veste quasi definitiva, dichiarando che entro pochi mesi avrebbe preso il posto della Vectra C.

Debutto[modifica | modifica wikitesto]

Una Vauxhall Insignia, in cui varia dalla sorella tedesca solo il logo e la guida a destra

Il lancio della Insignia è avvenuto nell'autunno del 2008 dopo la presentazione al Salone dell'automobile di Londra, dove la Insignia (a marchio Vauxhall) è stata calata dal cielo per mezzo di un elicottero. Inizialmente la produzione è stata limitata al solo mercato tedesco, per poi diffondersi negli altri mercati all'inizio del 2009. Nel frattempo sono state diffuse anche le prime foto della versione station wagon, denominata Sports Tourer, che avrebbe affiancato la berlina all'inizio del 2009.

In realtà la Insignia sostituisce anche l'Opel Signum; inoltre, dal momento che nel listino Opel manca una ammiraglia già da alcuni anni (l'ultima è stata la Opel Omega uscita di produzione nel 2003) l'Insignia diventa vettura di riferimento per il marchio.

La Insignia era caratterizzata da un design di rottura con l'antenata: sparite le linee spigolose e pesanti della terza generazione della Vectra, per dare spazio ad uno disegno più morbido, per nulla affine a quello del modello uscente. Ciò è dovuto al nuovo corso stilistico intrapreso dal responsabile del design Opel, Mark Adams, che di lì ad alcuni anni avrebbe esteso tali concetti anche nel resto della produzione Opel/Vauxhall. Internamente, seppur i progettisti avessero puntato sull'ergonomia, la consolle centrale era troppo ricca di pulsanti che potevano generare confusione o errori nel premere un pulsante al posto di un altro. Tale pecca sarebbe stata risolta negli anni successivi.

La Insignia è stata declinata in tre versioni: berlina a 4 porte, berlina a 5 porte e station wagon.

L'accoglienza da parte della stampa è stata piuttosto buona facendo sì che si aggiudicasse il premio di Auto dell'anno per il 2009.[2]

Motorizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

Abitacolo di una Opel Insignia

Anche la gamma delle motorizzazioni è piuttosto ampia già al momento del debutto: per quanto riguarda i motori a benzina si va dal 1.6 Family I da 110 CV al 2 litri Family II sovralimentato da 220 CV. Sul fronte dei motori diesel si monta un solo motore turbodiesel common rail da 2 litri prodotto a Kaiserslautern in Germania, con potenze variabili tra 130 e 160 CV e un biturbo da 195 CV.

Tutti i motori sono "Euro 5" e sono accoppiati ad un cambio a 6 marce o automatico sequenziale a 6 marce ad eccezione dei 1.6 e 1.8 a benzina che montano un manuale a 5 marce.

Per quanto riguarda la trazione, essa è in genere anteriore, ma in alcune versioni si può avere a richiesta la trazione integrale, che su alcune versioni di punta, come la 2.8 V6, diventa di serie. La trazione sulle quattro ruote avviene montando una frizione sull'albero di trasmissione che porta la coppia anche al retrotreno. Tale frizione è nota come "frizione Haldex" e funge anche da differenziale per la ripartizione della coppia tra i due assi.

In alcuni mercati, principalmente in quello tedesco, come motorizzazione di punta vi è un 2.8 biturbo a benzina in grado di erogare 260 CV di potenza massima. Tale motorizzazione, non presente nella gamma italiana d'esordio, ne sarebbe entrata a far parte solo in seguito.

Evoluzione[modifica | modifica wikitesto]

Nella primavera del 2009, al Salone di Barcellona, è stata presentata la versione sportiva, il cui debutto, però, non avverrà che qualche mese dopo, in estate. Tale modello, denominato Insignia OPC, presenta una decisa caratterizzazione estetica, con prese d'aria anteriori di disegno specifico e terminali di scarico incassati nel paraurti posteriore. La vettura è dotata di un 2.8 litri A28NER sovralimentato con turbocompressore twin scroll ed in grado di raggiungere 325 CV di potenza massima. Tale modello rappresenta la seconda Opel stradale più potente e performante di sempre (il primato appartiene all'Omega Lotus che aveva 377 CV) e raggiunge una velocità massima autolimitata a 250 km/h.

Posteriore di una versione station wagon denominata Sport Tourer del 2011

Tale versione debutta nell'estate del 2009, mentre alla fine dell'estate del 2010, la versione 2.8 Turbo da 260 CV giunge anche nel listino italiano.

Nel 2011, la Insignia OPC viene proposta per il solo mercato tedesco anche in versione Unlimited, cioè con limitatore di velocità spostato a 270 km/h. Nello stesso anno, al salone dell'automobile di Francoforte viene presentata la nuova gamma Insignia, che propone tra l'altro una nuova versione di base, equipaggiata con il piccolo 1.4 Turbo da 140 CV, tale versione va a sostituire il precedente motore 1.8 16v aspirato di pari potenza. Inoltre il 2 litri turbo da 220 CV è stato affiancato da una versione più performante, in grado di erogare fino a 250 CV e caratterizzata anch'essa dalla presenza della trazione integrale.

Opel Insignia OPC del 2009

Tra la fine del 2011 e l'inizio del 2012 la gamma Insignia si amplia con l'arrivo del 2.0 CDTI biturbo, un motore turbodiesel common rail in grado di erogare fino a 195 CV di potenza massima.

Nella seconda metà di agosto arriva la prima Insignia alimentata a gas, nella fattispecie a GPL. La Insignia GPL-Tech (questo il nome del nuovo modello) abbina il 1.4 Turbo di base da 140 CV all'impianto a gas, in modo da offrire una maggior economia di esercizio dovuta più che altro al minor prezzo del gas (un'auto bi-fuel benzina-GPL consuma generalmente di più in modalità a gas).

Nel 2011 l'organizzazione tedesca Dekra nel suo Rapporto Affidabilità 2011 l'ha insignita del titolo di auto più affidabile, grazie ad un indice pari al 96,1% di esemplari privi di difetti dal momento dell'acquisto ad oggi[3].

Per quanto riguarda la sicurezza automobilistica, è stata sottoposta due volte ai crash test dell'Euro NCAP con il risultato di 5 stelle sia nella prova del 2008[1], che in quella del 2009[4].

Nel 2012, per il solo mercato tedesco, sulle Insignia 2.0 CDTI da 160 CV e 2.0 Turbo da 220 CV è possibile ottenere a richiesta anche il telaio con avantreno HiPerStrut fino a quel momento riservato alla OPC.

Restyling 2013[modifica | modifica wikitesto]

Una Insignia dopo il restyling del 2013

Nell'estate del 2013 la vettura viene sottoposta ad un aggiornamento e viene presentata dal vivo in anteprima al Salone di Francoforte dello stesso anno. Sul piano estetico il frontale ha visto l'arrivo di nuovi gruppi ottici dal fondo nero lucido e dal nuovo disegno; la calandra è stata poi allargata, andando così ad eliminare le due nervature verticali presenti nel frontale precedente. Anche il paraurti anteriore è stato ridisegnato e presenta nuove prese d'aria e nuovi alloggiamenti per i faretti fendinebbia. Posteriormente le modifiche riguardarono anch'esse i gruppi ottici, ridisegnati anch'essi, ora con un profilo più elaborato: la barra cromata che prima trovava alloggiamento tra le due estremità interne dei gruppi ottici, ora li penetra all'interno della loro sagoma, un po' come nella Opel Cascada lanciata l'anno prima. Lievi modifiche anche il padiglione e allo scudo paraurti posteriore, che ora incorpora un incavo porta targa di maggiori dimensioni. Nell'abitacolo viene ridisegnata la consolle centrale, che presenta meno pulsanti dopo le forti critiche della stampa e del pubblico alla soluzione precedente. I pulsanti mancanti sono in gran parte incorporati nello schermo interattivo integrato nel sistema multimediale.

Da destra, posteriore di una Insignia berlina e Sport Tourer Restyling 2013

Per quanto riguarda i motori, la Insignia restyling vede l'arrivo del nuovo 1.6 SIDI da 170 CV, che va a rimpiazzare il precedente 1.6 Turbo da 180 CV. Dal 2 litri già utilizzato in più varianti nella gamma Opel, è stato poi derivato il nuovo 2 litri SIDI da 250 CV che va sia a sostituire la precedente motorizzazione di pari potenza, sia il 2.8 V6 Turbo da 260 CV. Per quanto riguarda i motori diesel, il 2 litri depotenziato a 110 CV viene portato a 120 CV. Il 2 litri CDTI da 130 CV sparisce invece dal mercato tedesco ma viene mantenuto in alcuni altri mercati. Comuni all'intero mercato europeo sono invece le versioni superiori, tutte con cilindrata di 1956 cm³, e con potenze di 140, 163 e 195 CV.[5]

Insignia Country Tourer

Per quanto riguarda la gamma, con l'aggiornamento del 2013 si è avuta un'altra importante novità, ossia la Insignia Country Tourer, ovvero la versione station wagon con le ormai classiche caratteristiche da crossover SUV ovvero assetto leggermente rialzato e protezioni in plastica nera su paraurti, passaruota e fiancate. Le motorizzazioni previste per la Country Tourer sono il 2 litri diesel CDTI da 163 e da 195 CV e il 2 litri benzina SIDI da 250 CV (presente però solo in alcuni mercati). La Country Tourer inizialmente era prevista unicamente a trazione integrale, successivamente si è aggiunta a listino la versione con due ruote motrici.[6]

All'inizio del 2015 c'è stato un altro aggiornamento che ha interessato il 2 litri a gasolio nella sua variante più potente, passata da 163 a 170 CV. Quest'ultimo propulsore fa parte dell'ultima famiglia di motori sviluppata esclusivamente da GM Powertrain Europe senza il supporto del gruppo Fiat (GM Large Diesel Engine). Si tratta di un motore completamente nuovo, sviluppato per rispettare la normativa Euro 6 sulle emissioni inquinanti e ridurre al minimo vibrazioni e rumore, migliorando il comfort di marcia. Nel corso dell'estate dello stesso anno, vi furono alcuni aggiornamenti alla base della gamma motori a gasolio: le due unità da 2 litri da 120 e 131 CV lasciarono il posto a due varianti del nuovo motore 1.6 CDTI, rispettivamente da 120 e 136 CV.

Nella primavera del 2016 il 1.6 CDTI da 136 CV va ad equipaggiare anche le versioni Country Tourer con assetto rialzato, dando così origine ad una versione economica della variante station wagon da sterrato.

Altri mercati[modifica | modifica wikitesto]

Una Buick Regal

La produzione dell'auto è prevista anche in altri mercati e con altri marchi a seconda dell'area economica di mercato: nel Regno Unito, la produzione è come da tradizione con il marchio Vauxhall (nelle versioni Exclusiv, S, SE, SRi, Elite e VXR); in Australia viene invece utilizzato quello Holden mentre negli USA viene venduta con il marchio Buick.

Riepilogo caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito sono riportati i dati tecnici relativi alle Opel Insignia berlina commercializzata in Europa: le versioni station wagon hanno caratteristiche simili, ma la massa è superiore di circa 75 kg, la velocità massima inferiore di circa 5–6 km/h, lo scatto da fermo è inferiore di 0,3 s ed il consumo peggiora di circa 0,2 l/100 km.

Modello Anni di
produzione
Tipo motore Cilindrata
(cm³)
Potenza max
CV/rpm
Coppia max
Nm/rpm
Massa a
vuoto (kg)
Velocità max
(Km/h)
Acceler.
0–100
km/h (s)
Consumo
(l/100 km)
Emissioni CO2
(g/km)
A benzina
1.4 Turbo dal 2011 A14NET 1364 140/
4900-6000
200/
1850-4900
1.473 205 10"9 5,6 134
1.6 16v 2008-121 A16XER 1598 115/6000 155/3800 1.503 192 13"5 8,1 179
1.6 16v Turbo 2011-13 A16LET 180/5500 230 (266 con overboost)/
2200-5500
1.510 225 8"9 7,7 164
1.6 Turbo SIDI dal 2013 A16XHT 170/6000 260 (280 con overboost)/
1650-3200
1.496 220 9"2 6 139
1.8 16v 2008-111 e
2012-131
A18XER 1796 140/6300 175/3800 1.503 206 11"9 8,3 184
2.0 16v Turbo
(220CV)
2008-13 A20NHT 1998 220/5300 350/2000-4000 1.580 242 7"6 8,8 189
2.0 16v Turbo 4x4
(220CV)
2008-10 1.695 237 7"9 10,5 229
2.0 16v Turbo 4x4
(250CV)
2011-132 A20NHH 250/5300 400/
2400-3600
1.658 250 7"5 8,8 207
2.0 Turbo SIDI dal 20131 A20NFT 250/4500 400/
2500-4500
- 7"5 7.8 184
2.8 V6 4x4 2008-133 A28NET 2792 260/5500 350/1900-4500 1.735 6"9 11,8 258
2.8 V6 Turbo
OPC
dal 2009 A28NER 325/5250 435/5250 1.825 2504 6" 12 268
A gasolio
1.6 CDTI
(120CV)
dal 2015 B16DTJ 1598 120/4000 320/2000 1.521 195 11"9 4.1 109
1.6 CDTI
(136CV)
dal 2015 B16DTH 136/4000 1.496 210 10"9 5 132
2.0 16v CDTI
(110CV)
2008-131 A20DTL 1956 110/4000 260(320 con overboost)/
1750-2500
1.510 190 12"1 4,4 116
2.0 16v CDTI
(120CV)
2013-151 A20DTC 120/4000 300 (320 con overboost)/
1750-2500
- 195 11"9 3,7 99
2.0 16v CDTI
(130CV)
dal 20085 A20DTJ 130/4000 300/1750-2500 1.538 205 11"1 5,8 124
2.0 16v CDTI
(140CV)
dal 2013 A20DTE 140/4000 350 (370 con overboost)/
1750-2500
10"5 3,7 99
2.0 16v CDTI
(160CV)
2008-13 A20DTH 160/4000 350/1750-2500 1.548 221 9"5 5,1 134
2.0 16v CDTI 4x4 2008-13 1.658 215 10"2 5,6 147
2.0 16v CDTI
(163CV)
2013-14 163/4000 350 (380 con overboost)/
1750-2500
1.548 218 9"5 4,3 114
2.0 16v CDTI 4x4 2013-14 1.658 215 10"2 5,3 139
2.0 16v CDTI
(170CV)
dal 2015 B20DTH 170/3750 400/
1750-2500
1.538 225 9" 4.6 118
2.0 16v CDTI 4x4
(170CV)
dal 2015 1.713 220 10" 5.5 144
2.0 16v CDTI
BiTurbo
dal 12/2011 A20DTR 195/4000 400/2000 1.589 230 8"7 4,9 129
2.0 16v CDTI
BiTurbo 4x4
dal 12/2011 1.658 228 8"9 5,4 144
Bi-fuel
1.4 GPL-Tech dal 2012 A14NET 1364 140/
4900-6000
200/
1850-4900
1.473 195 12"4 7,6 124
Note:
1Non per l'Italia
2In Italia a partire dal 2012
3in Italia dal 2010 al 2012
4270 km/h per la versione Unlimited
5A partire dal 2013 solo in alcuni mercati tra cui l'Italia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Test Euro NCAP del 2008, euroncap.com. URL consultato il 30 novembre 2016.
  2. ^ auto.it, http://www.auto.it/news/news/2008/12/05-17016/la_opel_insignia_auto_dell_anno_2009_/ . URL consultato il 30 novembre 2016.
  3. ^ Opel Insignia: l'auto con meno difetti secondo DEKRA, autoblog.it, 17 dicembre 2010. URL consultato il 30 novembre 2016.
  4. ^ Test Euro NCAP del 2009, euroncap.com. URL consultato il 30 novembre 2016.
  5. ^ Opel Insignia 2.0 CDTI - Le nostre impressioni di guida, quattroruote.it, 27 settembre 2013. URL consultato il 29 novembre 2016.
  6. ^ Opel Insignia Country Tourer 2.0 CDTI: la prova su strada, motori.it, 21 marzo 2016. URL consultato il 29 novembre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili