Martinus Veltman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Martinus J. G. Veltman)
Martinus Veltman (2005)
Medaglia del Premio Nobel Premio Nobel per la fisica 1999

Martinus Justinus Godefriedus Veltman (Waalwijk, 27 giugno 1931) è un fisico olandese, vincitore, insieme a Gerardus 't Hooft, del premio Nobel per la fisica nel 1999, per «aver spiegato la struttura quantistica dell'interazione elettrodebole nella fisica».[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Martinus J.G. Veltman nasce a Waalwijk, nei Paesi Bassi il 27 giugno 1931. Studia matematica e fisica all'Università di Utrecht dal 1948. Nel 1963 consegue il dottorato in fisica teorica e diviene professore presso il medesimo ateneo nel 1966.

Tra 1963 e 1964, durante una lunga permanenza allo SLAC, negli Stati Uniti, crea il programma informatico Schoonschip per l'elaborazione simbolica di equazioni matematiche. Oggi il programma è considerato il primo sistema di algebra computazionale.

Nel 1971 Gerardus 't Hooft, durante il suo percorso di dottorato proprio sotto la supervisione di Veltman, rinormalizza la teoria di Yang-Mills. I due mostrano che, rompendo le simmetrie della teoria di Yang-Mills secondo il metodo suggerito da Peter Higgs, la teoria può essere rinormalizzata.

Nel 1981, Veltman lascia l'Università di Utrecht per trasferirsi all'Università del Michigan, deluso dai riconoscimenti tributati a 't Hooft per la sua tesi di dottorato. Veltman è contrariato perché non vede riconosciuto il suo ruolo nella scoperta.[2] Alla fine, però, entrambi ottengono il Nobel nel 1999.

Veltman, oggi in pensione, è professore emerito all'Università del Michigan. L'asteroide 9492 Veltman è intitolato a lui.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Il premio Nobel per la fisica nel 1999, nobelprize.org. URL consultato il 03 maggio 2009.
  2. ^ (EN) Martinus J.G. Veltman, uu.nl. URL consultato il 03 maggio 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN49313651 · LCCN: (ENn94068242 · ISNI: (EN0000 0001 2132 0378 · GND: (DE127042717 · BNF: (FRcb12420022v (data) · CERL: cnp00841419