Marissa Cooper

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marissa Cooper
Marissa cooper.JPG
Universo The O.C.
Lingua orig. Inglese
Soprannome Coop
Autore Josh Schwartz
1ª app. in Orange County
Ultima app. in I diplomati
Interpretata da Mischa Barton
Voce italiana Valentina Mari
Sesso Femmina
Data di nascita 1988[1]
Professione studentessa
Parenti

Marissa Cooper è un personaggio della serie televisiva The O.C.

È interpretata da Mischa Barton. In Italia è doppiata da Valentina Mari.

Personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio di Marissa è contraddistinto da un rapporto altalenante con l'abuso di alcool e droghe. È sempre stata una ragazza piena di problemi, spesso infelice e fin dal primo episodio viene messo in evidenza il suo problema con l'abuso di alcool. Sostanzialmente è una brava ragazza, gentile, altruista e di buon cuore, ma avendo un carattere debole tende ad affrontare i suoi problemi di depressione manifestando comportamenti autolesionistici. Per molti versi è una ragazza ribelle, e quando si lascia trascinare dai suoi comportamenti autodistruttivi, tende a essere egoista e a non curarsi degli effetti che i propri comportamenti sortiscono sugli altri.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Prima stagione[modifica | modifica wikitesto]

Marissa Cooper è lo stereotipo di tutte le ragazze della contea di Orange: bellissima, ricca, e solare. Marissa sembra abbia avuto tutto dalla vita, una famiglia perfetta, tanti amici, una villa con piscina e un ragazzo che è il capitano della squadra di pallanuoto. La sua famiglia è composta da Julie Cooper (la madre), Jimmy Cooper (il padre) e Kaitlin Cooper (la sorella minore).

Già a partire dall'inizio della serie si manifesta una ragazza con problemi, a causa dell'abuso di alcool e di altre difficoltà risalenti all'infanzia e del complicato rapporto con la madre. Suo padre è un consulente finanziario, ma viene quasi arrestato per frode verso i suoi clienti e conseguentemente finisce in banca rotta. La madre di Marissa decide così di divorziare da suo padre, e quest'ultimo farà sapere della decisione presa a Marissa mentre lei è in vacanza a Tijuana. Durante questo stesso viaggio, insieme a Ryan, Seth e Summer (la sua migliore amica), trova in una discoteca del posto Luke Ward (il suo storico ragazzo) che la tradisce con Holly Fisher (una delle sue migliori amiche).

Dopodiché Marissa scappa, prende gli analgesici della matrigna di Summer, va a bere in un bar malfamato, sviene in un vicolo buio e va in overdose. Fortunatamente Ryan la trova, chiama immediatamente aiuto e Marissa viene trasportata in elicottero all'ospedale di Newport Beach. Dopo questa vicenda Marissa combatte con la madre che vuole internarla in un istituto psichiatrico a San Diego; riesce ad evitare questo, ma deve frequentare uno psicologo dopo che viene anche beccata a rubare in un negozio. Durante una seduta incontra Oliver Trask e diventano velocemente buoni amici, anche se Ryan non approva fino in fondo.

Durante la prima stagione, Marissa ha una relazione instabile e a più riprese con Ryan, a causa di Oliver e Luke. Oliver, si rivela mentalmente instabile ed ha una ossessione malsana verso Marissa. Ryan e Marissa si lasciano a causa della sua interferenza. Oliver viene arrestato dopo aver tenuto in ostaggio Marissa in una camera di hotel, minacciandola di spararsi se non avesse detto a Ryan che andava tutto bene. Dopo l'arresto di Oliver prova a rimettersi con Ryan, ma lui rifiuta di ricominciare la relazione, così rimangono solo amici. In questo periodo, sua madre si lega sentimentalmente al padre di Kirsten, Caleb Nichol. Durante una pausa con Caleb ha una relazione segreta con Luke. Sarà poi Luke, inconsapevolmente, a rivelarle la tresca. A causa di questo, Marissa scappa da Newport e va a Chino. Si rifugia in casa dell'ex di Ryan, Theresa Diaz. Ryan, d'accordo con la madre di Marissa, va a Chino e la esorta a tornare a casa. Dopo questo fatto i due decidono di tornare insieme.

La loro relazione viene di nuovo sconvolta da Theresa, la quale torna a Newport lamentando abusi subiti dal suo fidanzato Eddie. Theresa rivela a Marissa di essere incinta e di non sapere chi sia il padre tra Eddie e Ryan. Theresa decide inizialmente di abortire, ma poi grazie ad un parere di Kirsten ci ripensa, decidendo di tenere il figlio e di tornare a Chino dalla sua famiglia. Ryan decide di seguirla per crescere il figlio, nonostante sia comunque innamorato di Marissa. Marissa si trasferisce nella villa di Caleb, dopo che quest'ultimo si è sposato con sua madre. Il dolore profondo per la partenza di Ryan la porta a ritornare all'abuso di alcool.

Seconda stagione[modifica | modifica wikitesto]

Durante la seconda stagione, Marissa non accetta la convivenza con Caleb e la madre nonostante la splendida villa e la meravigliosa vita che egli può offrirle. Ma a quanto pare a Marissa non interessa niente del lusso e della bella vita, lei lotta contro l'alcool e la depressione, causata soprattutto dall'abbandono di Ryan. Quando Ryan torna a Newport, sembra che la loro relazione ricominci, ma quando Ryan scopre la relazione di Marissa con il giardiniere, Dj, decide di rimanerle solo amico; e così rimarranno per la maggior parte della stagione. Le relazioni che ha Marissa nel periodo centrale della stagione, sembrano più fatte per ripicca contro la madre, che per vero amore. Prima con Dj e poi una relazione omosessuale con Alex, ex-fidanzata di Seth. Mentre sta con Dj scopre che i suoi genitori sono tornati segretamente insieme. L'unione dei suoi genitori non rende affatto Marissa felice, specialmente dopo il comportamento pessimo che aveva avuto Julie nella prima stagione.

Jimmy termina la relazione nuovamente e annuncia che lascerà Newport per stabilirsi a Maui. Depressa e ubriaca, Marissa fa una scenata ai genitori durante il party di addio di Jimmy dai Cohen. Dopo il party Marissa e Jimmy fanno una lunga chiacchierata e Marissa lo saluta piangendo e intimandolo a restare. Marissa e Dj poco dopo si lasciano.

Marissa lascia la casa della madre per andare a vivere da Alex, ritornandoci solamente al termine della relazione. Il rapporto con la madre migliora sensibilmente verso la fine della stagione. Marissa riprende inaspettatamente la relazione con Ryan, dopo un periodo di lungo distacco, aiutandolo soprattutto con suo fratello Trey, appena rilasciato dalla prigione. Trey, crede erroneamente che la gentilezza di Marissa verso di lui sia segno di amore nei suoi confronti, così mentre Ryan è a Miami, sotto l'effetto di droga tenta di stuprarla, ma Marissa si difende riuscendo a liberarsi colpendolo con un bastone in testa.

Questo causa inevitabili tensioni fra loro, Ryan fraintendendo crede che tra Marissa e Trey ci sia stato qualcosa. Quando Ryan scopre del tentato stupro, va da Trey con intenzioni violente. I due cominciano a picchiarsi e nel frattempo Seth chiama Marissa e la invita ad andare velocemente a casa di Trey a fermare la lite. Quando Marissa arriva, supplica Trey di non uccidere Ryan, ma Trey continua a strangolarlo, quando sta per uccidere il fratello andando a colpirlo con un telefono sul cranio, Marissa prende la pistola di Trey e gli spara per salvare la vita a Ryan.

Terza stagione[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio della terza stagione Marissa è sotto investigazione per aver sparato a Trey, che si trova in coma all'ospedale. Quando lui si sveglia la madre di Marissa prova a coprire la verità sulla vicenda, accusando Ryan e distogliendo le colpe da Marissa. Quest'ultima lo scopre ed esorta Trey a dire la verità, specificando che Marissa è stata l'unica a sparare. Ryan viene così lasciato libero e Marissa non viene ritenuta colpevole legalmente poiché aveva difeso legittimamente un'altra persona, usando la forza necessaria alla circostanza. Nonostante la mancanza di ripercussioni legali Marissa viene comunque espulsa dalla prestigiosa scuola privata, la Harbor, a causa anche del suo passato, il furto in un negozio e l'overdose a Tijuana.

Durante l'espulsione Marissa frequenta la Newport Union, la scuola pubblica e fa amicizia con un surfer locale chiamato Johnny Harper. Johnny causa rotture nel rapporto di Marissa con Ryan, inizialmente perché Marissa sente che con Ryan non può parlare della sparatoria con Trey, fatto da cui è rimasta profondamente traumatizzata, mentre con Johnny sì e successivamente perché quest'ultimo si innamora di Marissa (sentimento in parte ricambiato). Quest'ultima viene presto riammessa alla Harbor, grazie ad una campagna per la sua riammissione condotta da Ryan, Seth, Summer e la "rivale" nelle attività scolastiche di Marissa, Taylor Townsend. Marissa conferma la sua storia con Ryan, e scrive una lettera a Johnny dicendogli che mentre erano stati amici e lei si era occupata di lui, erano comunque stati solo amici e non lo aveva amato.

Addolorato per il rifiuto di Marissa, Johnny si ubriaca e cade da una scogliera, morendo davanti agli occhi di Marissa, Kaitlin e Ryan provocando una profonda rottura nel rapporto Marissa-Ryan. Dopo la morte di Johnny, Marissa incontra Sadie, la cugina di Johnny, che le regala un gioiello che il cugino le aveva fatto fare apposta per lei, viene messa in evidenza la scena in cui Marissa guardando sia il gioello di Johnny che quello regalatole da Ryan, sceglie quello del defunto amico, a dimostranza del fatto che forse lo amava e che non lo considerava solo un amico. Ryan inizia a uscire con Sedie, mentre la sua relazione con Marissa finisce in quanto non funzionava più, la ragazza non riesce più a trovare propositi e aspettative da Newport, così comincia una relazione con Kevin Volchok, un ragazzo con il quale Johnny aveva un complicato rapporto di rivalità, e vive un progressivo allontanamento dai suoi vecchi amici, cominciando una vita squallida piena di alcool e droga. Malgrado questo lei prova ancora amore verso Ryan. Durante una serata, lei vede degli amici di Volchok che stanno cercando di violentare una ragazza. Marissa decide così di tornare dalla madre in lacrime, evidenziando così un ottimo rapporto nato tra le due, nonostante gli errori del passato.

Il rapporto con Volchok prende una piega definitiva quando la ragazza lo scopre mentre la tradisce. Alla fine Marissa torna ad essere amica di Summer, Seth e Ryan e li informa che suo padre le ha offerto un lavoro su una barca per un periodo di prova e che ha deciso di accettarlo. Ryan le chiede se può essere lui ad accompagnarla all'aeroporto, siccome lei era stata la prima persona che aveva visto a Newport voleva essere l'ultimo a salutarla. Lei gli dice che stava per chiedergli la stessa cosa. In viaggio verso l'aeroporto, sono perseguitati da Volchok ubriaco che vuole tornare con Marissa.

Volchok va volontariamente addosso alla macchina di Ryan, la quale esce di strada e cade sulla corsia sottostante. Ryan porta velocemente fuori Marissa dalla macchina prima che questa vada in fiamme. La gravità delle ferite di Marissa terrorizza Ryan, il quale vuole chiamare aiuto. Marissa gli dice però con un filo di voce di rimanere con lei in quel momento finale. La serie si conclude con la morte di Marissa tra le braccia di Ryan.

Quarta stagione[modifica | modifica wikitesto]

Nella quarta stagione Marissa viene spesso ricordata dalle persone a lei care. Viene mostrata anche la sua tomba, nella prima puntata della quarta stagione, dove c'è semplicemente scritto: "Marissa Cooper 1988 - 2006" Mentre Summer si rifugia nell'ecologia, Ryan rischia di tornare nel giro della delinquenza. Julie Cooper distrutta dal dolore per la perdita della primogenita cerca di coinvolgere il ragazzo in un progetto di omicidio che riguarda Volchok. A Marissa viene fatta giustizia in un modo meno cruento: Volchok decide di costituirsi e i suoi cari trovano in parte pace. Durante il Krismukkah Ryan e la sua nuova ragazza Taylor cadono da una scala, finiscono in coma e si risvegliano in una realtà parallela in cui non sono mai esistiti.

Scoprono che Marissa è morta di overdose durante lo stesso weekend a Tijuana in cui Ryan le aveva salvato la vita nella loro dimensione. Prima di tornare nel suo mondo il ragazzo legge una lettera arrivata quella stessa mattina e inviatagli dalla ragazza prima della sua morte (ma arrivata in ritardo per disguidi postali): vi è scritto che in realtà lei non lo aveva mai dimenticato ma che doveva andarsene per permettere di crescere a entrambi. In questo modo Ryan si rende conto che la sua presenza a Newport ha permesso a Marissa di vivere una vita più felice e torna alla sua vita normale.

Il giorno del suo terzo matrimonio Julie Cooper riceve da Summer un ciondolo con all'interno la foto della figlia e le due si abbracciano in lacrime. Successivamente al momento di lasciare per sempre Newport, Ryan mette piede nella sua vecchia casa un'ultima volta e si ricorda del suo primo incontro con i Cohen.

Prima di abbandonare il viale in cui aveva trascorso la sua adolescenza pensa a Marissa e al momento in cui rischiò per la prima volta di non vederla mai più. Ciò sta a significare che lei farà sempre parte del suo cuore ma che non è più un fantasma doloroso bensì un dolce ricordo che lo ha reso un ragazzo migliore.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

La morte del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Il creatore della serie, Josh Schwartz, ha rilasciato alcune interviste[2][3] per il decimo anniversario della serie dalle quali sono emersi i molteplici fattori che hanno portato alla tanto discussa morte di uno dei personaggi principali.

Innanzitutto si evince che molto è dipeso dal sentimento creativo dell'autore, il quale ha sempre creduto che questa fine fosse scritta nel DNA di Marissa, intrinsecamente una tragica eroina destinata a non esser salvata, nemmeno da Ryan.

Inoltre è stato comunque necessario fare i conti con la pressione della rete sul futuro dello show, al quale bisognava dare una nuova spinta. Per molti critici quel personaggio era fonte di frustrazione e il suo allontanamento sembrava esser la soluzione migliore per dare spazio a nuove storie e per riportare la serie a quello spirito caratterizzante le prime due stagioni. Non è stata una scelta facile e lo stesso Schwartz ha dichiarato che la sera in cui è stato girato quell'episodio è tornato a casa e ha pensato "Oh, mio Dio, che cosa ho fatto?”[3]. Perché se è vero che una fetta di pubblico più adulta ha gioito per la sua uscita di scena è altresì vero che per i più giovani è stata un'eresia aver ucciso il loro personaggio preferito.

È stato inoltre chiesto a Schwartz se la decisione di far morire il personaggio interpretato dalla Barton fosse stato influenzato dalla scelta della stessa attrice di voler abbandonare il cast. Il creatore della serie ha così risposto: “Mischa non voleva uscire dallo show più di quanto tutti gli altri ragazzi la volevano fuori dallo show [ride]. E 'stata una chimica complessa con il cast ... Ma sicuramente lei non stava cercando attivamente di lasciare lo show.”[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Come riportato sulla lapide
  2. ^ a b Stern, Marlow, "Remembering 'The O.C.': Creator Josh Schwartz on the show's 10th anniversary", thedailybeast.com.
  3. ^ a b Alan Sepinwall, 'The O.C.,' 10 years later: Josh Schwartz looks back, hitfix.com.
Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione