Margaret Booth

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Statuetta dell'Oscar Oscar onorario 1978

Margaret Booth (Los Angeles, 14 gennaio 1898Los Angeles, 28 ottobre 2002) è stata una montatrice statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Margaret Booth inizia la propria carriera cinematografica all'inizio degli anni venti come assistente montatrice per David Wark Griffith. Lavora poi per Louis B. Mayer e lo segue quando questi fonda nel 1924 la Metro-Goldwyn-Mayer.

Nel 1936 viene candidata all'Oscar al miglior montaggio per La tragedia del Bounty e l'anno successivo diventa Editor-In-Chief della MGM, assumendo un ruolo di supervisione che mantiene per trent'anni.[1]

Nel 1978 viene premiata con un Oscar onorario «per il suo eccezionale contributo all'arte del montaggio nell'industria cinematografica».[2] Nello stesso periodo, a ottant'anni già superati, si cimenta anche in alcune produzioni.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Montaggio[modifica | modifica wikitesto]

Supervisione al montaggio[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Robert Edwards, Margaret Booth, Find a Grave. URL consultato il 5 febbraio 2012.
  2. ^ (EN) The 50th Academy Awards (1978), www.oscars.org. URL consultato il 5 febbraio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN26709774 · LCCN: (ENno2001020963