James Baskett

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Statuetta dell'Oscar Oscar onorario 1948

James Baskett (Indianapolis, 16 febbraio 1904Los Angeles, 9 luglio 1948) è stato un attore statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò a lavorare come farmacista a Indianapolis, tuttavia la politica razziale della Grande depressione lo costrinse ad abbandonare l'impiego e a cercare fortuna nelle città maggiori degli Stati Uniti. Amico del cantante Louis Armstrong, ottenne alcune parti in spettacoli e cabaret a Los Angeles, arrivando poi ad abbracciare l'arte della recitazione. Il maggiore successo di Baskett è la pellicola prodotta da Walt Disney I racconti dello zio Tom del 1946. Dopo questa fortunata esperienza però, a causa di problemi di salute l'attore fu costretto a ritirarsi dalle scene. Baskett infatti, a causa del suo notevole peso, ebbe numerosi attacchi di cuore, fino a quello fatale, avvenuto il 9 luglio 1948. Precedentemente, nel 1941, Baskett diede la voce a "Fats", uno dei corvi del film d'animazione di Walt Disney Dumbo - L'elefante volante.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sending a Wire, regia di Murray Roth – cortometraggio (1929)
  • Harlem Is Heaven, regia di Irwin R. Franklyn (1932)
  • 20,000 Cheers for the Chain Gang, regia di Roy Mack – cortometraggio (1933)
  • Gone Harlem, regia di Irwin R. Franklyn (1932)
  • Policy Man (1938)
  • Straight to Heaven, regia di Arthur H. Leonard (1939)
  • Comes Midnight (1940)
  • Dumbo - L'elefante volante (Dumbo), regia di AA.VV. (1941) – voce
  • Revenge of the Zombies, regia di Steve Sekely (1943)
  • Crepi l'astrologo (The Heavenly Body), regia di Alexander Hall (1944)
  • I racconti dello zio Tom (Song of the South), regia di Harve Foster e Wilfred Jackson (1946)

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi lavori, James Baskett è stato doppiato da:

Da doppiatore è sostituito da:

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN74060462 · ISNI (EN0000 0000 3949 8513 · LCCN (ENno00004290 · GND (DE134866673 · BNF (FRcb14153481k (data) · CONOR.SI (SL179956067 · WorldCat Identities (ENlccn-no00004290