John M. Stahl

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
John Malcolm Stahl

John Malcolm Stahl (New York, 21 gennaio 1886Los Angeles, 12 gennaio 1950) è stato un regista e produttore cinematografico statunitense. È stato uno dei 36 membri fondatori dell'Academy of Motion Picture Arts and Sciences (AMPAS) che nasce nel 1927, un'organizzazione per il miglioramento e la promozione mondiale del cinema. L'accademia, nel 1929, creò il Premio Oscar

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

John Malcolm Stahl iniziò la sua carriera ai tempi del cinema muto, periodo in cui si registra il picco massimo della sua produzione da regista. Almeno la metà dei film da lui diretti risalgono infatti a questo periodo, fra il 1914 ed il 1927. Negli anni venti e trenta fu anche un attivo produttore, ma ancora una volta la stragrande maggioranza dei film da lui prodotti si colloca nell'era del muto. Dal 1931 al 1941 solo sette film furono da lui prodotti e di quasi tutti firmò anche la regia.

Fra i suoi film si ricordano: La donna proibita (1932), melodramma con Irene Dunne nel ruolo di eterna amante, Al di là delle tenebre (1935), ancora con la Dunne, film dove il melodramma si fonde con la commedia ingannando lo spettatore. Nel 1941 si cimento' nella commedia con La fidanzata di mio marito con Melvyn Douglas, mentre nel 1945 firmò un nuovo grande melodramma, Femmina folle dove Gene Tierney interpretò una moglie patologicamente possessiva che arriva all'omicidio ed al suicidio. Uno dei suoi ultimi lavori fu Le mura di Gerico (1948), dove il protagonista è preda di una donna molto simile a quella del film precedente, ma stavolta con un finale decisamente diverso.

Stahl morì a Hollywood nel 1950 per un attacco di cuore.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Al 6546 Hollywood Boulevard gli è dedicata una stella sulla Hollywood Walk of Fame.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Mollie King in Women Men Forget 1919

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN61745514 · ISNI (EN0000 0000 8387 6649 · LCCN (ENno90008939 · GND (DE136444415 · BNF (FRcb140256856 (data) · BNE (ESXX1085287 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no90008939