Lago di Campotosto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lago di Campotosto
Lago di campotosto.jpg
Stato Italia Italia
Regione Abruzzo Abruzzo
Provincia L'Aquila L'Aquila
Comune Campotosto, Capitignano e L'Aquila
Coordinate 42°32′00.97″N 13°23′01.5″E / 42.533603°N 13.383751°E42.533603; 13.383751Coordinate: 42°32′00.97″N 13°23′01.5″E / 42.533603°N 13.383751°E42.533603; 13.383751
Altitudine 1313 m s.l.m.
Dimensioni
Superficie 14 km²
Profondità massima 35 m
Volume 0,218 km³
Idrografia
Origine Artificiale
Bacino idrografico 47.5 km²
Immissari principali Rio Fucino
Emissari principali Rio Fucino
Mappa di localizzazione: Italia
Lago di Campotosto
Lago di Campotosto
Lago di Campotosto-Mappa.jpg

Il lago di Campotosto è il più grande lago artificiale d'Abruzzo. Situato interamente in provincia dell'Aquila, tra i comuni di Campotosto (da cui prende il nome), Capitignano e L'Aquila, ad un'altitudine di 1.313 m s.l.m., presenta una superficie di 1400 ettari e raggiunge una profondità massima di 30-35 metri[1].

Il lago fa parte della riserva naturale statale omonima, istituita su una superficie di 1.600 ettari nel 1984 a tutela dell'ambiente naturale e del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

In epoca glaciale il bacino lacustre aveva la forma di una doppia Y. Al termine delle ere glaciali è rimasto l'alveo dove scorre il Rio Fucino.

Il lago artificiale fu creato negli anni trenta-quaranta con la costruzione di tre dighe, con lo scopo di utilizzarne le acque per il funzionamento delle centrali idroelettriche site nella valle del Vomano. La creazione del lago artificiale ha assunto la forma di una V, in pratica la parte superiore della doppia Y. I due rami della V vengono detti di Campotosto e di Mascioni in relazione ai principali centri abitati che si stagliano lungo le sponde.

L'invaso ha inondato l'alveo torbiero che riforniva industrie locali di combustibili. Infatti, fino ai primi decenni del Novecento dal fondo del lago veniva estratta la torba e, per facilitarne il trasporto, era stata costruita una teleferica che convogliava il materiale estratto fino alla stazione di Capitignano. Da Capitignano il trasporto si innestava sulle direttrici nazionali tramite la ferrovia L'Aquila-Capitignano costruita appositamente per tale commercio. Con la realizzazione del lago artificiale l'attività estrattiva fu abbandonata. Il lago nasce negli anni 30-40 con la costruzione di 3 sbarramenti artificiali: la diga di Poggio Cancelli a nord-ovest, realizzata a gravità in terra battuta; la diga di Sella Pedicate a sud, a gravità in terra battuta con ferro e cemento; la diga di Rio Fucino posta ad est, a gravità in calcestruzzo e ferro.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La creazione del lago è stata possibile grazie alla costruzione di tre dighe, ovvero:

  • la diga di Sella Pedicate, posta a sud, realizzata in terra battuta, ferro e cemento;
  • la diga del Rio Fucino, posta ad est in corrispondenza dell'omonimo torrente e realizzata in ferro e cemento;
  • la diga di Poggio Cancelli, posta a nord-ovest in corrispondenza dell'omonima frazione e realizzata in terra battuta.

L'invaso è alimentato, oltre che dal già citato Rio Fucino, da due canali di gronda in corrispondenza delle estremità occidentale ed orientale del lago. Il dislivello di circa 300 metri consente l'alimentazione della centrale idroelettrica di Provvidenza posta in corrispondenza dell'omonimo lago (a sud, nel territorio comunale dell'Aquila) oltre che delle due centrali più lontane di San Giacomo e Montorio (ad est, rispettivamente nei comuni di Fano Adriano e Montorio al Vomano situati in provincia di Teramo). L'energia prodotta è di circa 800-900 milioni di kW·h[1].

È stato ipotizzato che la realizzazione di tale bacino artificiale possa aver modificato le condizioni climatiche dell'area contribuendo all'innalzamento delle temperature medie[2]. Nonostante ciò, non è raro che il lago si presenti completamente ghiacciato nella stagione invernale.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Foto panoramica del lago di Campotosto.jpg
Ingrandisci
Un panorama del lago di Campotosto
Il lago ghiacciato in inverno

Accessibilità[modifica | modifica wikitesto]

Il lago di Campotosto è situato a poca distanza dalla strada statale 80 che lo lambisce meridionalmente e collega L'Aquila con Teramo ed il versante adriatico. In alternativa è possibile utilizzare la strada statale 577 da Amatrice oppure altre strade minori da Montereale e Capitignano.

L'intero invaso è circondato da una strada lunga circa 40 km. In corrispondenza del punto più stretto del lago è situato un ponte stradale (in sostituzione dell'adiacente e antiquato Ponte delle stecche) che consente un più rapido collegamento tra le sponde meridionale e settentrionale.

Cicloturismo sul lungolago di Campotosto

Comuni[modifica | modifica wikitesto]

Il lago si staglia in larga parte nel territorio comunale di Campotosto, toccando però anche il comune di Capitignano (estremità sud-ovest) e dell'Aquila (estremità sud-est).

I paesi ai bordi del lago sono tre:

  • Campotosto, a nord-est: con i suoi 1420 metri s.l.m. è il secondo comune più alto d'Abruzzo
  • Mascioni, a sud-ovest: frazione di Campotosto da cui prende il nome il ramo meridionale del lago
  • Poggio Cancelli, a nord-ovest: frazione di Campotosto da cui prende il nome l'omonima diga

Nelle vicinanze è inoltre l'aggregato di Ortolano, unito al comune di Campotosto alla fine dell'Ottocento.

Sport e turismo[modifica | modifica wikitesto]

Il lago, interamente compreso nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, è meta di sportivi e turisti soprattutto nella stagione estiva. La meta principale è il lungolago che si estende per oltre 40 km e consente il collegamento tra i vari centri abitati; essendo pressoché pianeggiante, si presta bene al cicloturismo. Altre attività frequenti sono il footing, il trekking e soprattutto l'equitazione, quest'ultima ben sviluppata grazie all'inserimento di Campotosto nell'itinerario dell'ippovia del Gran Sasso per un totale di circa 300 km attrezzati. In acqua è anche possibile fare Windsurf, Kitesurf, e kayak. Il perimetro del lago in acqua è di circa 30 km.

Il turismo è connesso anche alle località nelle vicinanze, in particolare il Passo delle Capannelle, luogo particolarmente amato da ciclisti e motociclisti, e le stazioni sciistiche (più distanziate) di Campo Imperatore e Prati di Tivo. La zona è inoltre rinomanta per alcune eccellenze gastronomiche, tra cui la mortadella di Campotosto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Comune di Campotosto, Il lago di Campotosto. URL consultato il 19-07-11.
  2. ^ Provincia dell'Aquila, pag.249

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Provincia dell'Aquila, Guida turistica della Provincia dell'Aquila, L'Aquila, Provincia dell'Aquila, 1999;
  • Touring Club Italiano, L'Italia - Abruzzo e Molise, Milano, Touring Editore, 2005;

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]