Costa Masciarelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Costa Masciarelli
Laquila.JPG
Scorcio
Localizzazione
StatoItalia Italia
CittàL'Aquila
QuartiereQuarto San Giorgio
Informazioni generali
Tipostrada pedonale
Pavimentazionesampietrini
IntitolazioneBraccio da Montone
CostruzioneXVI secolo
Collegamenti
Intersezioni
Mappa

Coordinate: 42°20′50.49″N 13°24′03.03″E / 42.347357°N 13.400843°E42.347357; 13.400843

Costa Masciarelli è una strada del centro storico dell'Aquila. Si sviluppa sul costolone (da cui il nome, costa) più ripido che va da Piazza del Duomo al limite della cinta muraria ed è dedicata alla memoria di Baldassarre Masciarelli, già capitano di Carlo V nel periodo di dominazione spagnola[1].

La strada si inserisce all'interno di uno dei quartieri medievali meglio conservati della città, abitato prevalentemente dalla comunità ebrea locale, ed è caratterizzata da una leggera curvatura verso l'interno che consentiva una maggiore difesa in caso di incursioni e assedi. I suoi 300 metri, calcolati dall'incrocio con via delle Grazie e la Porta Bazzano, costituiscono il collegamento tra il centro storico e la collina di Collemaggio anche se, per il notevole dislivello tra le due zone, la strada ha le sembianze di una lunga ed ininterrotta scalinata. Nel suo percorso è caratterizzata da palazzi medievali, antichi portali, e scorci che, unitamente al panorama sul Gruppo montuoso di Monte Ocre-Monte Cagno che è parte della catena del Sirente-Velino che si ha percorrendola verso Porta Bazzano, sono di assoluto valore artistico e naturalistico.

Immagine della via da nord

Verso nord la strada si immette verso la via Cimino e quindi in Piazza del Duomo, centro sociale e culturale della città. Verso sud la strada termina, all'incrocio con Via Fortebraccio, nella Piazza di Porta Bazzano caratterizzata da un fontanile del sec. XVI e dall'omonima porta del XIII secolo che venne profondamente restaurata dopo il terremoto del 1703 in cui subì ingenti danni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Provincia dell'Aquila, Guida turistica della Provincia dell'Aquila, L'Aquila, Provincia dell'Aquila, 1999;
  • Touring Club Italiano, L'Italia - Abruzzo e Molise, Milano, Touring Editore, 2005;

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]