Costa Masciarelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Costa Masciarelli
Laquila.JPG
Scorcio
Localizzazione
StatoItalia Italia
CittàL'Aquila
QuartiereQuarto di Santa Giusta e quarto di Santa Maria
Informazioni generali
Tipostrada pedonale
Pavimentazionesampietrini
IntitolazioneBaldassarre Masciarelli
CostruzioneXVI secolo
Collegamenti
Intersezioni
Mappa

Coordinate: 42°20′50.49″N 13°24′03.03″E / 42.347357°N 13.400843°E42.347357; 13.400843

Costa Masciarelli è una strada del centro storico dell'Aquila. Si sviluppa sul costolone (da cui il nome, costa) più ripido che va da Piazza del Duomo al limite della cinta muraria ed è dedicata alla memoria di Baldassarre Masciarelli, già capitano di Carlo V nel periodo di dominazione spagnola[1].

La strada si inserisce all'interno di uno dei quartieri medievali meglio conservati della città, abitato prevalentemente dalla comunità ebrea locale, ed è caratterizzata da una leggera curvatura verso l'interno che consentiva una maggiore difesa in caso di incursioni e assedi. I suoi 300 metri, calcolati dall'incrocio con via delle Grazie e la Porta Bazzano, costituiscono il collegamento tra il centro storico e la collina di Collemaggio anche se, per il notevole dislivello tra le due zone, la strada ha le sembianze di una lunga ed ininterrotta scalinata. Nel suo percorso è caratterizzata da palazzi medievali, antichi portali, e scorci che, unitamente al panorama sul Gruppo montuoso di Monte Ocre-Monte Cagno che è parte della catena del Sirente-Velino che si ha percorrendola verso Porta Bazzano, sono di assoluto valore artistico e naturalistico.

Immagine della via da nord

Verso nord la strada si immette verso la via Cimino e quindi in Piazza del Duomo, centro sociale e culturale della città. Verso sud la strada termina, all'incrocio con Via Fortebraccio, nella Piazza di Porta Bazzano caratterizzata da un fontanile del sec. XVI e dall'omonima porta del XIII secolo che venne profondamente restaurata dopo il terremoto del 1703 in cui subì ingenti danni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Provincia dell'Aquila, Guida turistica della Provincia dell'Aquila, L'Aquila, Provincia dell'Aquila, 1999;
  • Touring Club Italiano, L'Italia - Abruzzo e Molise, Milano, Touring Editore, 2005;

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]