Liceo ginnasio Domenico Cotugno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Liceo ginnasio Domenico Cotugno
Palazzo Quinzi.jpg
Palazzo Quinzi, sede del liceo dal 2002 al 2009
Ubicazione
StatoItalia Italia
CittàL'Aquila
IndirizzoVia Leonardo da Vinci n. 8
Organizzazione
Tipo
OrdinamentoPubblico
Fondazione5 marzo 1816
PresideSerenella Ottaviano
Studenti428 (2017) [1]
Dati generali
TestataI Portici
Sito web

Il liceo ginnasio Domenico Cotugno è un liceo italiano situato all'Aquila.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il palazzo del Convitto, sede del liceo fino al 2002.

Nel 1315 i francescani istituirono il primo collegio cittadino all'interno del loro convento, adiacente alla scomparsa chiesa di San Francesco in piazza del Palazzo; in questo istituto insegnò, tra gli altri, Pietro dell'Aquila. Un secondo collegio — antesignano dell'Università degli studi dell'Aquila — venne poi impiantato nel 1596 dai Gesuiti nel palazzo Camponeschi.[2]

Il liceo moderno sorse il 5 marzo 1816 per iniziativa di Ferdinando I delle Due Sicilie come traslazione del Collegio Reale dei Tre Abruzzi, fondato da Napoleone Bonaparte a Sulmona nel 1807; il trasferimento dell'istituto avvenne in seguito ad una profonda riorganizzazione del sistema scolastico nel Regno delle Due Sicilie e su pressione della sezione aquilana dell'Accademia dei Velati.[2]

Su proposta di Niccolò Persichetti, la città chiese l'intitolazione a Gaio Sallustio Crispo, il cui busto compare al centro della piazza, ma — per volontà del Ministero della pubblica istruzione — il liceo fu intitolato al medico pugliese Domenico Cotugno che, all'inizio del XIX secolo, frequentò abitualmente la città. L'istituto comprendeva, oltre al convitto nazionale, le scuole di lettere, filosofia, fisica e matematica.[2]

Nel 1861, con l'estensione anche in Abruzzo della legge Casati, il liceo ginnasio venne distinto dal convitto nazionale Domenico Cotugno e, nel 1923, rinnovato in chiave classica e umanistica con la riforma Gentile.[2] In precedenza, nel 1879, la chiesa di San Francesco era stata distrutta per permettere la realizzazione del Palazzo del Convitto, che successivamente inglobò anche l'adiacente convento di San Francesco; l'istituto, il convitto e la biblioteca provinciale Salvatore Tommasi si trasferirono nella nuova sede nel 1883 e vi rimasero per oltre un secolo sino all'inizio degli anni duemila.[2] Tra il 1889 e il 1904 il Palazzo venne radicalmente ristrutturato ad opera dell'ingegnere Costanzo Ciarletta.[3]

Nel 1997 il liceo classico si è unito all'istituto magistrale Vittorio Emanuele II, fondato nel 1862 e avente sede a palazzo Gaglioffi; l'anno successivo è stato avviato il corso di scienze umane mentre a partire dal 2010, agli indirizzi esistenti, si è aggiunto il liceo musicale.[2]

In seguito ai danni prodotti dal terremoto del 6 aprile 2009, i locali del liceo, del convitto e della biblioteca sono stati dichiarati inagibili;[4] in seguito la sede è stata quindi trasferita per la prima volta dopo quasi due secoli fuori dal centro storico, in via Leonardo da Vinci.

Sedi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Domenico Cotugno, Scuola in Chiaro.
  2. ^ a b c d e f Liceo ginnasio Domenico Cotugno, L'istituto, su convittocotugno.gov.it.
  3. ^ Ciarletta Costanzo, su SIUSA Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche. URL consultato il 17 marzo 2018.
  4. ^ Dipartimento della Protezione Civile, Scheda di valutazione e censimento dei danni - Palazzo quinzi (PDF), su 151.12.58.154. URL consultato il 10 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2015).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]