Stadio Gran Sasso d'Italia-Italo Acconcia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stadio Gran Sasso d'Italia-Italo Acconcia
Stadio (di) Acquasanta
Stadio GranSasso AQ.jpg
Visuale interna dalla Tribuna Ovest.
Informazioni
StatoItalia Italia
UbicazioneVia Amleto Cencioni,
67100 L'Aquila
Inizio lavori1982 (1° progetto)
2012 (2° progetto)
Inaugurazione2016
StrutturaPianta quadrata
CoperturaTribuna Est e Tribuna Ovest
Pista d’atleticaAssente
Ristrutturazione2012–2016
Costi di ricostr.1.793.607,92 [1] (1º lotto)
2.000.046,00 [2] (2º lotto)
Mat. del terrenoErba sintetica
Dim. del terreno105 × 68 m
ProprietarioCoat of Arms of L'Aquila, Italy.svg Comune dell'Aquila
CostruttoreCirci Costruzioni S.r.l.[1] (1º lotto)
S.P.E.L. S.r.l.[2] (2º lotto)
Uso e beneficiari
CalcioL'Aquila (2016-)
Capienza
Posti a sedere6 100
Mappa di localizzazione

Coordinate: 42°21′03.96″N 13°24′37.08″E / 42.3511°N 13.4103°E42.3511; 13.4103

Lo stadio Gran Sasso d'Italia-Italo Acconcia[3] è un impianto sportivo dell'Aquila che ospita le partite casalinghe della locale squadra di calcio.

È stato ricostruito tra il 2012 ed il 2016 sul luogo di un vecchio campo sportivo mai completato. Già dal 2008 risulta intitolato al Gran Sasso d'Italia[4][5] — denominazione poi confermata da una consultazione popolare organizzata dal locale supporters' trust, L'Aquila Me'[6] — cui si è aggiunta, nel 2016, l'intitolazione ad Italo Acconcia,[3] centrocampista aquilano degli anni Quaranta e Cinquanta ed in seguito allenatore delle rappresentative giovanili della Nazionale, tra i più rappresentativi atleti calcistici della città.

Lo stadio è situato nel quartiere di Acquasanta, non distante dall'altro impianto cittadino dello stadio Tommaso Fattori.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Esterno dell'impianto.
La Tribuna Ovest con la seggiolatura rossoblù.

Un campo sportivo sito in località Acquasanta, nei pressi del cimitero monumentale e ad est del centro storico, viene utilizzato dalla polisportiva L'Aquila Rugby sin dal secondo dopoguerra.[7] Sul finire degli anni Sessanta si propone qui la costruzione di un moderno impianto in modo da consentire alla formazione neroverde di abbandonare lo stadio Tommaso Fattori, dove conviveva con L'Aquila Calcio[7]. La realizzazione prende il via negli anni Ottanta, tuttavia il complesso — che avrebbe dovuto contenere lo stadio (dotato di due tribune coperte), un campo secondario, la sede societaria e un museo del rugby — non fu mai completato e venne utilizzato sporadicamente per allenamenti e partite amichevoli.[8]

Nel 2008 venne redatto un nuovo progetto per consentire all'impianto di ospitare le partite casalinghe della squadra di rugby; in questa occasione si decise di intitolare lo stadio al Gran Sasso d'Italia.[5] In seguito al terremoto dell'Aquila del 2009, al suo interno venne localizzata una tendopoli per ospitare gli sfollati dei vicini quartieri.[8]

Nel 2010 si decise di adibirlo ad uso calcistico nell'ambito di un più generale discorso impiantistico disegnato dall'allora giunta comunale.[9][10] Il nuovo progetto venne redatto insieme al CONI nell'ambito dell'iniziativa "Stadi senza barriere". I lavori sono cominciati nell'ottobre 2012[11] e la loro fine, inizialmente prevista per l'estate del 2013 e poi prorogata più volte per consentire di apportare alcune modifiche,[8] è avvenuta nel 2016.

Nello stesso anno, le due tribune sono state provviste di sedute con schienale mentre la curva di sedute semplici; in entrambi i casi sono stati utilizzati seggiolini di colore rosso e blu, oltre ad alcuni seggiolini di colore bianche per le scritte.[12]

Dal 2017 il Gran Sasso d'Italia-Italo Acconcia ospita anche la sede della società L'Aquila Calcio, collocata nei locali sotto la Tribuna Ovest.

Inaugurazione[modifica | modifica wikitesto]

La prima partita ufficiale, seppur con l'impianto ancora non completato in tutte le sue parti e a capienza ridotta,[13] si è svolta il 4 settembre 2016 contro la Nuova Monterosi in occasione della prima giornata del campionato di Serie D 2016-2017. La partita è terminata in parità davanti a 1 500 spettatori, il massimo dei consentiti.[14]

L'Aquila
4 settembre 2016, ore 15:00 CEST
1ª giornata
L'Aquila1 – 1
(1-1)
referto
MonterosiGran Sasso d'Italia - Italo Acconcia (1500 spett.)
Arbitro:  Domenico De Girolamo (Avellino)

Altri eventi[modifica | modifica wikitesto]

L'impianto aquilano ha ospitato numerose partite di beneficenza. Il 3 settembre 2017, nell'ambito dell'evento “Il Jazz italiano per le terre del sisma”, vi si è svolta la partita tra la Nazionale dei jazzisti italiani — capitanata da Paolo Fresu — e una rappresentativa locale capitanata da Raoul Bova.[15]

Il 31 marzo 2017 il Gran Sasso d'Italia-Italo Acconcia ha ospitato le finali del Torneo delle Regioni per le categorie femminile — tra le rappresentative della Lombardia e della Sicilia — e juniores — tra il Friuli Venezia Giulia e le Marche.[16]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La capienza totale dell'impianto è di 6 763 posti, tutti a sedere, comprese le previste 20 postazioni per la stampa provviste di banco ed ancora da collocare; a queste vanno aggiunte ulteriori 12 postazioni per la stampa e 6 per radio e televisione situate in 3 box da installare all'interno della Tribuna Ovest. I settori sono principalmente suddivisi in quattro tribune. Tuttavia l'omologazione, giunta solo a marzo 2019, prescrive un'agibilità massima di 6 100 spettatori[17].

Settore Capienza Planimetria
Tribuna Ovest Tribuna Superiore 1 290 posti 2 104 posti Stadio di Acquasanta (Layout).JPG
Tribuna Autorità 104 posti
Tribuna Stampa 20 posti
Tribuna Inferiore 690 posti
Tribuna Est Tribuna Superiore 1 656 posti 2 346 posti
Tribuna Inferiore 690 posti
Curva Sud 1 542 posti
Curva Nord 771 posti
Totale 6 763 posti

Le tribune e la curva sud sono realizzate in elementi di cemento armato prefabbricato mentre la curva nord, riservata alla tifoseria ospite, è caratterizzata da una struttura interamente metallica. L'impianto aderisce inoltre all'iniziativa "Stadi senza barriere" patrocinata dal CONI[18] e pertanto tutti i settori dello stadio, compreso il settore ospiti, saranno rialzati rispetto al terreno di gioco e separati da esso tramite un parapetto di 1,10 m, come previsto dalle linee guida del Ministero dell'Interno.[19]

Il campo è in manto sintetico, realizzato con un sistema di erba artificiale ed intaso prestazionale Geoplus.[20]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Primati e record[modifica | modifica wikitesto]

La partita con la maggiore affluenza di pubblico è stata L'Aquila-Avezzano del 20 novembre 2016, valevole per la 12ª giornata del campionato di Serie D 2016-2017 e terminata sul punteggio di 1-1 davanti a 2 380 spettatori, compresi 270 tifosi ospiti.

Statistiche stagionali[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Campionato Coppe nazionali Totale Affluenza
media
Comp G V N P Gf Gs V % Comp G V N P Gf Gs V % G V N P Gf Gs V %
2016-2017 Serie D, gir. G 17 8 8 1 36 13 47,06% Coppa Italia Serie D - - - - - - - 17 8 8 1 36 13 47,06% 1 126[21]
2017-2018 Serie D, gir. F 17 10 5 2 35 17 - Coppa Italia Serie D 2 1 0 1 3 3 50% 19 11 5 3 38 20 80% 300
Totale - 34 18 13 3 71 30 - - 2 1 0 1 3 3 50% 23 12 8 3 47 20 54,55% 1 080

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Verbale di gara, su mit.gov.it. URL consultato il 2 agosto 2013.
  2. ^ a b abruzzo24ore.tv, Stadio Acquasanta, affidati i lavori per ultimo lotto, su abruzzo24ore.tv. URL consultato il 27 gennaio 2015.
  3. ^ a b Comune dell'Aquila, Stadio di Acquasanta intitolato anche ad Italo Acconcia; si chiamerà "Gran Sasso d'Italia-Italo Acconcia", su comune.laquila.gov.it. URL consultato il 30 agosto 2016.
  4. ^ Come previsto da una delibera della giunta comunale del 26 febbraio 2009.
  5. ^ a b Lo stadio di Acquasanta sarà il "Gran Sasso d’Italia", in primadanoi.it, 27 febbraio 2009. URL consultato il 2 agosto 2013.
  6. ^ Michela Corridore, “Gran Sasso”, ecco il nome scelto dai tifosi per il nuovo stadio dell'Aquila, in Il Centro, 7 ottobre 2015. URL consultato il 27 febbraio 2016.
  7. ^ a b Matteo Massacesi, Da Collemaggio all’Acquasanta, viaggio tra i campi dei rossoblù, in news-town.it, 5 settembre 2016. URL consultato il 5 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 13 settembre 2016).
  8. ^ a b c Enrico Nardecchia, Acquasanta, ecco lo stadio fantasma dell'Aquila calcio, in Il Centro, 19 giugno 2013. URL consultato il 2 agosto 2013.
  9. ^ Enrico Cavalli, Diario rossoblù-aquilano, L'Aquila, Biemme, 2015, p. 33.
  10. ^ Giampaolo Arduini: "Uno stadio da serie B", in Abruzzo24Ore.tv, 30 settembre 2010. URL consultato il 2 agosto 2013.
  11. ^ L'Aquila, stadio di Acquasanta. Domani alle 12 la consegna dei lavori, in Abruzzo24Ore.tv, 24 ottobre 2012. URL consultato il 2 agosto 2013.
  12. ^ Stefano Dascoli, Stadio di Acquasanta: ecco il rossoblù dei seggiolini, in Il Messaggero, 14 aprile 2016. URL consultato il 28 aprile 2016.
  13. ^ L'Aquila, le foto del Gran Sasso d'Italia. Prevendita oggi e domani, in atuttocalcio.tv, 2 settembre 2016. URL consultato il 2 settembre 2016.
  14. ^ L’Aquila Calcio: 1-1 per l’inizio al Gran Sasso d’Italia, in ilcapoluogo.com, 4 settembre 2016. URL consultato il 5 settembre 2016.
  15. ^ Jazz italiano per le terre del sisma, a L'Aquila partita del cuore con Raoul Bova e Paolo Fresu, in news-town.it, 31 agosto 2017. URL consultato il 4 settembre 2017.
  16. ^ TDR: Tutto pronto per il gran final, in Lega Nazionale Dilettanti, 29 marzo 2018. URL consultato il 31 marzo 2018.
  17. ^ L'AQUILA: STADIO GRAN SASSO POTRA' OSPITARE GRANDI EVENTI, OK AGIBILITA', su AbruzzoWeb. URL consultato il 4 aprile 2019.
  18. ^ Stadio senza barriere: il CONI dice sì per l'Acquasanta dell'Aquila, in AbruzzoWeb.it, 9 gennaio 2013. URL consultato il 28 settembre 2013.
  19. ^ Commissione Impianti Sportivi, Generalità e tendenze per gli stadi di Lega Pro (PDF), su calcioservizilegapro.it. URL consultato il 15 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2014).
  20. ^ Iniziata la posa del manto artificiale all'Acquasanta, in Il Centro, 7 luglio 2015, p. 18.
  21. ^ Statistiche 2016-2017, su transfermarkt.it. URL consultato il 10 maggio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]