Paolo Fresu (musicista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paolo Fresu
Paolo Fresu Ibk.JPG
Paolo Fresu al flicorno in un concerto
NazionalitàItalia Italia
GenereJazz
Periodo di attività musicale1982 – in attività
Strumentotromba, flicorno
EtichettaBlue Note Records, BMG, ECM, EMI, Naïve Records, Red Records, RCA, Sony Music, Splasc(H) Records, Tŭk Music
Sito ufficiale

Paolo Fresu (Berchidda, 10 febbraio 1961) è un trombettista e flicornista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Enzo Morandini e Paolo Fresu nel 1991
Paolo Fresu

Paolo Fresu intraprese lo studio musicale all'età di undici praticando la banda musicale "Bernardo De Muro" di Berchidda, laddove gli furono impartiti i primi concetti teorici e tecnici, propedeutici al conservatorio. Trasferitosi a Sassari, frequentò il conservatorio Luigi Canepa e scoprì quella che diverrà la sua principale passione: il jazz. Nel 1982, ebbe inizio la sua attività professionale registrando per la Rai sotto la guida di Bruno Tommaso e partecipando, nel frattempo, ai seminari di "Siena jazz". Successivamente ultimò gli studi presso il conservatorio "Giovanni da Palestrina" di Cagliari, diplomandosi in tromba nel 1984 con il maestro Enzo Morandini. Prosegue l'attività dedicandosi altresì a progetti misti di jazz-musica etnica, world music, musica contemporanea, musica leggera e musica antica; negli anni ebbe modo di collaborare, tra gli altri, con Alice, Farafina, Trilok Gurtu, Michael Nyman, Negramaro, Evan Parker, Gunther Schuller, Stadio e Ornella Vanoni[Ha senso e/o è rilevante questo elenco?]. Dal 1988, nel comune natale di Berchidda propose e presiede il Time in Jazz, un festival annuale di musica jazz che acquisì nel tempo una taratura internazionale.

Paolo Fresu fu direttore artistico dei seminari jazz di Nuoro dal 1989 al 2013[1] e del festival Bergamo jazz dal 2009 al 2011. Nel 2010 fondò l'etichetta discografica Tŭk Music.

È stato ospite di grandi organici quali la Grande orchestra italiana, l'orchestra nazionale di jazz francese (ONJ), l'orchestra della radio tedesca di Amburgo (NDR), l'Italian Instabile Orchestra, l'orchestra dell'Auditorium Parco della Musica (PJMO), l'orchestra sinfonica della Rai, l'orchestra dell'Arena di Verona e I Virtuosi Italiani.

Band e collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo Fresu Quintet
  • Paolo Fresu Sextet
  • Italian Trumpet Summit
  • Paolo Fresu – Furio Di Castri Duo
  • Paolo Fresu and Alborada Quartet
  • The Open Trio (con Furio Di Castri e James Taylor)
  • P.A.F. (con Furio Di Castri ed Antonello Salis)
  • Fresu-Di Castri-Balke-Favre
  • Paolo Fresu Euro4th
  • Paolo Fresu Angel Quartet (con Nguyên Lê, Furio Di Castri, Roberto Gatto ed Antonello Salis)
  • Paolo Fresu e Tino Tracanna
  • Paolo Fresu e Uri Caine
  • Paolo Fresu e Altera
  • Paolo Fresu e Iridescente Ensemble di Claudio Riggio

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

[2]

Paolo Fresu Quintet[modifica | modifica wikitesto]

  • 1985 – Ostinato, Splasc(H) Records
  • 1986 – Inner Voices, Splasc(H) Records
  • 1986 – Mämût, Splasc(H) Records
  • 1988 – IV Qvarto, Paolo Fresu & Quintet, Splasc(H) Records
  • 1990 – Live In Montpellier, Paolo Fresu & Quintet, Splasc(H) Records
  • 1991 – Ossi di Seppia, Paolo Fresu & Quintet, Splasc(H) Records
  • 1992 – Ballads, Paolo Fresu & Quintet, Splasc(H) Records
  • 1992 – Live in Lugano, Paolo Fresu & Quintet, Blue jazz
  • 1994 – Ensalada Mistica, Paolo Fresu & Quintet, Splasc(H) Records
  • 1995 – Night on the City, Paolo Fresu & Quintet, Owl-Emi
  • 1997 – Sei per Trenta (6 * 30), Paolo Fresu & Quintet, Onyx
  • 1997 – Wanderlust, Paolo Fresu & Quintet, RCA-Victor-BMG
  • 2000 – Mélos, Paolo Fresu & Quintet, RCA-Victor-BMG
  • 2004 – Live in Studio, Paolo Fresu & Quintet, JazzIt
  • 2004 – Ethno Grafie, Paolo Fresu & Quintet, Isre-Time in Jazz
  • 2005 – Kosmopolities, Paolo Fresu & Quintet, EMI
  • 2005 – P.A.R.T.E., Paolo Fresu Quintet, EMI-Blue Note
  • 2005 – All'incrocio dei venti, Paolo Fresu Quintet, ONYX
  • 2006 – Thinking, Paolo Fresu Quintet Plays Ettore Fioravanti, Emi-Blue Note
  • 2006 – Incantamento, Paolo Fresu Quintet, Emi-Blue Note
  • 2007 – Rosso, Verde, Giallo e Blu, Paolo Fresu Quintet, Emi-Blue Note
  • 2008 – Platinum Collection, Paolo Fresu Quintet/Alborada String, EMI-Blue Note
  • 2010 – Songlines/Night & Blue, Paolo Fresu Quintet, Tǔk Music
  • 2010 – 7/8, Paolo Fresu Quintet, Blue Note
  • 2014 – ¡30!, Paolo Fresu Quintet, Tǔk Music/Bonsai
  • 2014 – Jazzy Christmas, Paolo Fresu Quintet feat. Daniele Di Bonaventura, Tǔk Music

Paolo Fresu e l'Italian Trumpet Summit[modifica | modifica wikitesto]

  • 2002 – A Night In Berchidda, Italian Trumpet Summit, Time in Jazz

Paolo Fresu e collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo Fresu, Paolo Fresu si racconta, in Diego Raiteri (a cura di), I protagonisti del jazz italiano, Milano, Archivio di Nuova Scrittura, 1996.
  • Enzo Gravante e Paolo Fresu, Paolo Fresu. La Sardegna, il jazz, Cagliari, Condaghes Edizioni, 2004, ISBN 978-88-7356-059-3.
  • Paolo Fresu, Le 5 giornate del jazz. Paolo Fresu racconta il jazz attraverso la storia dei grandi trombettisti americani, Milano, Auditorium, 2007, ISBN 978-88-8678-439-9.
  • Paolo Fresu, Paolo Fresu racconta il jazz attraverso la storia dei grandi trombettisti americani, Milano, Auditorium, 2010, con DVD, ISBN 978-88-8678-460-3.
  • Paolo Fresu, Musica dentro, Milano, Feltrinelli, 2011, ISBN 978-88-0772-276-9.
  • Paolo Fresu, In Sardegna, un viaggio musicale, Milano, Feltrinelli, 2012, ISBN 978-88-4282-323-0.
  • Gianfranco Mura e Paolo Fresu, Cinquanta suonati!, Nuoro, Ilisso, 2012, con DVD, ISBN 978-88-6202-096-1.
  • (EN) Paolo Fresu e Luciano Viti, Chet & Miles, Consortium Book Sales & Dist, 2015, ISBN 978-88-8679-583-8.
  • Paolo Fresu, La musica siamo noi, Il Saggiatore, 2017, ISBN 978-88-4282-323-0.
  • Paolo Fresu, Time in jazz, Modena, Franco Cosimo Panini, 2017, ISBN 978-88-570-1334-3.
  • Paolo Fresu, Poesie jazz per cuori curiosi, Milano, Rizzoli, 2018, ISBN 978-88-171-0835-5.
  • Paolo Fresu, La storia del sogno del piccolo Paulu che ha cambiato il mondo con le note, illustrazioni di Agnieszka Zawisza, Trieste, Vita Activa, 2019, ISBN 978-88-99951-19-1.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 1984 Miglior nuovo talento del jazz italiano (Musica Jazz).
  • 1984 Premio RadioUno jazz (Rai).
  • 1985 Premio Radiocorriere TV.
  • 1985 Premio Città di Alassio.
  • 1990 Miglior musicista italiano, miglior gruppo (Paolo Fresu Quintet) e miglior disco Live in Montpellier (Musica Jazz).
  • 1991 Riconoscimento Presidente Giunta Regionale Sardegna per l'attività artistica svolta.
  • 1995 Premio Bobby Jaspar della Académie du jazz francese.
  • 1995 Premio Concorso Golfo degli Angeli/Lyons di Cagliari.
  • 1995 Premio Choc des choc di Jazzman per il Cd Night on the City (Francia).
  • 1996 Premio Django d'Or francese come miglior musicista di jazz.
  • 1996 Premio Città di Ozieri.
  • 1996 Premio Accademia Mozart di Taranto.
  • 2000 Premio Arrigo Polillo (Musica Jazz) come miglior disco italiano con Shades of Chet.
  • 2000 Nomination per il Django d'Or francese come miglior musicista internazionale insieme a Keith Jarrett e Charlie Haden.
  • 2000 Premio Choc des choc di Jazzman per il Cd Mélos (Francia).
  • 2000 Cittadinanza onoraria della Città di Nuoro.
  • 2001 Premio Django d'Or francese come miglior musicista internazionale per il Cd Mélos (Francia).
  • 2002 Premio Django d'Or italiano come miglior musicista.
  • 2002 Premio Roma c'è.
  • 2003 Premio Banari Arte.
  • 2003 Cittadinanza onoraria della Città di Junas (Francia).
  • 2003 Nomination per il Nastro d'argento per le musiche del film Il più crudele dei giorni di Ferdinando Vicentini Orgnani.
  • 2004 Premio Nastro d'argento per le musiche del film L'Isola di Costanza Quatriglio.
  • 2005 Premio Porto Rotondo alla carriera.
  • 2005 Nomination per il Latin Grammy Awards 2005, Santa Monica, California.
  • 2005 Premio Mamuthones ad Honorem della città di Mamoiada.
  • 2007 Premio Blue Note, Milano
  • 2007 Premio alla carriera artistica, Othaca
  • 2007 Premio Navicella d'argento, Castelsardo
  • 2007 Nomination per il David di Donatello per le musiche del film Centochiodi di Ermanno Olmi
  • 2007 Italian Jazz AwardsLuca Flores: Nomination come Best Jazz Act
  • 2008 Italian Jazz Awards – Luca Flores: Nomination come Best Jazz Album per "Stanley Music", con il suo Devil Quartet
  • 2010 Premio Maria Carta
  • 2011 Premio Arte e diritti umani di Amnesty International
  • 2013
Laurea magistrale honoris causa in psicologia dei processi sociali, decisionali e dei comportamenti economici - nastrino per uniforme ordinaria Laurea magistrale honoris causa in psicologia dei processi sociali, decisionali e dei comportamenti economici
«Il musicista jazz Paolo Fresu ha dedicato la sua arte alla promozione della cultura nelle comunità e nei gruppi della sua terra, attivando le relazioni sociali che si pongono a fondamento della convivenza; ha così favorito il benessere di tali collettività, benessere che dipende da fattori psicosociali e non solo da fattori economici. Fresu ha dimostrato così la potenza comunicativa della musica, in quanto forma simbolica, coniugando in un rapporto originale e fecondo il jazz e la cultura folklorica sarda»
— Università degli Studi di Milano-Bicocca, 27 marzo 2013[3]
  • 2015
Laurea honoris causa in musica - nastrino per uniforme ordinaria Laurea honoris causa in musica
— Berklee College of Music, Perugia, 9 luglio 2015[4][5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Maddalena Schito, Il nuovo Nuoro, in Il Giornale della Musica, 8 agosto 2013. URL consultato il 12 marzo 2020.
  2. ^ Discografia completa (PDF), su paolofresu.it.
  3. ^ Lauree honoris causa, su unimib.it. URL consultato il 2 aprile 2018.
  4. ^ (EN) Mike Keefe-Feldman, Berklee, Umbria Jazz Festival Celebrate 30-Year Partnership, su berklee.edu, 10 luglio 2015. URL consultato il 12 marzo 2020.
    «honorary doctor of music degrees to Paolo Fresu».
  5. ^ (EN) Honorary degree recipients, su berklee.edu. URL consultato il 12 marzo 2020.
  6. ^ Ciak d’oro 2015, i vincitori – Trionfa Il giovane favoloso di Martone: 5 premi tra cui miglior film, su ilfattoquotidiano.it. URL consultato il 03/06/15.
  7. ^ Nettuno d'Oro, il Sindaco ha conferito il premio a Paolo Fresu, su comune.bologna.it, 13 dicembre 2017. URL consultato il 12 marzo 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN85822359 · ISNI (EN0000 0000 7839 7926 · SBN IT\ICCU\LO1V\158237 · Europeana agent/base/60217 · LCCN (ENnr92006783 · GND (DE132166038 · BNF (FRcb13976345t (data) · WorldCat Identities (ENlccn-nr92006783