MAXXI L'Aquila

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
MAXXI L'Aquila
MAXXI L'Aquila - Ingresso.jpg
La facciata di Palazzo Ardinghelli con l'ingresso al museo.
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàL'Aquila
IndirizzoPiazza Santa Maria Paganica
Caratteristiche
TipoArte contemporanea
Periodo storico collezioniXXI secolo
Istituzione2017
FondatoriDario Franceschini
Apertura2020 (prevista)
ProprietàMinistero per i beni e le attività culturali e per il turismo
GestioneFondazione MAXXI
DirettoreGiovanna Melandri
Sito web

Coordinate: 42°21′10.6″N 13°23′59.1″E / 42.352944°N 13.39975°E42.352944; 13.39975

Il MAXXI L'Aquila è un museo d'arte contemporanea situato all'Aquila, a palazzo Ardinghelli, come sede distaccata del MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo di Roma. L'apertura al pubblico è prevista per il 2020.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'idea di istituire una sede decentrata del MAXXI in Abruzzo nacque in seguito ad una visita, nel 2014, dell'allora ministro Dario Franceschini a palazzo Ardinghelli, monumento nazionale danneggiato gravemente dal terremoto dell'Aquila del 2009 e in fase di restauro grazie anche ad un contributo economico del governo russo.[1] Il progetto fu confermato l'anno seguente e istituzionalizzato nel 2017.[2]

Dal 2017 al 2019, contemporaneamente alla terminazione degli interventi di consolidamento, il palazzo è stato quindi sottoposto a ulteriori lavori di adeguamento dell'edificio a sede espositiva e museale.[1]

La conclusione dei lavori di restauro del palazzo, inizialmente prevista per il 31 marzo 2020, è avvenuta con pochi mesi di ritardo a causa della pandemia di COVID-19 del 2019-2020,[3] mentre l'inaugurazione del museo e la conseguente apertura al pubblico, inizialmente fissate al 21 giugno,[4] poi al 20 ottobre[5] e infine al 6 novembre dello stesso anno,[6] sono state rimandate a causa dell'emergenza pandemica.[7]

Collezione[modifica | modifica wikitesto]

Il MAXXI L'Aquila disporrà di una collezione permanente, comprendente alcune opere commissionate appositamente per il museo; tra gli artisti incaricati vi sono Elisabetta Benassi, Daniela De Lorenzo, Alberto Garutti, Nunzio Di Stefano e Ettore Spalletti.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Barbara Bologna, Dentro Palazzo Ardinghelli pronto a riaprire, la nuova vita nel segno del MAXXI, in virtuquotidiane.it, 2 dicembre 2019.
  2. ^ Raniero Pizzi, Norme del doppio cratere e due milioni al Maxxi, in Il Centro, 2 dicembre 2017.
  3. ^ Maxxi, lavori sospesi a Palazzo Ardinghelli: in forse apertura, in ilcapoluogo.it, 6 maggio 2020.
  4. ^ Il MAXXI apre a Palazzo Ardinghelli: c’è la data ufficiale, in ilcapoluogo.it, 6 febbraio 2020.
  5. ^ L'Aquila, a ottobre l'inaugurazione del MAXXI a Palazzo Ardinghelli, in ilcapoluogo.it, 21 luglio 2020.
  6. ^ Maxxi L'Aquila: slitta l'apertura, in ilcapoluogo.it, 15 ottobre 2020. URL consultato il 15 ottobre 2020.
  7. ^ L'Aquila: rinviata a data da destinarsi l'apertura del MAXXI, in news-town.it, 4 novembre 2020.
  8. ^ Michela Corridore, Ecco chi esporrà nella nuova sede del Maxxi, in Il Centro, 29 gennaio 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Sito ufficiale, su maxxilaquila.art. URL consultato il 19 maggio 2020.