Funzione periodica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Esempio di una funzione periodica. Con P è indicato il periodo.

In matematica, a livello intuitivo, per funzione periodica si intende una funzione che assume valori che si ripetono esattamente a "intervalli" regolari.

Definizione[modifica | modifica wikitesto]

Una funzione f\colon A\to B definita su un gruppo abeliano A è periodica di periodo t, con t\in A, se f(a+t)=f(a) per ogni a\in A.

Funzioni di variabile reale[modifica | modifica wikitesto]

Le funzioni periodiche più note sono le funzioni reali di variabile reale. Formalmente, una funzione reale f\colon A \to B si dice periodica di periodo t se esiste un numero reale t \in \R tale che

  • il dominio A è invariante per traslazione di t, ovvero A+t=\{a+t\mid a\in A\}=A
  • la funzione f è invariante per traslazione di t, ovvero per ogni a\in A si ha f(a+t)=f(a).

Moduli[modifica | modifica wikitesto]

Se f è periodica di periodo t_1 ed è periodica di periodo t_2, allora è periodica di ogni periodo

t\in t_1\Z+t_2\Z=\{mt_1+nt_2\mid m,n\in\Z\}.

L'insieme \mathcal{T}_f dei periodi t di f è quindi uno \Z-modulo.

  • Se \mathcal{T}_f=\{0\}, ovvero se f ha il solo periodo 0, allora f è detta aperiodica.
  • Se \mathcal{T}_f è un modulo libero di dimensione 1, ovvero se \mathcal{T}_f=t\Z con t>0, ovvero se esiste un minimo tra i periodi t>0, allora f è detta periodica di periodo minimo t, o periodica di periodo t in senso stretto.
  • Il modulo \mathcal{T}_f non è necessariamente libero di dimensione 0 o 1, ovvero potrebbe non esistere un minimo periodo strettamente positivo; ad esempio, la funzione di Dirichlet ha \mathcal{T}_f=\Q e non è né aperiodica né periodica in senso stretto.

Proprietà[modifica | modifica wikitesto]

La somma e il prodotto di due funzioni periodiche di periodo t, aventi lo stesso dominio, sono funzioni periodiche di periodo t.

Domini limitati[modifica | modifica wikitesto]

Da ogni funzione a valori reali definita su un dominio limitato si può definire una funzione periodica, di periodo maggiore o uguale all'ampiezza del dominio. Ad esempio, la funzione identità ristretta all'intervallo [0,1),

f\colon\begin{array}[t]{ccc}[0,1[&\to&\mathbb{R}\\x&\mapsto&x\end{array}

definisce una funzione periodica di periodo 1 definita su tutti i reali: la parte frazionaria

\tilde{f}\colon\begin{array}[t]{ccc}\R&\to&\R\\x&\mapsto&x-[x]\end{array}

Esempi[modifica | modifica wikitesto]

  • Le funzioni trigonometriche seno e coseno sono periodiche di periodo minimo 2\pi.
  • Sono quindi automaticamente periodiche di periodo 2\pi le funzioni:
    • \tan(x)=\frac{\sin(x)}{\cos(x)} e \cot(x)=\frac{\cos(x)}{\sin(x)}, che hanno periodo minimo \pi;
    • \sec(x)=\frac{1}{\cos(x)} e \csc(x)=\frac{1}{\sin(x)}, che hanno periodo minimo 2\pi.

Funzioni doppiamente periodiche[modifica | modifica wikitesto]

Una funzione può ammettere due o più periodi non commensurabili (la definizione dipende dalle caratteristiche che si richiedono al dominio).

Ad esempio, una funzione ellittica è una funzione doppiamente periodica:

è definita dall'insieme dei numeri complessi in sé, f\colon\C\to\C
è periodica rispetto a due periodi, \omega_1,\omega_2\in\C^\ast\ \forall z\in\C\ f(z+\omega_1)=f(z+\omega_2)=f(z)
questi due periodi sono "incommensurabili", \omega_1/\omega_2\not\in\R

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica