Integrale improprio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In analisi matematica, l'integrale improprio o generalizzato è il limite di un integrale definito al tendere di un estremo di integrazione (o entrambi) ad un numero reale oppure all'infinito.

Gli integrali impropri si utilizzano per rendere calcolabili integrali riguardanti intervalli illimitati e/o funzioni non limitate, che non sono trattabili con l'integrale di Riemann. Esso richiede infatti la limitatezza sia per l'intervallo di integrazione, sia per la funzione integranda.

Definizione[modifica | modifica wikitesto]

Un integrale improprio è un limite della forma:

oppure:

Un integrale è improprio anche nel caso in cui la funzione integranda non è definita in uno o più punti interni del dominio di integrazione.

Integrazione su intervalli illimitati[modifica | modifica wikitesto]

Un esempio

Si possono presentare tre casi:

  • Sia continua. Allora si pone:
Ad esempio:
se
  • Sia continua. Allora si pone:
Ad esempio:
per intero non negativo.
  • Sia continua. Allora si pone, sfruttando la proprietà dell'additività:
dove è un punto qualunque. Ad esempio:

Se il limite da calcolare esiste finito si dice che la funzione f è integrabile nel rispettivo intervallo di integrazione e che l'integrale è convergente. Se invece il limite vale o si dice che l'integrale è divergente. Altrimenti si dice che l'integrale non esiste.

Integrazione con integranda illimitata[modifica | modifica wikitesto]

Un esempio

Si possono presentare tre casi:

  • Sia continua divergente in . Allora si pone:
Ad esempio:
  • Sia continua divergente in . Allora si pone:
Ad esempio:
  • Sia continua divergente in e in . Allora si pone:

Se in uno di questi casi il limite esiste finito si dice che la funzione è integrabile nel rispettivo intervallo di integrazione e che l'integrale è convergente, mentre se il limite vale o si dice che l'integrale è divergente. Altrimenti si dice che l'integrale non esiste.

Condizioni di integrabilità all'infinito[modifica | modifica wikitesto]

Se esiste il limite di per che tende a , allora condizione necessaria affinché un integrale sia convergente è che la funzione si annulli al divergere dell'argomento. Infatti, se ciò non accadesse sarebbe possibile individuare una costante tale che sia per , e per la monotonia e l'additività dell'integrale si avrebbe:

in quanto il secondo addendo è uguale al prodotto tra una costante non nulla e la misura dell'intervallo , che è infinita. Si possono avere anche dei casi in cui l'integrale sia convergente, ma il limite della funzione non esista. Ad esempio, data una funzione che vale se è intero e in ogni altro punto, si ha che tale funzione non converge a (è possibile trovare una successione di valori della funzione che è costantemente 1) ma ha integrale , perché l'area sotto la funzione in ogni intervallo finito è .

Una condizione necessaria e sufficiente affinché esista finito è che per ogni esiste tale che per ogni si abbia:

Considerato un valore piccolo a piacere esiste quindi un valore sufficientemente piccolo tale che, per ogni coppia di punti in distanti non più di , l'integrale definito della funzione tra essi è minore di in valore assoluto.

Criteri di integrabilità all'infinito[modifica | modifica wikitesto]

Siano e due funzioni definite nell'intervallo . Riprendendo la teoria dei limiti si possono definire due criteri di integrabilità.

Criterio del confronto[modifica | modifica wikitesto]

Se si verifica che:

per una certa costante , allora si ha che:

  • se è integrabile in allora anche è integrabile in
  • se è divergente in allora anche è divergente in

Criterio del confronto asintotico[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Stima asintotica § Successioni asintotiche.

Se , e per tendente ad infinito (quando cioè il limite del rapporto tra le funzioni è un numero finito diverso da zero), allora è integrabile se e solo se è integrabile. Inoltre, se allora è integrabile se è integrabile.

Criterio della convergenza assoluta[modifica | modifica wikitesto]

Data una funzione , l'integrale improprio di tra due estremi si dice assolutamente convergente se converge l'integrale di tra e .

Se un integrale improprio è assolutamente convergente allora è convergente, mentre non vale l'implicazione inversa. Il criterio della convergenza assoluta si usa quando non presenta segno costante in un intorno dell'estremo in cui l'integrale è improprio, ed è quindi impossibile usare gli altri criteri.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica