Cuspide (matematica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Esempio di cuspide

In analisi matematica, si dice che in un punto del dominio di una funzione di variabile reale ha una cuspide se si verifica la seguente condizione

ovvero i limiti destro e sinistro del rapporto incrementale in sono divergenti (tendenti a ±∞) con segno opposto. Geometricamente, si può osservare come le semitangenti destra e sinistra siano verticali e formino un angolo nullo.

In geometria esistono tre specie di cuspidi, a seconda della molteplicità d'intersezione tra l'unica retta tangente e la curva nel punto, che può essere uguale a 3, 5 o 7.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica