Ezio Capuano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ezio Capuano
Nazionalità Italia Italia
Altezza 165 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore
Squadra Sambenedettese
Carriera
Carriera da allenatore
1985-1987Herayon
1988-1989Ebolitana
1992-1993Poseidon
1993-1995Pro Salerno
1995-1996Altamura
1996-1999Cavese
1999-2000Trapani
2000-2001Puteolana
2001-2002Taranto
2002-2003Nocerina
2003-2005Sora
2005-2006Leonessa Altamura[1][2]
2006-2008Juve Stabia
2008-2009Paganese
2009-2010Potenza
2010Messina
2010Eupen
2010-2011Paganese
2012Fondi
2013Casertana
2014-2016Arezzo
2016-2017Modena
2017-Sambenedettese
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 10 novembre 2017

Ezio Capuano detto Eziolino[3][4] (Salerno, 19 gennaio 1965) è un allenatore di calcio italiano, tecnico della Sambenedettese.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Adotta generalmente moduli e schemi tattici finalizzati a conferire alle sue squadre grande attenzione alla fase difensiva[4], reattività nelle ripartenze in contropiede e abilità nello sfruttare le azioni da calcio piazzato (punizioni e angoli.)[5]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nativo di Salerno, ma originario di Pescopagano (PZ)[6], Capuano è costretto ad abbandonare il calcio giocato a soli 17 anni per i postumi di un grave infortunio[7]. A seguito di tale repentino ritiro, intraprende precocemente la carriera di allenatore: esordisce in panchina a 23 anni con l'Ebolitana, nella stagione 1988-89 dell'Interregionale.

In seguito trascorre alcune stagioni alla guida di varie squadre delle serie dilettantistiche regionali campane. Tra i suoi primi successi si annovera la promozione dalla Serie D alla Serie C2 con l'Altamura nel 1996[8], performance ripetuta nel 1997 con la Cavese, ove resta fino al 1999.

Nel 2006 viene chiamato alla guida della Juve Stabia, che conduce all'8º posto nel girone B di Serie C1 2006-2007; non riconfermato per l'anno successivo, viene tuttavia richiamato alla 15ª giornata in sostituzione di Pino Rigoli, salvo poi essere esonerato definitivamente alla 32ª giornata e sostituito da Maurizio Costantini.

Rimane in terza serie (ridenominata Lega Pro Prima Divisione) anche per la stagione 2008-2009, ove conduce la Paganese alla salvezza diretta nel girone B.

Nella stagione 2009-2010 passa alla guida del Potenza, sempre in terza serie: il dissesto della società rende però tale esperienza travagliata e conclusa dalla retrocessione d'ufficio della squadra (che pure nelle ultimissime giornate aveva ottenere un numero di risultati utili sufficienti a garantirsi la salvezza sul campo).

Nell'agosto 2010 viene ingaggiato dal Messina, salvo poi dimettersi dopo una settimana in disaccordo con il rifiuto del club siciliano di richiedere il ripescaggio in Lega Pro Seconda Divisione 2010-2011. A stretto giro si trasferisce nella massima serie belga per allenare l'Eupen, da cui tuttavia si dimette dopo sole quattro gare per screzi con la dirigenza[9]. Il 1º novembre dello stesso anno ritorna sulla panchina della Paganese[10] al posto dell'esonerato Pino Palumbo; non riesce tuttavia ad evitarne la retrocessione in Lega Pro Seconda Divisione. A fine stagione lascia anche questo incarico

Nel gennaio 2012 viene nominato allenatore del Fondi al posto dell'esonerato Alessandro Parisella, per poi essere a sua volta sollevato dall'incarico nel mese di ottobre a causa di una serie di risultati negativi.

Il 18 luglio 2013 si insedia sulla panchina della Casertana[11], che tuttavia lo esonera dopo appena tre giornate di campionato (risoltesi in un pareggio e due sconfitte).

Il 10 giugno 2014 assume la guida tecnica dell'Arezzo[12], appena ripescato in Lega Pro dalla Serie D[13], conducendolo a una tranquilla salvezza. Il 7 aprile 2015 firma il rinnovo biennale con la società toscana[14][15][16].

Rimane alla guida dell'Arezzo fino al 17 aprile 2016, quando dopo un periodo di sette partite senza vittorie (di cui quattro perse consecutivamente) viene esonerato insieme al suo staff.[17] Il 28 novembre 2016 risolve il proprio contratto ancora in essere con il club toscano e viene nominato allenatore del Modena al posto dell'esonerato Simone Pavan, sempre in Lega Pro[18]. La sua nomina riesce a rivitalizzare la squadra emiliana e a garantirle la salvezza con un turno d'anticipo sulla fine della stagione regolare.[19]

Nella stagione successiva, i pesanti debiti che i canarini si portavano dietro da parecchi tempo diventarono sempre più incessanti tanto che i gialloblù non riuscirono neppure a disputare neanche una gara in casa all'Alberto Braglia per via del mancato pagamento dell'affitto da parte di Antonio Caliendo al comune di Modena, pertanto alcune gare 'casalinghe' si giocarono allo Stadio Tullo Morgagni di Forlì. Nonostante ciò i giocatori gialloblù lamentarono anche la mancata retribuzione dei mesi di luglio e agosto da parte della società che portarono prima alla cessione delle quote di Caliendo all'imprenditore varesino Aldo Taddeo che inutilmente tentò di salvare i canarini dall'esclusione del campionato di Serie C, che arrivò puntale il 6 novembre 2017 dopo che la società si rifiutò di far giocare la Berretti contro il Santarcangelo e dopo ben quattro sconfitte subite a tavolino, di conseguenza tutti i giocatori e compreso Capuano si svincolarono dai rispettivi contratti, rimanendo liberi.

Il 10 novembre 2017 viene annunciato come nuovo tecnico dalla Sambenedettese.[20]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre 2014, al termine di una gara persa dal suo Arezzo contro l'Alessandria, una dichiarazione rilasciata in conferenza stampa venne da più parti tacciata di omofobia e comportò sanzioni per lui (5.000 euro) e per la società toscana (10.000 euro)[21].

Maggior risonanza ebbe, l'8 ottobre 2015, un suo sfogo a seguito di una sconfitta in amichevole dell'Arezzo contro il Lucignano (squadra del campionato di Promozione Toscana): negli spogliatoi Capuano attaccò e minacciò i propri giocatori (accusati di scarso impegno). Lo sfogo venne registrato segretamente e poi diffuso via Internet dal giocatore Nicolò Sperotto, diventando ben presto virale. Capuano derubricò tale episodio a normali dinamiche tra allenatore e squadra, ma pretese l'allontanamento di Sperotto, che venne dapprima messo fuori rosa e poi licenziato dall'Arezzo.[22][23][24]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate all'8 dicembre 2017

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale Vittorie %
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
1988-1989 Ebolitana Prom. 34 9 14 11 CIP 6 5 0 1 40 14 14 12 35,00
1992-1993 Poseidon Ecc. 30 17 6 7 CIE 8 7 0 1 38 24 6 8 63,15
1993-1994 Pro Salerno Ecc. 30 16 13 1 CIE 8 6 2 0 38 22 15 1 57,89
1994-1995 D 34 6 15 13 CID 6 4 2 0 40 10 17 13 25,00
1995-1996 Altamura D 34 19 12 3 CID 8 6 2 0 PS 3 1 0 2 45 26 14 5 57,77
1996-1997 Cavese D 34 20 9 5 CID 8 6 2 0 PS 4 2 1 1 46 28 12 6 60,86
1997-1998 C2 34 8 17 9 CIC 6 2 4 0 40 10 21 9 25,00
1998-1999 C2 34 10 16 8 CIC 8 3 5 0 42 13 21 8 30,95
1999-2000 Trapani C2 34 6 12 16 CIC 6 4 0 2 40 10 12 18 25,00
2000-2001 Puteolana C2 34+2 15 9+2 10 CIC 8 6 0 2 44 21 11 12 47,72
2001-2002 Taranto C1 34+4 17+1 11+2 6+1 CIC 6 4 1 1 44 22 14 8 50,00
2002-2003 Nocerina C2 34+2 15 12+1 7+1 CIC 4 2 1 1 40 17 14 9 42,50
2003-2004 Sora C1 34 10 11 13 CIC 5 3 1 1 39 13 11 14 33,33
2004-2005 C1 34+2 8 12 14+2 CIC 6 4 0 2 42 12 12 18 28,57
2005-2006 Leonessa A. 1Cat 34 8 10 16 CICAT 10 9 0 1 44 17 10 17 38,63
2006-2007 Juve Stabia C1 34 13 14 7 CIC 2 0 2 0 36 13 16 7 36,11
2007-2008 C1 34 7 12 15 CIC 4 3 0 1 38 10 12 15 26,31
2008-2009 Paganese LP1D 34 9 14 11 CILP 5 4 0 1 39 13 14 12 33,33
2009-2010 Potenza LP1D 34 7 10 17 CILP 4 2 1 1 38 9 11 18 23,68
2009-2010 Messina D 28 10 11 7 CID 4 2 2 0 32 12 13 7 37,50
2010-2011 Belgio Eupen PL 8 4 4 0 CB 4 3 0 1 12 7 3 1 58,83
2010-2011 Paganese LP1D 23 8 8 7 CILP 0 0 0 0 23 8 8 7 34,78
2012-2013 Fondi LP2D 12 3 2 7 CILP 2 2 0 0 14 5 2 7 35,71
2013-2014 Casertana LP2D 3 0 1 2 CILP 2 0 2 0 5 0 3 2 0,00
2014-2015 Arezzo LP 38 12 13 13 CID 1 0 0 1 39 12 13 14 30,76
2015-2016 LP 31 7 16 8 CILP 1 0 0 1 32 7 16 9 21,87
2016-2017 Modena LP 23 9 6 8 CI+CILP 0 0 0 0 23 9 6 8 39,13
ago-nov.2017 C 6 0 0 6 CIC 2 0 1 1 2 0 1 1 0,00
nov.2017-2018 Sambenedettese 5 3 2 0 CIC - - - - 5 3 2 0 66,67
Totale carriera 801 277 297 227 134 87 28 19 7 3 1 2 942 367 327 248 38,96

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Altamura: 1995-1996
Cavese: 1996-1997

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ DISCIPLINARE - FERMATO PER 6 MESI IL TECNICO EZIOLINO CAPUANO, soccerpuglia.it, 16 giugno 2007.
  2. ^ società registrata agli atti FIGC, ancora come "San Paolo Bari".
  3. ^ http://www.gazzetta.it/Calcio/10-10-2015/eziolino-capuano-re-sfuriate-maiali-ignoranti-multe-arezzo-lega-pro-130447071248.shtml
  4. ^ a b http://it.eurosport.com/calcio/lega-pro/2013-2014/perche-eziolino-capuano-non-e-un-fenomeno-da-baraccone-ad-arezzo-ha-riacceso-l-entusiasmo-nel-club_sto4959110/story.shtml
  5. ^ Fenomenologia di Capuano: allena, gestisce, detta la linea. Il pilastro dell'Arezzo è lui amarantomagazine.it
  6. ^ “Quelli che il Calcio” sbarca in Basilicata: domenica in diretta da Pescopagano con Eziolino Capuano melandronews.it
  7. ^ Vieni avanti, Eziolino! dagospia.com
  8. ^ Calcio Altamurano, altamuracalcio.it, 21 settembre 2009.
  9. ^ UFFICIALE: Eupen, Capuano si dimette, tuttomercatoweb.com, 24 settembre 2010.
  10. ^ UFFICIALE: È CAPUANO IL NUOVO ALLENATORE, paganesecalcio.com, 1º novembre 2010. (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2011).
  11. ^ Eziolino Capuano è il nuovo allenatore della Casertana, casertanafc.it, 18 luglio 2013.
  12. ^ UFFICIALE: Arezzo, Capuano nuovo allenatore amaranto Tuttomercatoweb.com
  13. ^ Comunicato ufficiale FIGC (PDF), su figc.it.
  14. ^ http://arezzocalcio.com/it/news/news-squadra/ufficiale-rinnovo-del-contratto-per-mister-capuano_1684.html
  15. ^ Arezzo, Capuano ne prende 4 in casa dopo la sfuriata: "Infami, li caccio tutti", su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 13 ottobre 2015.
  16. ^ Arezzo, Capuano sbrocca "Io vi scanno, siete delle m...!", su Video Gazzetta. URL consultato il 13 ottobre 2015.
  17. ^ Comunicato ufficiale Archiviato il 27 aprile 2016 in Internet Archive. usarezzo.it
  18. ^ EZIO CAPUANO È IL NUOVO ALLENATORE DEL MODENA F.C. modenafc.net
  19. ^ Lega Pro: Ancona in D, Lumezzane e Fano ai play out, Modena salvo, Mantova quasi Rtv San Marino
  20. ^ Presentazione Mister Capuano sambenedettesecalcio.it
  21. ^ L'allenatore amaranto Capuano multato di 5mila euro e la società di 10mila, lanazione.it, 183/11/2014.
  22. ^ corriere.it, http://www.corriere.it/sport/15_ottobre_14/ezio-capuano-vita-allenatore-pallone-siete-indegni-io-vi-squarto-600f0d74-7238-11e5-b015-f1d3b8f071aa.shtml?refresh_ce-cp.
  23. ^ lanazione.it, http://www.lanazione.it/arezzo/l-arezzo-in-amichevole-cade-a-lucignano-e-capuano-si-infuria-squadra-in-campo-alle-7-30-sabato-c-%C3%A8-la-carrarese-1.1375335.
  24. ^ tuttosport.com, http://www.tuttosport.com/news/calcio/lega-pro-serie-d/2015/11/20-6044157/arezzo_ha_vinto_capuano_rescisso_il_contratto_con_sperotto/.