Risoluzione del contratto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La risoluzione del contratto è un istituto giuridico dell'ordinamento civile italiano che scioglie il vincolo contrattuale. Esso non colpisce il negozio, ma il rapporto, si può far valere solo prima che il contratto sia compiutamente eseguito.[1]

Tipo di risoluzione[modifica | modifica wikitesto]

La risoluzione può avvenire per:

Volontaria[modifica | modifica wikitesto]

Avviene quando le parti, con un nuovo consenso, pongono fine alle conseguenze del rapporto obbligatorio esistente tra di loro. Talora è lo stesso contratto che stabilisce il diritto di recesso a favore di una o di ognuna delle parti. Nell'ipotesi il contratto si risolve in seguito alla manifestazione unilaterale di volontà che trae riconoscimento dall'anteriore accordo. Altre volte è la legge che concede il diritto di recesso unilaterale come ad es. nel contratto di mandato. Nei contratti di durata indeterminata è ammessa l'estinzione del rapporto per disdetta unilaterale.

Legale[modifica | modifica wikitesto]

È prevista per i soli contratti a prestazioni corrispettive. La causa di risoluzione si manifesta durante la vita del rapporto obbligatorio nei tre casi previsti dal Codice civile ossia nell'inadempimento della controparte, nell'impossibilità sopravvenuta di una prestazione e nell'eccessiva onerosità.

Azione di risoluzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel caso di risoluzione legale, si dovrà adire un giudice al fine di accertare il verificarsi dei presupposti per ottenere la risoluzione. Il giudice dovrà verificare, inoltre, che l'inadempimento non sia irrilevante.[3] L'eventuale sentenza di accoglimento sarà di tipo costitutivo e gli effetti della medesima saranno retroattivi[4]

La risoluzione di diritto[modifica | modifica wikitesto]

La risoluzione del contratto può avvenire, oltre che per l'intervento di un giudice (ope iudicis), anche di diritto (ipso iure). I casi in cui può avvenire tale risoluzione sono espressamente previsti dal codice e sono:

Riferimenti normativi[modifica | modifica wikitesto]

Codice Civile

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Per approfondire si veda Andrea Torrente e Piero Schlesinger, Manuale di diritto privato, Milano, Giuffrè editore, 1995. pag. 491 e seg.
  2. ^ http://www.e-glossa.it/wiki/possibilit%C3%A0_dell'oggetto.aspx
  3. ^ Art. 1455 c.c.
  4. ^ Art. 1458 c.c.
  5. ^ Art. 1456 c.c.
  6. ^ Art. 1454 c.c.
  7. ^ Art. 1457 c.c.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Andrea Torrente e Piero Schlesinger, Manuale di diritto privato, Milano, Giuffrè editore, 1995. ISBN 8814044880.
  • Diritto, Volume 2 di Mario A. Catarozzo, Fabio Cesare, 2000
  • elementi strutturali di diritto civile], di Daniele Minussi e Mario Molinari, 2003
  • Trattato della responsabilità contrattuale, vol. 1: Inadempimento e rimedi], di Giovanna Visintini 2009
  • La disciplina dei contratti pubblici Di Matteo Baldi, Roberto Tomei, 2007
  • La condizione nel contratto: tra atto e attività di Francesco Alcaro 2008
  • Compendio di diritto civile di Anna Costagliola, Lucia Nacciarone, 2009
  • Sentenze scelte in materia civile e penale. Aggiornamento 2008 di Pasquale Gianniti, Francesco Bonamassa, Gabriele Grande
Diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto