Banca Carige

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Carige" rimanda qui. Se stai cercando la frazione di Capalbio (GR), vedi Borgo Carige.
Banca Carige
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Borse valoriBorsa Italiana: CRG
Borsa Italiana: CRGR
ISINIT0003211601 e IT0005108771
Fondazione1483 a Genova
Fondata dafra' Angelo da Chivasso
Sede principaleGenova
GruppoGruppo Carige
Persone chiave
SettoreBanca
Prodottiservizi finanziari
Fatturato715 Mln di € (2015)
Utile netto-543,6 mln di € (2015)
Dipendenti5.295 (2014)
Sito web

Banca Carige (acronimo di Cassa di Risparmio di Genova e Imperia) è una banca italiana con quartier generale a Genova.

Banca Carige è la capogruppo del Gruppo Banca Carige, può contare su oltre 500 sportelli bancari diffusi su gran parte del territorio nazionale e oltre 1 milione di clienti. Fanno parte del gruppo anche Banca del Monte di Lucca e Banca Cesare Ponti (private banking).

La banca è quotata nell'indice FTSE Italia Small Cap della Borsa di Milano dove è presente dal 17 gennaio 1995.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1483 su iniziativa di fra' Angelo da Chivasso venne istituito il Monte di Pietà di Genova: queste origini medievali fanno di Carige una tra le banche più antiche al mondo[1].

Nel 1846 con decreto di Carlo Alberto fu fondata la Cassa di risparmio di Genova, che assorbì il monte di pietà[1].

L'espansione delle attività nel Ponente Ligure portò nel 1967 alla modifica della ragione sociale in Cassa di risparmio di Genova e Imperia[1].

Nel 1991, per effetto della legge Amato, l'attività senza fine di lucro venne separata da quella bancaria, dando origine rispettivamente alla Fondazione Carige, con sede in Palazzo Doria Carcassi in Via David Chiossone, e Banca Carige s.p.a.[1].

Lo scontro dell'estate 2018[modifica | modifica wikitesto]

Estate 2018 di tensione in banca. In giugno si dimettono uno dopo l'altro il presidente Giuseppe Tesauro e il consigliere Stefano Lunardi, entrambi in opposizione al Ceo Paolo Fiorentino il quale vola a Francoforte per fare il punto della situazione con la Bce.[2] Nelle lettere di dimissioni Lunardi contesta il metodo di risanamento troppo spinto sulla vendita degli asset, Tesauro critica invece le spese sulle consulenze. Fiorentino è tornato a Genova con l'invito della Bce a proseguire nel risanamento e ha anche l'appoggio del governatore della Regione Liguria, Toti.[2] Vittorio Malacalza, il singolo maggiore azionista con la società Malacalza Investimenti (ha il 20,7% con l'autorizzazione della Bce a salire sino al 28%) che in passato ha espresso molte perplessità sulla guida Fiorentino, è nominato presidente ad interim. In passato il terzo azionista della banca, Raffaele Mincione (una new entry con poco più del 5% mentre il secondo azionista rimane il finanziere Gabriele Volpi col 9% che punta ad arrivare al 19%), ha chiesto di essere rappresentato nel cda ricevendo un secco rifiuto. In luglio altro addio: si dimette anche Francesca Balzani[3] contestando in particolare la cessione della partecipazione Carige in Autofiori. A metà luglio ufficializza le sue dimissioni anche Malacalza (negli anni ha investito nella banca 376,5 milioni e si ritrova con una minusvalenza di quasi 290) con una lettera velenosa nei confronti di Fiorentino.[4] Dal 2013 la banca ha chiesto ai soci 2,2 miliardi ma ora vale 422 milioni.

Il gruppo[modifica | modifica wikitesto]

La banca genovese è presente con 511 punti vendita in tutta Italia, soprattutto in Liguria (dove la presenza è stata rafforzata attraverso la fusione per incorporazione della Cassa di Risparmio di Savona), in Piemonte, Lombardia, Veneto, Toscana, Lazio, Sardegna e Sicilia.

Bilancio[modifica | modifica wikitesto]

QUANTITÀ TIPOLOGIA DATI AL FONTE
1 società di credito al consumo 31/12/16 Bilancio annuale
7 società finanziarie 31/12/16 Bilancio annuale
ca. 1.000.000 clienti 31/12/16 Bilancio annuale
ca. 55.000 azionisti 31/12/16 Libro soci
4.873 dipendenti 31/12/16 Bilancio annuale

RISULTATI: principali voci di bilancio del Gruppo Carige

QUANTITÀ (euro x 000.000) TIPOLOGIA DATI AL FONTE
19.613 Raccolta diretta 31/12/16 Bilancio annuale
21.488 Raccolta indiretta 31/12/16 Bilancio annuale
41.101 Totale AFI 31/12/16 Bilancio annuale
21.713 Crediti verso clientela 31/12/16 Bilancio annuale

Le controllate[modifica | modifica wikitesto]

Compone il gruppo, oltre alla capogruppo Banca Carige anche Banca del Monte di Lucca e Banca Cesare Ponti - Private Banking.

Nei mesi di novembre e dicembre 2015 le due controllate Cassa di Risparmio di Savona e Cassa di Risparmio di Carrara sono state fuse nella capogruppo per incorporazione[5][6].

A dicembre 2017 l'80,1% di Creditis Servizi Finanziari (società specializzata nel credito al consumo), è stata ceduta a Chenavari Investment Managers per 80,1 milioni di euro.

Capitale sociale[modifica | modifica wikitesto]

Dal 22 dicembre 2017 il nuovo capitale sociale della banca, al termine dell'aumento, è pari a 2.845.857.461,21 di euro, suddiviso in 55.265.855.473 azioni ordinarie e 25.242 azioni di risparmio.

Azionariato[modifica | modifica wikitesto]

Al 20 marzo 2018, l'azionariato comunicato alla Consob è il seguente.[7]:

Consiglio di amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Dati al 22 dicembre 2017

Filiali[modifica | modifica wikitesto]

Filiali in Italia[modifica | modifica wikitesto]

Filiali del Gruppo Banca Carige per regione

:Liguria Liguria: Filiali Banca Carige 217
:Emilia-Romagna Emilia-Romagna: Filiali Banca Carige 21
:Lazio Lazio: Filiali Banca Carige 35
:Lombardia Lombardia: Filiali Banca Carige 56
:Marche Marche: Filiali Banca Carige 5
:Piemonte Piemonte: Filiali Banca Carige 44
:Puglia Puglia: Filiali Banca Carige 11
:Sardegna Sardegna: Filiali Banca Carige 9
:Sicilia Sicilia: Filiali Banca Carige 55
:Toscana Toscana: Filiali Banca Carige 60
Filiali Banca del Monte di Lucca 22
:Umbria Umbria: Filiali Banca Carige 2
:Valle d'Aosta Valle d'Aosta: Filiali Banca Carige 1
:Veneto Veneto: Filiali Banca Carige 41

Filiali all'estero[modifica | modifica wikitesto]

Francia Francia: 1

La filiale di Nizza è stata chiusa nell'aprile 2018

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro ai benemeriti della cultura e dell'arte - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro ai benemeriti della cultura e dell'arte
«Per attività di mecenatismo culturale.»
— Roma, 28 novembre 1988.[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d [1]
  2. ^ a b Carige, l'estate calda della banca genovese tra restyling e conti, su lettera43.it, 28 giugno 2018. URL consultato il 30 giugno 2018.
  3. ^ Carige, Francesca Balzani si dimette, su ilsecoloxix.it, 6 luglio 2018. URL consultato l'8 luglio 2018.
  4. ^ Carige, Vittorio Malacalza fa scattare le dimissioni, su repubblica.it, 16 luglio 2018. URL consultato il 17 luglio 2018.
  5. ^ Savona sarà il nuovo polo direzionale di Banca Carige per la Liguria di Ponente (PDF), (comunicato stampa), Gruppo Banca Carige, 29 ottobre 2015.
  6. ^ Carrara sarà il nuovo polo direzionale di Banca Carige per il Levante (PDF), (comunicato stampa), Gruppo Banca Carige, 30 novembre 2015.
  7. ^ Le percentuali di azionariato derivano da quanto comunicato dagli azionisti, secondo quanto previsto dall'articolo 120 del TUF. Parti minori dell'azionariato possono essere indicate direttamente dalla società attraverso altre fonti.
  8. ^ Secondo l'azionariato indicato sul sito ufficiale del gruppo.
  9. ^ Medaglia d'oro ai benemeriti della cultura e dell'arte CASSA DI RISPARMIO DI GENOVA

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0001 2289 9975