Banco Azzoaglio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Banco di Credito P. Azzoaglio S.p.A.
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariasocietà per azioni
Fondazione1879 a Ceva
Fondata daPaolo Azzoaglio
Sede principaleCeva, via Andrea Doria 17
Filiali19
Persone chiave
  • Francesco Azzoaglio - presidente
  • Simone Azzoaglio, Erica Azzoaglio, Mauro Catani, Gian Paolo Garello - comitato esecutivob
Settorebancario
Utile netto1 361 000 euro (2017)
Dipendenti136 (2017)
Slogan«Moderni per tradizione»
Note[1]
Sito web

Il Banco di Credito P. Azzoaglio S.p.A. (operante sotto la denominazione abbreviata Banco Azzoaglio) è un istituto bancario italiano a carattere privato.

Ha sede nel comune di Ceva, in provincia di Cuneo (ove è stato fondato nel 1879), e conta 19 filiali sparse tra Piemonte e Liguria.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondazione e consolidamento[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1879 Paolo Azzoaglio, commerciante, proprietario terriero e operatore immobiliare, aprì a Ceva una ditta individuale per il credito. Essa crebbe rapidamente, anche grazie alla robusta emigrazione di abitanti del comune basso-piemontese alla volta degli Stati Uniti d'America, che fece affluire nelle casse sociali sostanziose rimesse internazionali[2].

Al fondatore subentrò il figlio Vincenzo, che resse la banca nel periodo delle guerre mondiali, superando con successo le frequenti crisi economiche mondiali[2].

Trasformazioni societarie[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1959, in pieno miracolo economico, il Banco cambiò forma amministrativa, passando da ditta individuale a società in nome collettivo: quattro anni dopo, nel 1963, venne aperta la prima filiale al di fuori del comune di fondazione, a Garessio. Nel 1977 il Banco divenne una società per azioni[2].

Dal XX secolo al Terzo millennio[modifica | modifica wikitesto]

Col passaggio alla terza e quarta generazione della famiglia Azzoaglio (a Vincenzo subentrano i figli Paolo e Francesco e, in un secondo momento, i nipoti Erica e Simone) il Banco si espande ulteriormente aprendo nuove filiali tra Piemonte e Liguria[2].

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Il Banco Azzoaglio si connota quale realtà a conduzione familiare, essendo sempre rimasto sotto il controllo dei discendenti del fondatore[2]. Al 31 dicembre 2017 presenta una raccolta pari a 1 591 000 000 , impieghi per 516 000 000 e una ricchezza finanziaria totale di 2 107 000 000 [3]. Alla medesima data i dipendenti sono 136 e le filiali 19, delle quali 18 dislocate tra basso Piemonte e Liguria (nelle provincie di Cuneo, Savona e Imperia) e una a Torino[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (PDF) Semestrale 2017 - azzoaglio.it
  2. ^ a b c d e La banca - azzoaglio.it
  3. ^ I numeri di una Banca fondata nel 1879 - bancoazzoaglio.it, 24 apr 2018
  4. ^ Filiali - bancoazzoaglio.it

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Michele Calcaterra, Paolo Aicardi. Gli ultimi banchieri, Milano, Publigrafica, 1993

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]