Cassa di Risparmio di Savona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cassa di Risparmio di Savona
StatoItalia Italia
Fondazione1479 a Savona
Fondata daMonte di Pietà
Chiusura23 novembre 2015
GruppoGruppo Carige
SettoreBancario
Sito webwww.gruppocarige.it/ws/carisa/jsp/index.jsp

La Cassa di Risparmio di Savona, chiamata anche Carisa, nacque nel 1479 dal Monte di Pietà ed è stata la più antica cassa di risparmio della Liguria. Dal 23 novembre 2015 è un marchio di Banca Carige.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Attivamente coinvolta nelle attività locali, ha sviluppato la propria rete principalmente nella città di Savona e nella provincia. Ambita da Banca Carige e Banca Toscana, dopo una lunga contesa è entrata a far parte del Gruppo Banca Carige nell'anno 2000.

Ad agosto 2008 contava 50 filiali, di cui 45 in Savona e provincia, una nella città di Imperia e 4 nel basso Piemonte. Con più di centomila clienti, è stato il motore dell'economia savonese sostenendo turismo, artigianato, commercio, industria e agricoltura.

È inoltre stata per decenni lo sponsor delle principali squadre della città sia nel calcio con il Savona Fbc che nella pallanuoto con la Rari Nantes Savona.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1479 venne fondato il monte di pietà di Savona[1].

La cassa di risparmio venne istituita per iniziativa del vescovo Agostino Maria De Mari nel 1840 e la sua creazione testimonia l'impegno morale messo in atto da parte dei ceti dirigenti, religiosi e non, per contrastare la diffusa povertà del periodo di profonda stagnazione successivo alle due guerre napoleoniche[1].

L'avvio delle attività di Carisa inizialmente fu piuttosto lento e per almeno un secolo la banca si sviluppò gradualmente e nel solo territorio cittadino[1].

Con gli anni trenta del Novecento e la trasformazione di Savona in polo industriale, anche la banca iniziò il suo sviluppo rafforzando il radicamento in città ed espandendosi in provincia con l'apertura di nuovi sportelli in Valle Bormida e nella Riviera di Ponente. Nel 1928 fu aperta la filiale di Altare, nel 1932 quelle di Vado Ligure e Cairo Montenotte, nel 1936 quella di Savona Porto, nel 1942 quella di Millesimo e nel 1945 quella di Ceriale.[2] L'espansione sul territorio è poi proseguita anche nei decenni successivi.

Nel 1991 è infine avvenuta la divisione fra la società per azioni e la fondazione Agostino De Mari mentre nel 2000 Carisa è entrata a far parte del Gruppo Carige che ne ha rilevato il 95% delle quote.

Il 23 novembre 2015 la banca è stata fusa per incorporazione nella capogruppo Banca Carige, che ha così acquisito tutte le sue filiali. Savona è diventata così la Direzione dell'Area Commerciale Savona Imperia di Banca Carige, insediata in corso Italia 10 presso l'ex sede della banca, che coordina tutte le 45 ex filiali Carisa e le 37 della Carige delle province di Savona ed Imperia.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c [1]
  2. ^ Sito Carisa - La Storia, su gruppocarige.it.
  3. ^ Savona sarà il nuovo polo direzionale di Banca Carige per la Liguria di Ponente (PDF), (comunicato stampa), Gruppo Banca Carige, 29 ottobre 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Liguria Portale Liguria: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Liguria