Cassa di Risparmio di Asti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cassa di Risparmio di Asti S.p.A.
Logo
Cassa di Risparmio di Asti – Sede.jpg
La sede centrale della banca ad Asti.
Stato Italia Italia
Tipo Società per azioni
Fondazione 25 gennaio 1842 a Asti
Sede principale Asti
Settore Bancario
Prodotti
  • Bancari
  • Assicurativi
Slogan «Io e la mia banca ci capiamo.»
Sito web

La Cassa di Risparmio di Asti S.p.A. (abbreviata in Banca C.R. Asti o Banca di Asti) è un istituto di credito nato il 25 gennaio 1842 come ente di beneficenza con un capitale di 10.000 lire. L'attività inizia, con il nome di Cassa di Risparmio e di Previdenze della provincia di Asti, mercoledì 3 gennaio 1844, dedicando quel giorno della settimana per i versamenti e il sabato ai prelievi.

Il nome dell'istituto viene modificato con Regio decreto del 6 giugno 1867, diventando Cassa di Risparmio della provincia di Asti.

Tra la prima e la seconda guerra mondiale riesce ad acquisire la Banca Astese e per la prima volta la Cassa inizia ad assumere alle proprie dipendenze personale femminile.

È durante gli anni cinquanta che la Cassa apre nuove filiali, salite ad oltre 130, presenti nelle province di Asti, Alessandria, Cuneo, Torino, Milano e Monza e Brianza.

La società per azioni, fondata il 13 luglio 1992, è detenuta per il 37,82% dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Asti e per il 13,65% da Banco BPM (dopo la fusione della Banca Popolare di Milano - che a sua volta aveva incorporato la Banca di Legnano, che aveva acquisito la quota dalla Deutsche Bank - con il Banco Popolare).

Il 28 dicembre 2012 Cassa di Risparmio di Asti acquista da Monte dei Paschi di Siena il 60,42 % di Biverbanca, istituto che dispone di 122 filiali distribuite tra Piemonte, Lombardia e Valle d'Aosta, per 203 milioni di euro.[1]. Nasce il Gruppo Cassa di Risparmio di Asti

Il 1º ottobre 2015 entra a far parte del Gruppo bancario Pitagora SPA, un intermediario finanziario specializzato nei prestiti contro cessione del quinto dello stipendio (CQS).[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]