Giorgio Galvagno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giorgio Galvagno

Sindaco di Asti
Durata mandato 10 maggio 1985 –
22 aprile 1994
Predecessore Guglielmo Pasta
Successore Alberto Bianchino

Durata mandato 30 maggio 2007 –
22 maggio 2012
Predecessore Vittorio Voglino
Successore Fabrizio Brignolo

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XIV
Gruppo
parlamentare
Forza Italia
Coalizione Casa delle Libertà
Circoscrizione Piemonte 2
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Forza Italia

Giorgio Galvagno (Mattuglie, 27 luglio 1943) è un politico italiano, ex Sindaco di Asti, ex deputato di Forza Italia (dal 2001 al 2006).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di un maresciallo dei Carabinieri, sposato, con due figli, laureato in sociologia, professore di scuola superiore, Galvagno è stato consigliere provinciale e per due volte Sindaco di Asti (dal 1985 al 1994), carica a cui fu eletto nelle file del Partito Socialista Italiano nel 1985 e nel 1990. Rieletto mantiene la carica fino al 1994 quando il Comune di Asti viene commissariato dal governo in seguito allo scandalo di Valle Manina.

Nel 1996 ha patteggiato 6 mesi e 26 giorni di carcere per inquinamento delle falde acquifere, abuso e omissione di atti ufficio, falso ideologico, delitti colposi contro la salute pubblica (per l'inquinamento delle falde acquifere) e omessa denuncia dei responsabili della Tangentopoli astigiana nello scandalo della discarica di Valle Manina e Valleandona (smaltimento fuorilegge di rifiuti tossici e nocivi in cambio di tangenti).[1]

Nel 2004 il comico Beppe Grillo, invitato presso il Teatro Alfieri di Asti, lo nominò in diverse occasioni durante la serata, colpevolizzandolo duramente sulle responsabilità a lui attribuite riguardo allo scandalo "Valle Manina"; Galvagno di quella serata vide gli estremi per una denuncia per diffamazione, accolta dal Tribunale di Asti, il quale il 5 marzo 2010 condannò il comico genovese ad una ammenda di 25.000 euro più le spese processuali a carico del sindaco, il quale tuttavia decise di devolvere interamente la somma in beneficenza[senza fonte].

Giorgio Galvagno è stato rieletto sindaco di Asti il 28 maggio 2007 con il 56,18% dei voti, sul sindaco uscente di centro-sinistra, Vittorio Voglino

Sconfitto al ballottaggio nelle amministrative del maggio 2012, lascia la carica al candidato del Partito Democratico Fabrizio Brignolo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Massimo Nava, il ciclone tangenti ripassa da Asti, Corriere della Sera, 4 gennaio 1994. URL consultato il 20 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º febbraio 2014).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]