Antonio Salines

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antonio Salines e Paola Bacci nello sceneggiato Un ultimo sacrificio (1963)

Antonio Salines (La Spezia, 1º luglio 1936Roma, 22 giugno 2021[1]) è stato un attore e regista italiano, figlio del compositore Enrico Salines.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si diplomò all'Accademia nazionale d'arte drammatica di Roma. Con Carmelo Bene costituì nello stesso anno la compagnia de I ribelli, una delle prime compagnie teatrali italiane autogestite. Fu direttore artistico del Teatro Belli di Roma, dove lavorò con l'omonima compagnia da lui fondata nel 1970 con Magda Mercatali[2]; nonché dal 2015 della Stagione teatrale del Teatro Gentile di Cittanova, sala che gli è stata intitolata dal dicembre 2021[3].

L'ultima interpretazione cinematografica è stata ne L'ombra del giorno di Giuseppe Piccioni (2022), che gli è stato dedicato[4].

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

  • Cuore di cane, da Bulgakov (1972)
  • Una tranquilla dimora di campagna di Stanisław Witkiewicz (1975)
  • I lanciatori di coltelli di Miklós Hubay (1977)
  • Il supermaschio di Alfred Jarry (1978)
  • Il più felice dei tre di Eugène Labiche (1979)
  • Un marziano a Roma di Ennio Flaiano (1980)
  • Il concilio d'amore di Oskar Panizza (1981)
  • Orchestra di dame di Jean Anouilh, Teatro Belli di Roma (1981)
  • Antigone di Sofocle (1982)
  • Plauto magico di Turi Vasile (1983)
  • Diario di un pazzo, da Gogol' (1983)
  • L'inferno di Strindberg, di Dario Della Porta (1986)
  • Nerone plays Nerone di Fabio Storelli (1986)
  • Chi ruba un piede è fortunato in amore di Dario Fo (1987)
  • La roccia di Dio di Pier Giorgio Grasso Peroni (1987)
  • Charlie in vacanza nella pensione America di Larry Shue (1988)
  • Mandragola di Niccolò Machiavelli (1989)
  • Delitto all'isola delle capre di Ugo Betti, Teatro Abeliano di Bari (1992)
  • La guerra rustica di Silvano Ambrogi (1992)
  • Il principe vescovo di Silvano Ambrogi (1993)
  • La confusione di Turi Vasile (1998)
  • Purché sia bellissima e Quegli angeli ladri di Salvatore Fiume (1999)
  • La voce nella tempesta di Beppe Fenoglio, Teatro Belli di Roma (2001)
  • Falstaff e le allegre comari di Windsor, da Shakespeare, Teatro Dehon di Bologna (2003)
  • L'avventura di Maria, di Italo Svevo (2003)
  • La voce umana di Jean Cocteau, Taormina (2003)
  • Io e Annie di Woody Allen (2003)
  • Salon Fusco di Nicola Fano ed Enrico Vaime (2004)
  • Alla faccia della cucina francese di Sabina Negri, Teatro Belli di Roma (2004)
  • Varietà di Roberto Lerici (2007)
  • Xanax di Angelo Longoni, Teatro Belli di Roma (2016)
  • Farà giorno di Rosa Menduni e Roberto De Giorgi (2018)
  • Neurotandem di Silvano Ambrogi, Teatro Belli di Roma (2019)

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Radio[modifica | modifica wikitesto]

  • Il mondo senza gamberi, di Gino Rocca, regia di Guglielmo Morandi, 3 ottobre 1964.
  • Il ballo della Grange aux belles, di Armand Lanoux, regia di Carlo Castelli, trasmessa il 16 maggio 1967.
  • L'azoto, di René de Obaldia, regia di Vilda Ciurlo, 4 maggio 1968.
  • I rubini di Lady Alexandra, di Noël Coward, regia di Enrico Colosimo, 1º aprile 1970.
  • La bellezza cieca, di Boris Pasternak, regia di Giorgio Bandini, 20 aprile 1970.
  • C'è una verde collina, di Richard Eyre, regia di Giuseppe Di Martino, 18 maggio 1970.
  • Gli amici, di Arnold Wesker, regia di Giorgio Bandini, 31 maggio 1971.
  • Tumbulus, di Francesco Monotti, regia di Umberto Benedetto, 7 ottobre 1972.
  • Come si dice, di Roberto Mazzucco, regia di Nino Mangano, 4 novembre 1972.
  • Il maestro Pip, di Nello Saito, regia di Augusto Zucchi, 1º febbraio 1974.
  • Natale a Palm Beach, di Damon Runyon, regia di Umberto Benedetto, 5 puntate, dal 30 dicembre 1974 al 3 gennaio 1975.
  • Il mondo alla rovescia, di Ludwig Tieck, regia di Giuseppe Rossi Borghesano, 17 ottobre 1984.
  • Inferno. Vita tragica e avventurosa di August Strindberg, drammaturgo, di Dario Della Porta, regia di Lucio Romeo, 10 puntate, dal 13 gennaio al 17 marzo 1990.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90366910 · ISNI (EN0000 0000 3520 1372 · SBN TO0V264532 · LCCN (ENn82149304 · GND (DE1061822443 · BNF (FRcb14223788c (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n82149304