Elisa di Rivombrosa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elisa di Rivombrosa
ElisadiRivombrosa.png
Immagine dalla sigla
Paese Italia
Anno 2003-2005
Formato serie TV
Genere sentimentale
Stagioni 2
Episodi 26
Durata 100 min (episodio)
Lingua originale italiano
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 16:9
Colore Colore
Audio Stereo
Crediti
Ideatore Cinzia TH Torrini
Interpreti e personaggi
Voci e personaggi
Fotografia Alessandro Pesci, Roberto Cimatti, Giuliano Giustini, Roberto Meddi
Musiche Savio Riccardi
Produttore
Casa di produzione Together Production International
Prima visione
Prima TV Italia
Dal 17 dicembre 2003
Al 1º dicembre 2005
Rete televisiva Canale 5
Opere audiovisive correlate
Spin-off La figlia di Elisa - Ritorno a Rivombrosa

Elisa di Rivombrosa è stata una serie televisiva italiana, andata in onda per due stagioni dal 17 dicembre 2003 al 1º dicembre 2005 in prima serata su Canale 5; repliche della serie sono state trasmesse sul canale La5.

La prima stagione della fiction è parzialmente ispirata al romanzo inglese Pamela, o la virtù premiata (1740) di Samuel Richardson e racconta della storia d'amore travagliata tra Elisa, una ragazza di umili origini, e l'arrogante conte Fabrizio Ristori, sullo sfondo di una cospirazione ai danni del Re; la serie è caratterizzata da un racconto di tipo corale dove, accanto alle storie dei due protagonisti, si dipanano quelle dei nobili, della servitù e della gente comune del borgo di Rivombrosa; inoltre è stata un grande successo di ascolti, soprattutto durante la prima stagione che ha visto gli ascolti aumentare di episodio in episodio.

In seguito all'ottimo riscontro venne prodotta una seconda stagione cui però Alessandro Preziosi non volle prendere parte a pieno ritmo; pertanto il suo personaggio esce di scena dopo i primi due episodi e quindi la nuova storia vede Elisa in guai finanziari a causa dell'arrivo dei fratelli Benac, due uomini d'affari, a Rivombrosa e del viaggio che lei intraprende verso Napoli dove cerca l'appoggio di una famiglia nobile amica di Fabrizio per poi essere invischiata anche qui in vicende di complotti e intrighi; questo secondo ciclo ottenne invece un riscontro più moderato (soprattutto a causa della risoluzione della storia d'amore tra Elisa e Fabrizio) ma comunque di circa 5,5 milioni di spettatori di media. Anche la regista Cinzia TH Torrini lascia la regia dopo i primi sei episodi per essere poi sostituita per i restanti da Stefano Alleva[1].

La serie venne raccolta in DVD dal settimanale TV Sorrisi e Canzoni (dove ogni stagione venne pubblicata in un formato di 26 episodi da 45/50 minuti invece di quello televisivo di 13 episodi da 100 minuti) e in seguito commercializzate sul sito di Mediashopping. La serie è stata seguita da uno spin-off, La figlia di Elisa - Ritorno a Rivombrosa, andato in onda nel 2007.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Prima stagione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Episodi di Elisa di Rivombrosa (prima stagione).

Piemonte 1769. La giovane Elisa Scalzi (Elisa di Rivombrosa), bella, decisa, vulnerabile e intraprendente, lavora come dama di compagnia al servizio dell'anziana contessa Agnese Ristori di Rivombrosa, la contea più grande del Regno di Sardegna, ai tempi dell'Italia divisa. Sebbene Elisa sia una ragazza gentile ed estremamente educata, il suo rapporto privilegiato con la contessa (che la prese a servizio come dama di compagnia nonostante Elisa fosse una semplice cameriera) suscita la gelosia della figlia maggiore della contessa, Anna Ristori, che spesso rimprovera severamente la ragazza. L'aggravarsi dello stato di salute della contessa spinge Elisa a inviare una lettera al figlio minore, il Conte Fabrizio Ristori, arruolatosi nell'esercito Francese dieci anni prima. La richiesta di Elisa è quella di ritornare a Rivombrosa, viste le cattive condizioni di salute della contessa. Fabrizio, ricevuta la missiva, decide di partire all'istante alla volta del Castello di Rivombrosa. Nel lasciare il suo Reggimento, però, gli vengono assegnati dei documenti riservatissimi che il conte dovrà consegnare al Capitano Lombardi in attesa il giorno seguente presso Monginevro, sulla strada per Torino. Al suo arrivo il conte incontra il capitano, ma i due vengono colti da un'imboscata.

Sono gli uomini del duca Ottavio Ranieri, capo delle guardie di sua maestà, che fin dall'inizio dimostra di volersi impossessare dei documenti. Sebbene Fabrizio riesca a salvarsi facendo fuggire i sicari, il capitano rimane gravemente ferito e in punto di morte affida i documenti al conte chiedendogli d'impegnarsi personalmente a consegnarli solo nelle mani del Re. Il ritorno a casa di Fabrizio suscita la gioia di molti, ma nel cercare la madre tra le stanze del palazzo nella biblioteca di famiglia, il conte incontra per la prima volta Elisa intenta nella lettura. Il giovane rimane folgorato dalla bellezza della ragazza che sembra rimanerne altrettanto colpita. Fabrizio passa la maggior parte tempo in compagnia della madre, la quale più volte lo induce a non ripartire visti anche i numerosi problemi che gravano sulla tenuta. Fabrizio inizia tra l'altro a corteggiare Elisa, la quale sebbene ne sembri lusingata è piuttosto restia. Anche l'anziana contessa si accorge del reciproco interesse che lega i due e più volte mette in guardia Elisa sul conte: lui è un nobile, lei una semplice popolana. Fabrizio però non sa del rango di Elisa; credendo sia una dama di compagnia (lei stessa nella lettera si era firmata come Elisa di Rivombrosa, un soprannome che le era stato attribuito), la corteggia anche in pubblico ignaro delle sue umili origini.

Il conte però, ha tempo di pensare anche ai documenti dei quali è rimasto in possesso, ma di cui non conosce il contenuto. Decide allora di aprirli, scoprendo così che questi contengono una lista dei nobili che congiurano contro il re ed hanno la volontà di ucciderlo. La scoperta si fa ancora più grave quando Fabrizio individua tra i nomi non solo il Duca Ottavio Ranieri (al primo posto), ma anche il Conte Giulio Drago, suo carissimo amico d'infanzia. Nel frattempo a Rivombrosa si festeggia il ritorno di Fabrizio con una sontuosa festa, a cui sono presenti molti nobili della regione e anche una vecchia fiamma del Conte Ristori, la Marchesa Lucrezia Van Necker Beauville. Quest'ultima era stata infatti, dieci anni prima, la causa della partenza di Fabrizio. Il conte era stato ripudiato da Lucrezia, che aveva deciso di sposare il Marchese Jean- Luc Beauville, un uomo molto più anziano di lei estremamente ricco e potente (egli è infatti il consigliere di sua maestà). Fabrizio, sentendosi offeso e umiliato aveva deciso quindi di partire arruolandosi nell'esercito Francese. Nonostante le numerose avances di Lucrezia, il conte sembra avere un atteggiamento distaccato nei confronti della donna, dimostrandosi invece particolarmente interessato a Elisa, presente alla festa come accompagnatrice della nipotina del Conte, figlia di sua sorella Anna, la marchesina Emilia Radicati.

Dopo un appassionante ballo con Elisa che suscita lo sdegno e lo stupore dei nobili che conoscono il ceto sociale della giovane, l'affetto tra i due viene visibilmente mostrato anche dagli innumerevoli teneri sguardi che intercorrono durante la danza. Fabrizio si espone notevolmente decidendo di abbandonare il ballo alla richiesta del Dott. Ceppi, nobile ripudiato per aver sposato una serva, di cercare la moglie scomparsa. La scoperta del suicidio di Lucia, moglie del medico, suscita grande dolore non solo nel Conte, ma anche in Elisa, carissima amica della donna. Elisa decide di confessare a Fabrizio la sua vera identità, rivelando di essere stata presa a servizio dalla contessa la quale era rimasta colpita dal suo animo nobile e gentile, e di essere una semplice popolana (Elisa sapeva leggere, perché il padre era rilegatore di libri pur non avendo ricevuto l'istruzione adeguata). La reazione di Fabrizio è di sdegno e di forte violenza nei confronti di Elisa, la quale viene addirittura schiaffeggiata. Il rapporto tra i due comincia a vacillare, soprattutto quando Fabrizio si dimostra particolarmente violento e aggressivo nei confronti della ragazza.

La morte della contessa-madre suscita la disperazione di Elisa, che si sente abbandonata, e di Fabrizio al quale la madre, in punto di morte, fa promettere di prendersi cura della giovane e gli ricorda l'estrema fedeltà della famiglia Ristori nei confronti del re. Elisa decide quindi di abbandonare Rivombrosa, cercando lavoro presso altre famiglie tra cui quella del marchese Maffei, in cerca di una dama di compagnia per le sue due figlie. Fabrizio, però, ancora innamorato di Elisa, chiede all'amico Giulio, fidanzato di Margherita Maffei, di intercedere per lui persuadendo così il marchese di non assumere la ragazza a suo servizio. Elisa, profondamente scossa, lascia il castello per andare in paese dalla madre. Qui viene però aggredita dal Conte Giulio Drago, che ubriaco tenta di abusare di lei. Elisa per difendersi lo colpisce alla testa con un masso e finisce in carcere; la pena per lei è la decapitazione. Fabrizio, appena ricevuta la notizia, cerca di convincere Giulio a scagionarla, ma è anche disposto ad ottenere la grazia dal Re pur di salvarla. Elisa viene scagionata grazie al conte ed estremamente riconoscente, decide con l'approvazione di Fabrizio di rimanere al castello, diventando tutrice della nipotina Emilia. Fabrizio si dimostra sempre molto interessato a Elisa e le occasioni per corteggiarla non vengono meno. Ma è proprio quando Fabrizio si rende conto di non poter sposare Elisa, per evitare di perdere il titolo, che le offre l'opportunità di sposare il fattore della tenuta Angelo Buondio, potendo così diventare sua amante evitando lo scandalo.

Elisa, inorridita dalla proposta di Fabrizio, accetta comunque di sposare Angelo, ma si rifiuta di diventare la concubina del conte. Mancano pochi giorni alle nozze; nonostante la sofferenza per la scelta di Elisa, Fabrizio decide, anche con l'insistenza di Lucrezia, di consegnare i documenti al Re. È un piano però architettato dal Duca, amante della Marchesa, per ottenere i documenti. Fabrizio non sa che è il nome di Lucrezia quello accanto al Duca nella lista (la marchesa ha per coincidenza le stesse iniziali del Marito). Il conte viene catturato e ferito, ma riesce a fuggire con la lista. Elisa nel frattempo non si è sposata, ma ha abbandonato Angelo sull'altare. Fabrizio viene ritrovato ferito nei boschi e riportato in fin di vita a Rivombrosa. Qui viene curato dal Dott. Ceppi, ma durante un breve risveglio prima dell'operazione chiede più volte di vedere Elisa, la quale si reca imminente al castello e, nonostante l'opposizione della contessa Anna, riesce a vedere Fabrizio. Quest'ultimo confessa a Elisa dei documenti chiedendole di nasconderli. La giovane, dopo averli letti per verificarne la veridicità, li nasconde rilegandoli nella copertina di un libro in biblioteca.

Fabrizio, convalescente, confessa il suo amore a Elisa e i due si scambiano un bacio appassionato anche nel giardino del castello, suscitando lo sdegno della contessa Anna. Nonostante Fabrizio, ripresosi, decida di ripartire convinto che il suo amore per Elisa sia irrealizzabile, la giovane lo raggiunge e fra i due scoppia la passione. Fabrizio rientra dunque a Rivombrosa. Inizia così l'amore impossibile ed estremamente contrastato tra Elisa e il conte, un amore che sarà vittima non solo dei pregiudizi sociali, ma anche delle questioni politiche che gravano sulla regione e che coinvolgeranno direttamente il conte Ristori, in possesso di quei famosi documenti. I due cercheranno di sostenersi l'un l'altro fino alla fine, quando il conte, vittima di tradimenti, soprusi e corruzione, sembrerà irrimediabilmente perduto. Tutto questo durerà tre anni, fino a quando Lucrezia smascherata sfuggirà all'arresto, andandosene povera in altri regni dell'Italia ed il duca Ranieri verrà arrestato. Elisa diventa contessa per aver fermato l'esecuzione dell'innocente Fabrizio, lo sposa e dice di aspettare un bambino.

La prima stagione ha riscosso un grandissimo successo: l'ultima puntata è stata seguita da 12.080.000 telespettatori, con uno share pari al 41,54%; il picco si è registrato nella scena finale, con 13.513.000 telespettatori[2]. La serie infatti ha vinto 4 Telegatti nel 2004: Fiction dell'anno, miglior programma dell'anno, e sia Vittoria Puccini (Elisa) che Alessandro Preziosi (Fabrizio) hanno ricevuto il Telegatto come personaggio femminile e maschile dell'anno per aver partecipato alla serie.

Seconda stagione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Episodi di Elisa di Rivombrosa (seconda stagione).

Dopo aver sventato la congiura verso re Carlo Emanuele III, i conti Fabrizio ed Elisa Ristori possono finalmente coronare il loro amore sposandosi e vivendo felici a Rivombrosa. Dopo un anno, nuove insidie si abbattono però su di loro: il duca Ottavio Ranieri, acerrimo nemico di Fabrizio, viene liberato dal principe Amedeo III figlio di sua maestà. Fabrizio ed Elisa passano momenti felici insieme e, alcuni mesi dopo, la donna dà alla luce la piccola Agnese, chiamata così in onore della defunta madre di Fabrizio. Anna, sorella di Fabrizio, confida al fratello che il defunto ed incapace marito Alvise Radicati, che approfittò della carcerazione del cognato un anno prima per togliersi dal lastrico ed impadronirsi della tenuta, le ha lasciato molti debiti di gioco da pagare; Fabrizio, dall'animo nobile, decide dunque di prendersi carico dei debiti con due francesi, Victor e Armand Benac. Intanto Carlo Emanuele III muore proprio nel giorno in cui Elisa e Fabrizio dovevano mostrargli la piccola contessa Agnese. Ora Ranieri è libero di agire, ma il principe cambiando idea lo vuole esiliare dal regno.

Dopo un'intrepida fuga, il duca scopre che a carico della tenuta di Rivombrosa ci sono molti debiti. Dopo aver scoperto con chi Fabrizio ha questi debiti, Ranieri cerca di corrompere Victor, che però è un uomo di onore e decide di scacciarlo; Ranieri scopre però un alleato in Armand, il fratello minore, che vorrebbe la tenuta di Rivombrosa. Una terribile epidemia di colera si abbatte su Rivombrosa e il piccolo Martino, figlio segreto di Fabrizio e dell'ex-fidanzata Lucrezia, quando la perfida marchesa lo diede ad una locandiera undici anni prima, ne rimane infetto. Grazie all'amore di Elisa e Fabrizio il piccolo Martino si riprende e può finalmente alzarsi dal letto che lo bloccava da giorni, mentre viene istruito a Rivombrosa dal buon Victor ed il colera terminerà. Fabrizio spera con la raccolta della vendemmia di estinguere i debiti, ma quando l'uva viene portata nei magazzini, Ranieri e Armand appiccano il fuoco; così facendo Fabrizio non può usare il ricavato per estinguere i debiti. Elisa e Fabrizio disperati chiedono aiuto al barone di Conegliano, un uomo che ha un debito di vita con Fabrizio, ma la missiva verrà occultata da Ranieri che, stanco di attendere, tende un'imboscata a Fabrizio, la quale sarà mortale per il conte, ma dove anche Ranieri a sua volta ne rimarrà ucciso.

La disperazione di Elisa e Anna è terribile e tutta Rivombrosa rimpiange la morte del conte Fabrizio Ristori; al contrario Armand Benac, che ha sparato il colpo mortale a Fabrizio, non si rende ancora conto di quello che ha fatto, ma lo capisce il fratello Victor che caccia il fratello minore da Rivombrosa. Passano tre anni ma il ricordo di Fabrizio è sempre nel cuore di Elisa e dopo tre anni torna anche Armand da Lione. Elisa capisce che da sola non è in grado di sostenere i debiti e decide così di recarsi dal barone di Conegliano: se entro quattro settimane non tornerà con il denaro, Rivombrosa andrà ai Benac. Ma Victor garantisce a Elisa che il debito potrà essere estinto anche successivamente; Armand invece, non essendo d'accordo, assolda tre banditi che aggrediscono Elisa, Amelia e Agnese a Genova, località dalla quale sarebbero poi partite. Le donne sono tratte in salvo da un capitano della marina inglese, Christian Grey, con il quale si imbarcano verso Napoli per estinguere i debiti. Intanto il marchese Ercole Salvati, invaghito di Anna, fa arrestare Antonio Ceppi, compagno della donna, con l'accusa di fare esperimenti su dei morti di colera, cosa che Antonio fa davvero trovando una cura definitiva all'epidemia.

Elisa a Napoli viene accolta dalla baronessa Cristinella di Conegliano, che conosce bene il patto che legava il marito a Fabrizio, scoprendo però che il barone marito è morto, ma oltre a lei, trova anche Isabella, la ex dama di compagnia di Lucrezia, scomparsa misteriosamente, ma salvatasi dal pugnale della padrona e sposatasi lì. Al palazzo trova anche Christian Grey, che si finge un archeologo e che nasconde un inquietante segreto. Il figlio del barone, Nicola di Conegliano, figlio della baronessa, si mostra subito felice di aiutare Elisa, ma purtroppo le sorprese non sono finite: Lucrezia Van Necker è esiliata a Napoli ed è l'amante del barone, quindi dopo l'incontro con Elisa spinge l'uomo a non aiutarla. Dopo aver scoperto che Elisa ha una figlia, Lucrezia la fa rapire e chiede in cambio un diamante che si trova nella stanza del barone: la Stella Marina. Elisa più volte cerca di concedersi al barone non riuscendoci e una sera Christian, venendo a conoscenza di quanto accaduto, libera Agnese e il ricatto di Lucrezia è nullo. Ma la donna porta a palazzo Conegliano il vero archeologo, così Christian viene arrestato ed Elisa è cacciata da palazzo. A Rivombrosa, intanto, Anna è disperata per la situazione del compagno Antonio e per liberarlo è costretta a concedersi a Salvati, che subito dopo libera il medico. Intanto questi nel carcere si trova davanti un uomo ferito che, urlando, dice cose senza senso: "il conte, l'imboscata non doveva morire..."

Christian viene liberato dal carcere, venendo conosciuto come un'altra persona, mentre Elisa mostra alla baronessa il foglio che prova il ricatto di Lucrezia, ma prima che la baronessa riesca a rivelare al figlio chi è la sua amante, viene assassinata dalla stessa Lucrezia che distrugge la prova e poi incolpa Elisa dell'assassinio. Gli uomini di Conegliano fanno rapire Gaetano, marito di Isabella, in cambio di Elisa, che durante lo scambio riesce a fuggire ed è salvata da Christian. L'uomo le rivela di essere veramente un'altra persona, ossia Cristiano Caracciolo principe di Monte Santo e che il padre del barone, ha sterminato la sua famiglia e che lui è l'unico sopravvissuto della sua famiglia. Lucrezia durante un attentato a Elisa uccide senza volerlo fra' Simone, prete di Napoli. I gendarmi di Conegliano bloccano tutta la piazza: vogliono Elisa. Cristiano è ferito gravemente durante il combattimento ed Elisa rivela la verità sulla morte della madre a Nicola che, parlando con una serva a conoscenza del vero assassino della madre, scopre che proprio Lucrezia l'ha uccisa.

Lucrezia in punto di essere trafitta dal barone diventato buono, dice di aspettare un figlio dal barone, avuto nel loro sesso prima che uccidesse la baronessa, e così anche stavolta riesce a sfuggire alla giustizia, ma scappando esiliata e di nuovo povera definitivamente anche da Napoli. A Rivombrosa intanto Antonio scopre che l'uomo che ha curato in carcere stava parlando dell'agguato a Fabrizio, in cui lui tre anni prima ne era coinvolto, ed è proprio lui a rivelare che Armand, che intanto all'insaputa di Victor si è impossessato della tenuta, è l'assassino di Fabrizio. Si apre così il processo, ma Armand fa uccidere il testimone ed è così in piena libertà; quando però sta per uccidere il fratello Victor, per essere padrone completo della tenuta, viene ferito da Martino e, prima che colpisca il ragazzo, viene ucciso per legittima difesa da Victor. Victor prende la colpa dell'omicidio da solo. Il prefetto Terrazzani, innamorato della sorella Juliette Benac, lo rilascia perché capisce che è stata legittima difesa. Anna, che lascia Ercole ad una sua amica Chevalier e lo fa arrestare, sposa Antonio ed Elisa, con i diamanti "donati" dal barone, estingue tutti i debiti, una volta tornata a Rivombrosa con la figlia e la badante. Cristiano, guarito e capendo che il barone non ha le colpe del defunto padre, saluta Isabella, raggiunge Elisa e la salva dalla follia di Victor Benac, che si era innamorato di lei e l'aveva ingannata. Victor, come uomo onesto, lascia Rivombrosa e probabilmente si suicida non lì, ma in Francia, a casa sua. Elisa, accompagnata da Cristiano, rientra a Rivombrosa. Nella scena finale, Elisa depone la spada di Fabrizio sulla sua tomba, come simbolo della giustizia che, alla fine, ha trionfato. Il finale lascia il dubbio, ad ogni modo, che Elisa rinunci a Cristiano per rimanere devota a Rivombrosa e al defunto Fabrizio.

Episodi[modifica | modifica sorgente]

Stagione Episodi Prima TV
Prima stagione 13 2003-2004
Seconda stagione 13 2005

Export[modifica | modifica sorgente]

Elisa di Rivombrosa è stata trasmessa anche in Albania, Belgio, Bosnia ed Erzegovina, Bulgaria, Finlandia, Francia, Georgia, Germania, Polonia, Repubblica Ceca, Romania, Russia, Serbia, Slovacchia, Spagna e Ucraina. In Canada è andata in onda su Telelatino.

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Personaggi di Elisa di Rivombrosa.
  • Contessa Elisa Scalzi Ristori di Rivombrosa, interpretata da Vittoria Puccini (stagioni 1-2): Elisa nella prima serie è una serva, dopo la morte del padre, venne prese al castello di Rivombrosa dalla contessa Agnese Ristori. Si innamora di Fabrizio Ristori, e con lui condivide un grave problema di Stato: una congiura ai danni di sua maestà Carlo Emanuele III; quando Fabrizio è arrestato con l'accusa di aver ucciso il consigliere del re, Elisa fa di tutto per salvarlo e alla fine diventa contessa per aver salvato la corona e l'uomo che ama. Nella seconda stagione, la sua storia d'amore verrà coronata dal matrimonio con Fabrizio e dalla nascita della loro primogenita, Agnese. Elisa dovrà, però, anche affrontare un dolore terribile. Il duca Ranieri, evaso dal carcere grazie a Vittorio Amedeo III, uccide Fabrizio. Dopo tre anni, Elisa incontrerà nel Regno di Napoli un principe fascinoso che si innamorerà di lei, ma che si fa passare per un comandante della marina britannica dal nome Christian Gray. Con lui, dopo aver sventato la vendetta di Lucrezia nei suoi confronti (aiutata dal barone di Conegliano), rientrerà a Rivombrosa. Il finale lascia il dubbio, ad ogni modo, che Elisa rinunci a Christian per rimanere devota a Rivombrosa e al defunto Fabrizio. Morirà alcuni anni dopo per malattia, venendo seppellita accanto a Fabrizio, ricongiungendosi finalmente al suo amato.
  • Conte Fabrizio Federico Giovanni Clemente Ristori di Rivombrosa, interpretato da Alessandro Preziosi (stagioni 1-2): Fabrizio nel 1759 fuggì all'estero dopo essere stato rifiutato dalla sua promessa sposa, la marchesa Lucrezia Van Necker. Tornato dopo dieci anni, Fabrizio incontra la madre, la sorella e trova l'amore in Elisa, un amore contrastato dalla sua carica nobiliare, infatti Elisa è una serva. Fabrizio è in possesso di una lista di congiurati contro il re, e tutte le volte che cerca di consegnarla, si scontra con il duca Ranieri, capo della congiura e rischia di morire per una pena esemplare, ma è salvato dalla sua amata. Nella seconda stagione, Fabrizio sposa Elisa, e diventa padre della piccola Agnese, chiamata in onore della sua defunta madre, ma le sue gioie sono destinate a finire presto. Infatti il duca Ottavio Ranieri, evaso dalla prigione, gli tende un agguato, ma viene ucciso in duello dal conte. Ad uccidere Fabrizio sarà Armand Benac che spara un colpo a tradimento alle spalle del conte. La tomba di Fabrizio con la sua lapide verranno messi nella sua tenuta di Rivombrosa.
  • Marchesa Anna Ristori di Rivombrosa, interpretata da Antonella Fattori (stagioni 1-2): Anna è una donna distrutta, nelle prime puntate cerca di impedire in tutti i modi l'unione tra il fratello ed Elisa, ma dopo le continue cattiverie, lotte e malvagità subite dal marito Alvise, cambia e appoggia l'unione. Dieci anni prima anch'essa venne rifiutata sull'altare dal dottore Antonio Ceppi. Verso la fine della serie, costretta a vivere segregata a Rivombrosa dal marito e dalla sua amante, si rifugia tra le braccia di Antonio. Comincerà la vera vita con il medico trasferendosi a Torino, anche con la figlia. Nella seconda stagione Anna crederà che il nuovo compagno la stia tradendo, ma scoprirà che Antonio usa i cadaveri come cavie per trovare una cura alla peste. Quando arresteranno Ceppi per questa illegalità, per farlo uscire di prigione, sarà costretta a concedersi allo spietato medico di Vittorio Amedeo III, infatutato di lei. Alla fine si sposerà con Antonio.
  • Marchesa Lucrezia Van Necker, interpretata da Jane Alexander e doppiata da Emanuela Rossi (stagioni 1-2): Lucrezia è un'abile ammaliatrice, distrugge qualsiasi cosa le impedisca di arrivare ai suoi scopi. Dopo il ritorno di Fabrizio decide di riconquistarlo, è presente nella lista dei congiurati, è l'amante del duca Ranieri e moglie del consigliere del re Beauville. Si finge madre di Martino, figlio di Fabrizio, tenta di uccidere la sua dama di compagnia Isabella, uccise il marito accusando Fabrizio. Sventata la congiura, salvato Fabrizio, Lucrezia fugge a ricadere la colpa della morte della baronessa di Conegliano su Elisa, prima di essere arrestata da Nicola, gli rivela di aspettare un figlio da lui. L'uomo la lascia andare. Durante questa seconda stagione a Napoli, Lucrezia gestisce una sala da gioco con l'amica Eugenia Bonomi, ma pronta a prendersi la sua rivincita su Elisa di Rivombrosa, anche con l'aiuto del suo nuovo amante, Nicola di Conegliano. Ma lui cambierà carattere, dopo che lei ha rapito Agnese ed ha fatto uccidere la baronessa sua madre.
  • Antonio Ceppi, interpretato da Cesare Bocci (stagioni 1-2): Antonio un tempo era nobile, sposata una serva perse titolo e onore, medico di Rivombrosa, si schiera dalla parte di Elisa e Fabrizio. È sconvolto dal suicidio della moglie, dopo alcuni mesi si rinnamora di Anna, durante le ultime puntate la ospita e protegge Elisa e Angelo. Nella seconda stagione vive con Anna ed Emilia a Torino, continua ad essere un ottimo medico e una colonna portante di Rivombrosa anche da lontano. Verrà arrestato perché usa i cadaveri come cavie, ma questo solo per trovare una cura alla peste. Anna dovrà concedersi a Ercole Salvati, medico del re, per far liberare l'uomo. Nell'ultima puntata, Antonio sposa Anna.
  • Angelo Buondio, interpretato da Pierluigi Coppola (stagioni 1-2): Fido stalliere di Rivombrosa, innamorato perdutamente di Elisa. Fabrizio propone a l'uomo di sposarla e di farne la sua amante. Abbandonato all'altare, lascia Rivombrosa, e diventa guardia personale del re, gli salva la vita e diventa alleato di Elisa e Fabrizio. Nella seconda stagione s'innamora di Celeste, la strega che tempo prima salvò Fabrizio e che divenne amica di Elisa. Sembra, però, che lei abbia una storia con Angelo solo per sentirsi amata. Alla fine perdona Celeste e i due continueranno ad amarsi.
  • Conte Giulio Drago, interpretato da Kaspar Capparoni (stagione 1): Giulio è il migliore amico di Fabrizio, fa parte della congiura ma cerca ugualmente di proteggere l'amico da Ranieri e da Lucrezia. Ha il vizio dell'alcool. Innamorato perdutamente della marchesa Margherita Maffei di Barbero, quando la donna si fa suora, per Giulio finisce la vita, distrutto cerca la lista dei congiurati a Rivombrosa e si uccide davanti a Fabrizio.
  • Duca Ottavio Ranieri, interpretato da Luca Ward (stagioni 1-2): Ranieri è il governatore della Regione del Piemonte, consigliere militare di sua maestà e capo delle guardie del re, segretamente a capo di una congiura che mira all'uccisione del sovrano e all'insediamento sul trono del figlio Vittorio Amedeo III. Amante e complice della marchesa Lucrezia Van Necker, cercherà in tutti i modi di impossessarsi della lista con scritti i nomi dei congiurati. Viene arrestato e condannato a morte dal re. Verrà però liberato segretamente dal principe Vittorio Amedeo. Deciso a vendicarsi di Fabrizio Ristori, con la complicità di Armand Benac, il duca tenderà un'imboscata al conte, ma verrà ucciso in duello da Fabrizio.
  • Marchesa Margherita Maffei di Barbero, interpretata da Eleonora Mazzoni (stagioni 1-2): perdutamente innamorata di Giulio, Margherita, non può sposarlo: il padre ha perso tutto per debiti e la sua famiglia è sul lastrico, devastato dai sensi di colpa il padre tenta il suicidio, disperata Margherita fa un voto e diventa suora. Aiuta Elisa e Fabrizio e cerca di convincere la sorella Betta a lasciare il suo amante. Continuerà per tutta la vita ad aiutare Elisa e sarà sempre la sua più cara amica.
  • Marchese Alvise Radicati di Magliano, interpretato da Antonino Iuorio (stagione 1): Alvise è il marito di Anna, sogna di possedere Rivombrosa, quando torna Fabrizio è sempre più adirato e cerca di far interdire il cognato, impedisce le nozze, diventa l'amante di Betta Maffei. Malato di sifilide fa vivere Anna in un ambiente ambiguo e pericoloso. Quando Fabrizio è in carcere, prende il possesso di Rivombrosa con la sua amante, scopre di avere la sifilide e muore distrutto dalla sua malattia.
  • Marchesa Betta Maffei, interpretata da Giovanna Rei (stagione 1): Betta è preoccupata per il suo futuro vista la sua difficile situazione economica, così si gode il denaro di Alvise diventando la sua amante, muore anch'essa per la sifilide.
  • Duchessa Clelia Bussani, interpretato da Francesca Rettondini (stagione 1): Clelia è la cugina del re, entra in scena per dividere Elisa e Fabrizio, ma alla fine si schiera con loro. Aiuta Elisa a salvare Fabrizio, si scontra con Lucrezia, viene uccisa dal duca Ranieri, per impedire a Elisa di consegnare la lista dei congiurati.
  • Marchese Ludovico Maffei di Barbero, interpretato da Vittorio Viviani (stagione 1): Ludovico, è disperato, non può dare in sposa la figlia a Giulio, tenta il suicidio per aver rovinato la vita alle figlie, è aiutato da Antonio Ceppi, una volta salvato mette a posto i suoi problemi, ma dopo la morte della figlia Betta si dispera e distrugge tutto ciò in cui ha sempre creduto. Nella seconda stagione si scopre che è andato in America per i suoi esperimenti.
  • Contessa Agnese Ristori di Rivombrosa, interpretata da Regina Bianchi (stagione 1): Anziana contessa madre di Fabrizio e Anna, tratta come una figlia Elisa. Muore dopo una lunga e intensa vita.
  • Marchese Jean Luc Beauville, interpretato da Antonio Salines (stagione 1): marito di Lucrezia e fedele suddito di sua maestà, è alla ricerca della lista con scritti i nomi dei congiurati. Prende al suo servizio Angelo come guardia del corpo. Sospettoso nei confronti del conte Ristori, verrà ucciso dalla moglie che fa ricadere la colpa dell'omicidio su Fabrizio.
  • Re Carlo Emanuele III, interpretato da Philippe Leroy (stagioni 1-2): re di Sardegna, applica numerose riforme contro i nobili, per questo è mal visto. Contro di lui si organizza una congiura ai suoi danni, ma salvato diventa grande amico di Elisa e Fabrizio. Muore per cause naturali.
  • Celeste, interpretata da Emanuela Garuccio (stagioni 1-2): Celeste si ritiene una strega a tutti gli effetti, ma saprà guadagnarsi la fiducia, la stima e l'amicizia di Elisa, dopo aver salvato Fabrizio. Verrà accolta nella tenuta dei Ristori, ma da quel momento cambierà carattere per diventare una fanatica manipolatrice, che usa l'amore che Angelo prova per lei. Infine si redime e avrà la sua favola d'amore proprio con Angelo.
  • Conte Martino Ristori, interpretato da Riccardo Simone Sicardi e Daniel Hoskins Tshirley (stagioni 1-2): Lo vediamo per la prima volta a dieci anni. Era un bambino che lavorava per una locandiera, fino a quando Fabrizio, grazie ad Elisa, non capisce che è figlio suo e lo porta nella tenuta di Rivombrosa. Lucrezia fingerà di essere sua madre per attirare a sé Fabrizio, mentre Martino patirà le crudeltà della donna e vedrà persino Isabella essere uccisa davanti ai suoi occhi, in realtà ferita. Ama Elisa come se fosse sua madre. Dopo la morte di Fabrizio, troverà un nuovo padre in Victor.
  • Isabella, interpretata da Linda Batista (stagioni 1-2): Isabella è la dama di compagnia di Lucrezia, ma non è crudele quanto lei. Isabella sa tutti i segreti della marchesa, ma... A un certo punto, la giovane donna si ribellerà a Lucrezia, non volendo uccidere né Elisa né Martino. Pagherà questo gesto con la vita, in realtà viene solo ferita. Si scoprirà nella seconda stagione che si è salvata dalla morte, e che ora vive a Napoli col marito Gaetano, incontrato prima a Rivombrosa.
  • Principe Cristiano Caracciolo/Christian Gray, interpretato da Antonio Cupo (stagione 2): Appartiene a una stirpe di principi stabilitasi a Napoli, ma la sua famiglia, composta dai genitori e dai fratelli, così come dalla servitù, viene sterminata, e lui è l'unico sopravvissuto. La tragedia l'ha provocata il padre di Nicola di Conegliano e marito di Cristinella, è per questo che Cristiano odia la famiglia dei baroni. Incontra Elisa sulla sua nave, con sua figlia Agnese e Amelia, le porta fino alla Campania. I due avranno modo di conoscersi meglio quando Cristiano si farà passare per un archeologo nella villa dei di Conegliano, per vendicarsi. Alla fine rientreranno insieme a Rivombrosa, anche se, probabilmente, la loro storia non avrà un lungo seguito.
  • Contessa Agnese Ristori di Rivombrosa, interpretata da Micol Santilli (stagione 2): Figlia di Elisa e di Fabrizio, è un'innocente bimba, che verrà anche rapita dalla perfida Lucrezia.
  • Victor Benac, interpretato da Giovanni Guidelli (stagione 2): Primogenito dei fratelli Benac, uomo onesto e di rispetto verso il prossimo Victor è un creditore a cui Fabrizio deve restituire un debito accumolato dal defunto marchese Alvise Radicati. Si innamorerà di Elisa e avrà un rapporto d'odio col fratello Armand, l'assassino di Fabrizio. Dopo che la tenuta gli è stata venduta, la ridarà ai legittimi padroni. Dopo essere stato costretto ad uccidere il fratello per proteggere Martino, cambia personalità diventando ambiguo e falso arrivando persino a rapire Elisa che rifiuta il suo amore. Il suo destino è incerto: presubilmente si suiciderà, tornato in Francia.
  • Armand Benac, interpretato da Raffaello Balzo (stagione 2): Molto diverso dal fratello, Armand punta a prendersi la tenuta dei Ristori. Vissuto sempre all'ombra dei successi di Victor, di cui non condivide gli ideali di onestà e correttezza, vede in Rivombrosa la possibilità di ottenere il suo primo successo personale affrancandosi in questo modo dagli ordini del fratello. Col passare del tempo tale piano diventa per lui un'ossessione e ben presto Armand troverà un pericoloso alleato nel duca Ranieri. Sarà l'assassino di Fabrizio che ucciderà sparandogli un colpo a tradimento alle spalle pur di impossessarsi della tenuta di Rivombrosa. Verrà ucciso dal fratello Victor che gli spara alle spalle per impedirgli di uccidere Martino, il figlio di Fabrizio Ristori.
  • Bianca Buondio, interpretata da Sabrina Sirchia (stagioni 1-2): La sorella di Angelo e figlia di Amelia, è invidiosa di Elisa, ma nella seconda stagione starà dalla sua parte.
  • Barone Nicola di Conegliano, interpretato da Sergio Assisi (stagione 2): Barone a Napoli, figlio dell'uomo responsabile della morte della famiglia di Cristiano per derubarla tutta, ma salvato anni prima contro Cristiano da Fabrizio ed in debito con lui. Poiché suo padre è morto di vecchiaia, ora deve pagare lui il debito con Elisa, vedova di Fabrizio, per salvare Rivombrosa. Sembra arrogante e sembra avere le colpe del padre, ma, dopo aver tartassato Elisa per vendicare sua madre, quando scoprirà che Lucrezia ha ucciso sua madre in realtà per derubarla, vorrà uccidere lei e non Elisa, pur scoprendo che Lucrezia aspetta un figlio (Andrea), avuto con lui prima dell'uccisione della madre, ed allora la lascia. Non avendo le colpe del padre, quando scoprirà ciò che lui aveva fatto in vita, pagherà il debito con Elisa e ringrazierà Cristiano, facendolo nominare Consigliere di re Carlo di Borbone, anche se Cristiano decide di stare con Elisa, ringraziando lo stesso il barone, che capisce di essere diverso dal padre.

Musiche[modifica | modifica sorgente]

I titoli dei brani di Savio Riccardi presenti nelle puntate della fiction:

Elisa di Rivombrosa

  • Tema Di Elisa
  • Amore E Guerra
  • Cavalcata
  • Congiura
  • Nel Silenzio Della Notte
  • Tema Di Elisa (Variante)
  • Lucrezia
  • Anime Strappate
  • Aria Di Festa
  • Galop
  • Romanza
  • Serenata Di Ramiro
  • Tarantella Dei Guitti
  • Tema Di Elisa (Titoli)
  • Assalto Furioso
  • Impetuoso
  • Ritorno Di Fabrizio
  • Promenade
  • Minuetto
  • Aria Di Mistero
  • Tenero Abbraccio
  • Dio Salvi Il Re
  • Promesse Silenziose

Elisa di Rivombrosa II

  • Tema di Christian
  • Tammurriata Dei Lazzaroni
  • Stella Maris
  • Tema di Elisa (chitarra portoghese)
  • Grazioso
  • Contraddanza Scalcagnata
  • Arietta
  • Funerale Conte Fabrizio
  • Presagi
  • Tammuriata Dei Coltelli
  • Tarantella Dei 4 Venti
  • Stella Maris (ripresa)
  • Il Viaggio
  • Tema di Elisa (violino struggente)
  • Moresca
  • Benac
  • Tema di Christian (violoncello)
  • Danza Della Vendemmia
  • Tema di Elisa

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Per la realizzazione della seconda stagione di questa fiction-kolossal in costume, la produzione ha scelto Otranto come location per le riprese (iniziate i primi di ottobre del 2004 e terminate nel luglio 2005).
  • I costumi, un migliaio, sono stati tessuti a mano.
  • La serie ha ispirato anche un album di figurine e un fumetto con i fotogrammi originali, nonché una parodia Disney disegnata da Silvia Ziche intitolata Paperina di Rivondosa.
  • I due attori protagonisti, Vittoria Puccini e Alessandro Preziosi, si sono innamorati sul set e nel 2006 hanno avuto una figlia: Elena.
  • Jane Alexander si è dovuta tagliare corti i capelli per poter mettere le parrucche di Lucrezia mentre tutti gli altri si sono semplicemente fatti crescere i capelli della lunghezza giusta per fare le pettinature.

Doppiaggio[modifica | modifica sorgente]

In entrambe le stagioni le voci naturali di diversi attori stranieri sono state doppiate in modo da risultare in un italiano perfetto. Vi sono però alcune eccezioni: nella prima serie Linda Batista (Isabella), sebbene non sia italiana, recita con la propria voce mentre invece nella seconda stagione è stata doppiata da Alessandra Cassioli; mentre Pamela Saino e Riccardo Simone Sicardi sono stati doppiati (rispettivamente da Perla Liberatori e Jacopo Bonanni) perché avevano una voce poco adatta al ruolo che interpretavano. Nella seconda stagione vale la stessa cosa per Raffaello Balzo (Armand Benac) doppiato da Nanni Baldini.

Nonostante l'attrice britannica Jane Alexander (Lucrezia Van Necker) parlasse perfettamente l'italiano sia nella prima che nella seconda stagione è stata doppiata da Emanuela Rossi mentre in La figlia di Elisa - Ritorno a Rivombrosa ha invece recitato con la propria voce.

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il Sole 24 ORE.com - Celentano chiude con ascolti rock e Vespa ringrazia
  2. ^ Repubblica.it/spettacoli_e_cultura: Tutti pazzi in tv per Elisa In 13 milioni per il gran finale

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Elenco delle serie televisive trasmesse in Italia: 0-9 | A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z
televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione