Teatro Dehon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Teatro Dehon
Teatro Dehon Bologna.JPG
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàBologna
IndirizzoVia Libia 59, Bologna
Dati tecnici
TipoSala rettangolare con posti a sedere disposti in gradinata discendente
FossaAssente
Capienza500 posti
Realizzazione
Costruzioneanni 1950
ArchitettoGasperi-Campani e Bettazzi
Sito ufficiale

Coordinate: 44°29′48.15″N 11°21′58.27″E / 44.496707°N 11.366186°E44.496707; 11.366186

Il Teatro Dehon è un teatro di Bologna, costruito sotto alla chiesa di Santa Maria del Suffragio all'incrocio tra via Libia e via Sante Vincenzi, nel distretto Cirenaica del quartiere San Donato-San Vitale.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il teatro è situato sotto la chiesa di Santa Maria del Suffragio, in via Libia. Tutto il complesso fu costruito negli anni 1950 su progetto degli ingegneri Italo Gasperi Campani e Rodolfo Bettazzi con la collaborazione dell'architetto Umberto Spagnoli, del professor Roberto Alessi, del geometra Roberto Nardi e di Cesare Gennai. Il teatro prende il nome da Leone Dehon, il fondatore della Congregazione dei Sacerdoti del Sacro Cuore di Gesù (noti anche come dehoniani), ordine a cui è affidata la parrocchia dove sorge la chiesa.

In origine si trattava di un cinema-teatro parrocchiale, gestito direttamente dai padri dehoniani e utilizzato per le iniziative ricreative e culturali della parrocchia. Alla fine degli anni 1970 la struttura si trovò ad affrontare una grave crisi di pubblico e incassi, dovuta sia alla crescente popolarità della televisione sia al progressivo spopolamento del quartiere. La parrocchia decise quindi di dare il teatro in gestione ad alcune compagnie teatrali.[2]

Il teatro è gestito dal centro culturale Teatroaperto, che ha operato la completa ristrutturazione del locale nel 1986 ed ha attivato dal 1990 una scuola di teatro. La compagnia stabile del teatro è la compagnia Teatroaperto, fondata nel 1974 da Guido Ferrarini, attore, regista ed autore teatrale. La programmazione del teatro comprende sia produzioni della compagnia del teatro sia spettacoli di compagnie ospiti.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La sala dispone di una platea con 500 posti a sedere. Il palcoscenico misura 22,60 metri in larghezza e 7,54 metri in profondità. Il boccascena è 10 metri in larghezza e 5,15 metri in altezza.[3]

Attività[modifica | modifica wikitesto]

La programmazione inizia abitualmente verso la fine di settembre, quando i principali teatri bolognesi sono ancora chiusi, e prosegue fino a maggio inoltrato. I generi spaziano dai classici (da William Shakespeare a Molière), alla danza e all'operetta, dal teatro contemporaneo italiano alla commedia dialettale bolognese.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Teatro Dehon, su Teatri di Bologna.
  2. ^ Arrigo Lucchini, Cronache del teatro dialettale bolognese: dalle origini ai nostri giorni, Edizioni Pendragon, 2006, ISBN 9788883424700.
  3. ^ scheda tecnica, su teatro Dehon.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]