Luciano Lucignani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Luciano Lucignani (Roma, 11 gennaio 1922Roma, 11 ottobre 2008) è stato un regista, sceneggiatore, critico teatrale e insegnante italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la maturità classica si iscrive all'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica di Roma. Suoi compagni del periodo sono Vittorio Gassman, Luciano Salce, Vittorio Caprioli, Adolfo Celi, Mario Landi.

Nel dopoguerra, impegnato culturalmente nel PCI, si occupa di regia e critica teatrale - negli anni '50 è alla redazione del quotidiano L'Unità, accanto a Tommaso Chiaretti che si occupava di critica cinematografica - sceneggiature, allestimento di spettacoli, partecipandovi anche come attore; nel 1955, è coregista dell'opera teatrale Kean - Genio e sregolatezza di Gassman, e nel 1969 autore, regista e interprete insieme a Celi e Gassman della pellicola autobiografica L'alibi.

È stato fondatore nonché direttore fino alla sua scomparsa dell'Accademia d'Arte Drammatica della Calabria, che aveva sede a Palmi.

Nel 2002 il governo italiano gli concede il contributo vitalizio straordinario (legge Bacchelli) per meriti culturali[1].

È morto a Roma nell'ottobre 2008.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Kean, genio e sregolatezza di Alexandre Dumas, regia di Luciano Lucignani e Vittorio Gassman, prima al Teatro Carignano di Torino il 26 gennaio 1955.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN41969598 · ISNI (EN0000 0000 6156 2972 · SBN IT\ICCU\RAVV\041145 · LCCN (ENn83036135 · GND (DE117260851 · BNF (FRcb12889285d (data) · WorldCat Identities (ENn83-036135