André Darrigade

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
André Darrigade
Anefo 911-3766 Tour de France.jpg
Nazionalità Francia Francia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada, pista
Ritirato 1966
Carriera
Squadre di club
1951-1954 La Perle
1955 La Perle
Bianchi
1956-1957 Helyett
Bianchi
1958-1960 Helyett
1961 Alcyin-Leroux
1962 Gitane
1963-1965 Margnat-Paloma
1966 Kamomé-Dilecta-Dunlop
Nazionale
1953-1964 Francia Francia
Palmarès
Campionati del mondo 1 1 2
Campionati nazionali 1 1
Per maggiori dettagli vedi qui
 

André Darrigade (Narrosse, 24 aprile 1929) è un ex ciclista su strada e pistard francese, professionista dal 1951 al 1966.

Era un velocista. Vinse il Giro di Lombardia nel 1956, il Campionato del mondo nel 1959 una tappa al Giro d'Italia e ventidue al Tour de France conquistando la maglia verde nel 1959 e 1961.

Dalla scomparsa di Ferdi Kübler, avvenuta nel dicembre 2016, è il più anziano ex-campione del mondo dei professionisti vivente.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Darrigade fu campione nazionale su strada nel 1955. Vinse il titolo di campione del mondo su strada nel 1959 a Zandvoort (davanti all'italiano Michele Gismondi), e giunse secondo nel 1960 dietro Rik Van Looy e terzo due volte, nel 1957 e nel 1958. È l'unico ciclista ad essere salito sul podio dei Campionati del mondo per quattro anni consecutivi.

Negli anni cinquanta e negli anni sessanta fu tra i protagonisti del Tour de France, nel quale vinse ventidue tappe e, per due volte, la classifica a punti (nel 1959 e nel 1961), indossando diciannove volte la maglia gialla. Fu protagonista della drammatica volata nel velodromo parigino durante l'ultima tappa del Tour 1958 (poi vinta dall'italiano Pierino Baffi). Al primo posto e a pochi metri dal traguardo, Darrigade urtò violentemente la testa contro il giardiniere del Parc des Princes sportosi imprudentemente per vedere l'arrivo dei corridori. L'uomo ebbe la peggio, spirando dopo 12 giorni di agonia.

È l'unico ciclista ad aver vinto almeno una tappa in dieci edizioni consecutive del Tour (dal 1955 al 1964). Partecipò due volte al Giro d'Italia, nel 1959 e nel 1960, vincendo una tappa nel 1960.

Vinse il Giro di Lombardia nel 1956, battendo in volata al Velodromo Vigorelli Fausto Coppi, all'ultimo piazzamento in una classica monumento.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Strada[modifica | modifica wikitesto]

Bordeaux-Saintes
10ª tappa Tour d'Algerie (Tizi Ouzou > Bijaya)
1ª tappa Paris-Côte d'Azur (Parigi > Pougues-les-Eaux)
1ª tappa Paris-Nice
Circuit des Deux-Ponts
1ª tappa Paris-Saint Etienne
12ª tappa Tour de France (Luchon > Albi)
La Rochelle-Angouleme
6ª tappa Tour du Sud-est
Gran Prix du Pneumatique
Gran Prix de la Marseillaise
2ª tappa Tour de Picardie
Classifica generale Tour de Picardie
Grand Prix de "L'Echo d'Alger"
Campionati francesi, Prova in linea
2ª tappa Tre giorni di Anversa
6ª tappa Tour de France (Colmar > Zurigo)
Grand Prix des Oeuvres sociales
1ª tappa Tour de France (Reims > Liegi)
Giro di Lombardia
3ª tappa, 1ª semitappa Tour de Romandie
1ª tappa Tour de France (Nantes > Granville)
21ª tappa Tour de France (Libourne > Tours)
22ª tappa Tour de France (Tours > Parigi)
Grand Prix d'Orchies
Grand Prix de Ravennes
1ª tappa Quatre Jours de Dunkerque (Dunkerque > Dunkerque)
1ª tappa Tour de France (Bruxelles > Gand)
9ª tappa Tour de France (Quimper > Saint-Nazaire)
15ª tappa Tour de France (Luchon > Tolosa)
17ª tappa Tour de France (Béziers > Nîmes)
22ª tappa Tour de France (Aix-les-Bains > Besançon)
Parigi-Valenciennes
1ª tappa Tour de l'Ouest
Campeonatos en Barcelona
Critérium National de la Route
1ª tappa Tour de France (Mulhouse > Metz)
11ª tappa Tour de France (Bagnères-de-Bigorre > Saint-Gaudens)
Campionati del mondo, Prova in linea (Zandvoort)
6ª tappa, 1ª semitappa Paris-Nice (Avignone > Vergèze)
5ª tappa Genova-Roma (Perugia > Roma)
2ª tappa Tour de Romandie (Montana > Estavayer)
4ª tappa, 1ª semitappa Tour de Romandie (Colombier > Morges)
17ª tappa Giro d'Italia (Lecco > Verona)
6ª tappa Tour de France (Caen > Saint-Malo)
Man'x Trophy
Grand Prix des Oeuvres sociales
2ª tappa Paris-Nice (Avallon > Montceau-les-Mines)
1ª tappa Critérium du Dauphiné Libéré
Grand Prix de Rousies
1ª tappa, 1ª semitappa Tour de France (Rouen > Versailles)
2ª tappa Tour de France (Pontoise > Roubaix)
13ª tappa Tour de France (Aix-en-Provence > Montpellier)
20ª tappa Tour de France (Périgueux > Tours)
3ª tappa Vuelta a Levante
3ª tappa Vuelta a Levante
3ª tappa Critérium du Dauphiné Libéré
2ª tappa, 1ª semitappa Tour de France (Spa > Herentals)
3ª tappa Tour du Sud-est
3ª tappa Tour du Var
6ª tappa, 2ª semitappa Paris-Nice (Vergèze > Margnat Village)
12ª tappa Tour de France (Luchon > Tolosa)
Gênes-Nice
5ª tappa Paris-Nice (Saint-Étienne > Bollène)
8ª tappa Critérium du Dauphiné Libéré
9ª tappa Critérium du Dauphiné Libéré
2ª tappa Tour de France (Lisieux > Amiens)
18ª tappa Tour de France (Bayonne > Bordeaux)
3ª tappa Circuit provençal
4ª tappa Tour du Sud-est

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

Grand Prix d'Eckbolsheim (Kermesse)
Boucau (Criterium)
Issoire (Criterium)
Nilvange (Criterium)
Gran Prix de la Soierie (Criterium)
Arras (Criterium)
Bordeaux (Criterium)
Mont-de-Marsan (Criterium)
Prix Camille Danguillaume Monthlèry (Criterium)
Gran Prix de la Soierie (Criterium)
Premio della Combattività Tour de France
Trofeo Baracchi (Cronocoppie con Rolf Graf)
Amiens (Criterium)
Moulins-Engilbert (Criterium)
Brigueil-le-Chantre (Criterium)
Beverlo (Derny)
1ª tappa Tour de France (Cronosquadre)
Vergt (Criterium)
Chalon sur Saone (Criterium)
Saint-Denis de l'Hotel (Criterium)
Gran Premio d'Europa (Cronosquadre)
Gran Prix de la Ville et des commerçants de Guéret (Criterium)
Boulogne sur Mer (Criterium)
Critérium d'Alger (Criterium)
Auch (Criterium)
Londerzeel (Criterium)
1ª tappa Gran Prix Marvan (Cronosquadre)
Classifica a punti Tour de France
Trophée Longines (Cronosquadre)
Dublin (Criterium)
Vayrac (Criterium)
Quillan (Criterium)
Arras (Criterium)
Classifica a punti Tour de France
Narbonne (Criterium)
La Bastide d'Armagnac (Criterium)
Grand Prix du Parisien (Cronosquadre)
Ronde d'Aix-en-Provence (Criterium)
Ronde des Korrigans (Criterium)
Vichy (Criterium)
Grand Prix de la ville et des commerçants de Guéret (Criterium)
La Bastide d'Armagnac (Criterium)
Chateau-Chinon (Criterium)
Miramont-de-Guyenne (Criterium)
Brioude (Kermesse)
Ronde de Monaco (Criterium)
La Châtaigneraie (Criterium)

Pista[modifica | modifica wikitesto]

Sei giorni di Parigi

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

1959: 42º
1960: 64º
1953: 37º
1954: 49º
1955: 49º
1956: 16º
1957: 27º
1958: 21º
1959: 16º
1960: 16º
1961: 32º
1962: 21º
1963: ritirato
1965: 67º
1965: 93º
1966: 62º

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

1956: 13º
1957: 9º
1958: 3º
1959: 25º
1961: 8º
1963: 45º
1964: 50º
1966: 40º
1951: 93º
1952: 28º
1955: 50º
1957: 4º
1958: 41º
1959: 19º
1960: 46º
1961: 51º
1962: 16º
1963: 18º
1964: 40º
1965: 41º
1956: vincitore
1957: 6º
1958: 20º
1959: 6º
1960: 44º

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Lugano 1953 - In linea: 17º
Frascati 1955 - In linea: ritirato
Copenaghen 1956 - In linea: 13º
Waregem 1957 - In linea: 3º
Reims 1958 - In linea: 3º
Zandvoort 1959 - In linea: vincitore
Karl-Marx-Stadt 1960 - In linea: 2º
Berna 1961 - In linea: ritirato
Salò 1962 - In linea: 16º
Ronse 1963 - In linea: 4º
Sallanches 1964 - In linea: ritirato

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Medaglia d'oro dell'Accademia dello Sport nel 1959
  • Inserito tra le Gloire du sport

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN2066858 · LCCN: (ENno97006282 · BNF: (FRcb12147103f (data)